giovedì 18 maggio 2017

Quanto può durare la messa in liquidazione di una società partecipata?

Iris, Isontina Reti Integrate e Servizi di Gorizia, è una società partecipata per la quale valgono gli obblighi di trasparenza previsti dalla legge (art.11 legge 33/2013). Tuttavia Iris afferma che “pur essendo una società a totale partecipazione pubblica, non svolge nessuna attività di interesse pubblico”. Anche l’Amministrazione Comunale di Gorizia, nella persona dell’assessore alle partecipazioni societarie, in risposta ad un’interrogazione scritta in data 22.1.2015 prot.2846/15, sostiene che “…Iris non svolge nessuna attività di interesse pubblico. Ciò premesso, la norma in esame (obbligo di trasparenza) non sembra applicabile a Iris”.
Isontina Ambiente è stata costituita da Iris a fine 2010 e “dall’avvenuta cessione del ramo energia (giugno 2011) Iris ha proseguito la sua attività (ormai non di pubblica utilità) al fine di portare a termine le operazioni di natura strategica per la chiusura definitiva della società”, inoltre “dal 1° gennaio 2011 non ha dipendenti”  (sempre dalla risposta dell’assessore al bilancio).
In sostanza, Iris e Comune di Gorizia sostengono che la società partecipata  non deve essere più trasparente, continuando però a percepire soldi pubblici: per quattro anni, cioè dal 2011 fino a tutto il 2014, ha avuto un C.d.A. con un presidente (compenso di 43.000 euro annui) e tre consiglieri (45.000 euro annui), un collegio sindacale con un presidente (21.000 euro annui) e due sindaci (28.000 euro annui) e un organo di controllo contabile (9.000 euro annui). A partire dal 26.1.2015 Iris ha un collegio dei liquidatori con un presidente (compenso di 38.160 euro annui) e due consiglieri (20.000 euro annui), un collegio sindacale con un presidente (7.500 euro annui) e due sindaci (10.000 euro annui), nonché un organo di controllo contabile (9.000 euro). Quindi per quattro anni (cioè dal 2011 al 2014) c’è stata una spesa per un totale di 589.000 euro e per due anni (2015 e 2016) di 169.320 euro, senza considerare i costi per l’anno in corso. Questi dati ed i relativi calcoli sono basati su dati che sono in nostro possesso e che in passato erano stati pubblicati in rete sulla pagina web di Iris; facciamo notare che ora sullo stesso sito i suddetti dati sono stati rimossi e che l’unica informazione disponibile al pubblico è lo statuto di Iris.

Oltre a questo, poiché Iris non ha più dipendenti, dal gennaio 2011 ad oggi agisce, come afferma nella stessa risposta l’assessore bilancio, a mezzo di “consulenti se e quando necessari (a chiamata) per svolgere e risolvere problemi  di natura giuridica/ legale/ fiscale/finanziaria/amministrativa/ organizzativa/ predisposizione di gare/realizzazioni di operazioni  straordinarie/ gestione consigli di amministrazione e assemblee/ rapporti con gli uffici preposti in caso di verifiche.”
Non capiamo proprio perché venga negata la trasparenza alla partecipata Iris in questa fase e in questo modo venga negata ai cittadini  la possibilità di conoscere e valutare. Che cosa si vuole nascondere con la scelta della segretezza? L’entità delle consulenze attribuite in tutti questi anni? La quantità delle spese fatte con i soldi pubblici? Un’altra informazione che vorremmo avere sono i tempi previsti per la liquidazione: il dott. Cottarelli, già Commissario alla Spendig Rewiev, nel suo “Programma di razionalizzazione delle partecipate locali” di qualche anno fa, sostiene che uno degli strumenti per “gonfiare” la spesa pubblica a danno dello stato e dei cittadini è, tra gli altri, quello di dilatare proprio i tempi della liquidazione. Per Iris siamo entrati nel sesto anno e questo non ci sembra poco, tanto più che si è deciso di avvolgere tutte le operazioni nella segretezza, scelta che ci sembra arbitraria. E perché mai il cittadino che paga i costi della liquidazione non può avere accesso ai dati delle spese di Iris e quindi gli viene negato il diritto di esercitare il controllo dovuto?
Rosamaria Forzi

29 commenti:

  1. L'assessore alle partecipazioni societarie e quello al bilancio sono la stessa persona : l'assessore Pettarin

    RispondiElimina
  2. Quindi una società partecipata, fatta diventare non più trasparente per sottrarla alla legge, può spendere per anni soldi per consulenze senza alcun controllo e all'insaputa dei cittadini ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le consulenze a chiamata puzzano indubbiamente di losco, chiaro che non vogliono renderle note!
      Vergogna Pettarin!
      Vergogna Romoli!
      E ora arriva il turbatore d'asta (prescritto, non assolto) Ziberna per continuare la loro opera.
      Meditate, gente, meditate!

      Elimina
    2. Iris ancora viva e vegeta? Con la Giunta Romoli da una parte e Iris nella galassia Pd dall'altra, non mi stupisco che la cosa sia stata messa sotto il tappeto e che nessuno dei partiti maggiori e tantomeno un qualsiasi candidato abbia reagito alla denuncia di Rosamaria sul Piccolo. Questo si chiama consociativismo, direi da manuale. Hai voglia a parlare di Roma o del meridione, basta rimanere nella nostra Gorizia se si vuole raccontare cosa non funziona in Italia

      Elimina
    3. Ma Forzi dove trova queste informazioni?

      Elimina
    4. I dati sui compensi del CdA erano sul sito di Iris prima che fosse fatta diventare una "partecipata non trasparente". I dati relativi ai "consulenti se e quando necessari (a chiamata" sono nella risposta scritta firmata da Pettarin per un consigliere comunale. E' tutto scritto e controllabile. R.Forzi

      Elimina
    5. Quindi i dati potevano essere visti da tutti. Anche dai consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione. Anche dai 5stelle . Ma non sono quelli che vogliono la trasparenza?

      Elimina
    6. a parole sono bravi tutti, anche i 5stelle
      in pratica a gorizia in consiglio comunale non esiste opposizione
      vogliamocambiare?

      Elimina
  3. Da segnalare alla corte dei conti, da loro non possono certo nascondersi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il "non sembra" di Petterin e' una porcata formale che lui scrive in malafede solo per evitare una sicura denuncia. Se Iris viene ancora finanziata con soldi pubblici la trasparenza ci deve essere. Se la trasparenza viene negata, viene commesso un atto illegale. Da Pettarin e dal management di Iris. Non voglio neanche pensare alla melma che cercano di nascondere.

      Elimina
    2. Anche la descrizione di Pettarin sull'uso di "consulenti se e quando necessari (a chiamata) per svolgere e risolvere problemi di natura giuridica/ legale/ fiscale/ finanziaria ecc. ecc. ecc." é talmente generica e ampia da far rabbrividire.
      #Pettarin #CorteDeiConti

      Elimina
    3. blogspot è così arcaico che gli # non funzionano

      Elimina
    4. Anche se qui non funzionano, questi sono i miei hashtags:

      #Romoli

      #Pettarin

      #ForzaItalia

      #MafiaGoriziana

      #CorteDeiConti

      Elimina
  4. Visto che non vogliono che IRIS sia trasparente, chissà quanti parenti, amici e compagni di partito di Pettarin e di Romoli hanno offerto la loro 'competenza' all'eternamente liquidanda IRIS!

    RispondiElimina
  5. Di questo si deve parlare in campagna elettorale, dello sperpero del denaro pubblico e di questi probabili casi di corruzione! (di cui fra l’altro parla così concretamente solo il Forum)

    Che i partiti in giunta vengano finalmente controllati e che quelli di opposizione in consiglio comunale escano dalla loro melina dilettantistica...o restino a casa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può sapere chi sono gli esponenti del CdA,i sindaci e gli altri?

      Elimina
    2. Tutti inomi dal 2010 a oggi. Senza dimenticare nessuno dei cosiddetti consulenti. Scommetto che salta fuori una bella parentopoli

      Elimina
    3. Questo il collegio dei liquidatori dal 20.1.2015:Presidente Armando Querin già Presidente CdA,liquidatori Sturzi Franco e Nogherotto giulia. Collegio sindacale : Presidente Lapovich Angelo, sindaci Boaro Maurizio e Ceccotti Laura. Organo di controllo contabile in carica : Mazars S.p.A. Padova. I consulenti non sono noti, naturalmente. R .Forzi

      Elimina
    4. "Naturalmente"

      Elimina
  6. Il Forum scopre l'annoso problema delle società partecipate pubbliche, meglio tardi che mai.
    Il tema delle Società con capitale in mano pubblica è di grande attualità, non solo sui
    media e nelle discussioni politiche, ma anche per i risultati delle verifiche effettuate dal Magistrato contabile e, da ultimo, per le proposte avanzate dal Commissario straordinario
    per la cd. Spending review.
    Da tali analisi emergono carenze, malfunzionamenti e degenerazioni che, da tempo immemore, segnano tale comparto tanto da configurare un «annoso problema».
    I principali e ricorrenti fattori scatenanti vengono rinvenuti nella numerosità degli organismi, nella scadente qualità dei servizi, nell’onerosità per la finanza pubblica, nell’improduttività, nell’opacità contabile e di bilancio, nell’insostenibile indebitamento,
    nell’alto tasso di corruttela, a tacer d’altro.
    ghino di tacco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bettino Craxi redivivo! O forse il suo ex compagno di partito Pettarin?
      Bettino-Ghino era bravo a fare chiacchiere generiche (e anche a rubare, come ci insegna la storia), proprio come chi lo sta emulando con questo commento banale e terra terra che sembra copiato da wikipedia.
      Ma se una cosa è dire in generale ed in modo approssimativo cosa non va nel mondo, ben altro è mettere il dito nella piaga giusta, come ha fatto la Forzi. Chissá cosa si scopre se si va ad indagare dove ci dice la Forzi!

      Elimina
    2. Cavolo! Se non ci fosse il Forum nessun goriziano saprebbe che Iris non è ancora stata liquidata e che sta pesando da 6 anni sulla collettività senza alcuna ragione. Ti sembra poco, brigante craxiano?

      Elimina
    3. è vero, ma rubavo per il partito! Mentre voi prendevate i rubli da Mosca, te lo sei già dimenticato compagno?

      Elimina
    4. O brigante, tu il compagno lo darai alla tu' sorella. Ladri e comunisti sono due disgrazie di questo paese. Torna a fare le tue prediche agli scoiattoli nei boschi o vai da da fi o dal pd, forse da loro sarai finalmente compreso

      Elimina
  7. Signora Forzi, grazie ai dati che ha raccolto sono dell'opinione che ci siano realmente gli estremi per fare un esposto alla Corte dei Conti. Una liquidazione di sei anni non ha ragion d'essere neanche per imprese di dimensioni maggiori di Iris, ma penso sia solo una costosa punta dell'iceberg dello sperpero di soldi pubblici. Il tema delle consulenze reppresenta un capitolo a parte, potenzialmente molto interessante sia per la Corte dei Conti che per l'opinione pubblica.
    La risposta dell'assessore Pettarin che nega l'accesso dei dati di un'azienda ancora finanziata con denaro pubblico non regge dal punto di vista legale e insospettisce qualsiasi osservatore attento. Non si fermi ora, Signora Forzi!

    RispondiElimina
  8. Questa storia di Iris mi lascia basita. Mi spaventa che nessun politico abbia ancora reagito alla tua denuncia, Rosa Maria. Vai avanti con questa cosa, che questa volta potresti scoperchiare qualcosa di pesante. Oltre che portare il caso alla Corte dei conti, potresti presentarlo ai giornalisti di Report...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari la Gabanelli fosse ancora a Report!

      Elimina
    2. Report sarebbe ideale. Gabanelli o no, la Forzi non la ferma nessuno, basta che ci sia un amplificatore del diritto alla trasparenza, il resto lo fa lei, come le altre volte.
      Voglio vedere come spiegano sei anni di "liquidazione" ai media nazionali e soprattutto come provano a continuare a negare l'accesso ai dati delle "consulenze". Fuori con le cifre e nomi, caro Romoli e caro Pettarin!!!

      Elimina
  9. Anche se non sono dei vostri, questa cosa di iris mi interessa molto.
    Essere integri non ha colore politico.
    Bisogna andare a fondo della questione senza guardare in faccia a nessuno.
    Con l'abuso e lo spreco non si scherza

    RispondiElimina