lunedì 17 luglio 2017

Mani avanti.


Foglie di Olmo
L’Assessore Del Sordi, mette la mani avanti al fine di arginare le polemiche sulla potatura, drastica, degli Olmi di via Diacono e via Alviano. Potatura, in quanto a rischio caduta dopo la cosiddetta “tromba d’aria” di queste essenze. Tuttavia, non erano e non sono caduti, nonostante le sferzate d’aria cui erano stati sottoposti il 25 giugno. Viene solo ipotizzato il rischio.

Per questo motivo si dovrebbe ricorrere alla competenza di un agronomo per decidere cosa è meglio fare. Dato che il patrimonio arboreo è una enorme ricchezza, per salvaguardarlo, non sarebbe stato meglio avere un altro consulto con altro professionista e valutare attentamente il pro e il contro?


Analogamente, allora, in un bosco, dove ci sono parecchi sentieri ed escursionisti, che si fa? Per evitare il rischio della caduta degli alberi si devono togliere tutti gli alberi? O dove sono cadute anche tegole come in via Carducci e via Oberdan, per sicurezza, cosa si dovrebbe fare? Asfaltare il tetto?

@NevioCostanzo

3 commenti:

  1. Anni fa la Corte dei conti aprì un fascicolo sul taglio dei cipressi lungo la strada che dal Vallone porta a Gorizia.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. http://piazzatraunikgorizia.blogspot.it/2017/07/i-danni-dopo-lemergenza-maltempo-via.html

    RispondiElimina