domenica 2 aprile 2017

Rude banca e rude politica.


Tutti mi ripetono che in campagna elettorale non si può criticare nessuno, ma qualche volta, almeno dopo mangiato o di domenica o quando si è con amici... anche perchè se si tiene tutto dentro viene il male che non nomino. Dunque oggi l'ennesimo articolo sui piccoli negozi che chiudono. Anche le merceria di via Diacono. E' un peccato non solo per l'economia, ma per i rapporti sociali, perchè gli anziani che non se la sentono di guidare la macchina, hanno paura delle rotonde nuove dove imboccano direzioni sbagliate, chiedono passaggi per andare in cimitero, vedono nel negoziante un punto di riferimento per chiedere informazioni, aiuti, ecc. Un presidio sociale la bottega, che andava  tutelata in ogni modo.

Noi del Forum lo abbiamo detto, denunciando l'osceno e inutile consumo di suolo, l'assurdità di parlare di ulteriori aperture di centri commerciali come occasione di lavoro, non comprendendo che altro lavoro più qualificato si sarebbe perso, progetti tra l'altro che non sono più redditizi e che nessuno vuole finanziare, ma che ci hanno fatto gettare via soldi. Ma chi ha voluto i vari Leonardo, multi piano Manzoni, zona commerciale in via Terza Armata e adesso la variante 41? Quelli che adesso affiggono manifesti invocando genericamente Turismo e Commercio, e da dove proclamano i loro slogan? Dai palazzi dismessi delle banche, banche succhiasoldi che producono crisi finanziarie e poi taglieggiano i servizi sociali per ripagare il debito. Dunque cementificazione è uguale a distruzione dei piccoli negozi e dei centri commerciali è uguale a manifestoni con faccioni di uomini soli al comando che usano siti di banche vampiresche per convincere i cittadini. 

Non funziona più così: parlano di modelli di sviluppo vecchi come il cucco, di istituzioni che andrebbero riformate, di one man show, di esibizione muscolare che non affascina più nessuno. PICCOlo è invece bello, è nuovo, sorride senza Photoshop e sta al fresco in una sede simile ad una cantina, ma assomiglia alla gente comune, a quelli come noi. 
adg

59 commenti:

  1. Sono a confronto due modi di concepire la vita e il mondo: quello muscolare e quello della condivisione e del rispetto dell'altro.
    Il primo ha portato ad una sempre maggiore concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi, ad un progressivo impoverimento della restante popolazione e alla devastazione dell'ambiente.
    I giganto-manifesti che si vedono per Gorizia lo esprimono molto bene...
    ss

    RispondiElimina
  2. Infatti.esposto e il partito del cemento del supermercato del prima gli italiani della pacca sulla spalla #luganighecalcetto

    RispondiElimina
  3. sono d'accordo con Adg. Gorizia e' oltretutto una citta' di persone anziane,moltissime, che non guidano o non guidano piu'. Comunque autonomi. Per le piccole cose quotidiane si scende sottocasa a fare acquisti, al massimo si cerca di restare in zona. il pane, il latte,il giornale, la farmacia...Le pile per il telecomando, una lampadina, cose quotidiane ormai raggiungibili solo in quegli immensi ipermercati irraggiungibili a piedi e senza anima. niente di utile a parte le solite costosissime profumerie, qualche straccivendolo e un apri chiudi continuo di bar e alcolerie per affogare la depressione...

    RispondiElimina
  4. Speriamo che i Goriziani capiscano che il rude politico nn lo ha "prescritto" il medico!

    RispondiElimina
  5. THE DONALD - "2"
    Tornando al pesce d'aprile su D. TRUMP a Gorizia, sempre restando in tema U.s.a. e di commercio, viene spontaneo accennare allo scacco matto dato da Nova Goica alla "città madre".... l, ennesimo scacco matto....
    Circa un anno fa chiudeva desolatamente dopo circa 3 o 4 anni il mc donald, aperto in una zona piuttosto tetra e buia di periferia, non illuminata adeguatamente e non servita da piste pedonali e ciclabili.... Ebbene dopo pochi mesi al vicino QLandia, hanno costruito un "bellissimo " Donald" in uniforme e colori d'ordinanza.... Sembra che già funzioni a pieno regime e che la clientela italiana superi di gran lunga i clienti originari del posto: della serie....
    - Prima il pieno di benza;
    - Poi una bella spesa al centro comm. QLandia....
    (E qui apriamp una postilla, il goriziano pensa: mi hanno chiuso l'iper a Gradisca, in quanto le coop rosse hanno fatto la scelta renziana di attaccarsi allo strapotere Ikea,costringendo i soci e non a raddoppiare la strada per fare la spesa e lasciando un'area enorme desolata nel cuore della Provincia di Gorizia, un area quindi di proprietà di tutti i soci, vero? trattandosi di una Coop....
    - Infine, dopo la spesa e la benza, dato che non ho voglia di farmi da mangiare mi fermo con la muleria a mangiare un panozzo, magari la carne è slovena o ungherese ed è migliore del Mc donald di Ud o Monfi....
    Evvabè, Pesce di.... MARZO!
    mauro

    RispondiElimina
  6. P.s.
    Chissà se Joseph (Tito), avrebbe approvato l'apertura di bellissimo Mc Donald in (pre) ex Cortina di Ferro.
    mauro

    RispondiElimina
  7. Boh, in Slovenia in generale non e' che si mangia granche' bene...

    RispondiElimina
  8. Si, però ogni fine settimana centinaia di goriziani e limitrofi vanno a pranzo e cena nei locali sloveni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si, a ingozzarsi di carni e roba fritta, capirai.

      Elimina
    2. Ingozzarsi di carni e roba fritta? Ma dove? Nelle gostilne slovene, dove è possibile mangiare dalle 10 di mattina alle 23, ci sono splendidi menu vegetariani, pietanze senza glutine, vivande tipiche... a prezzi sempre accessibili. Non so che Slovenia conosca il commentatore delle 23.02 e 23.34.

      Elimina
    3. Probabilmente conosce quella della ex cortina di ferro,e dopo quasi trent'anni che la cortina è scomparsa non riesce ancora a farsene una ragione. Comunque guardando la geopolitica attuale, sembra che la cortina di ferro stia per ritornare, solo che questa volta ho come l'impressione che se la passeranno meglio quelli dall'altra parte.

      Elimina
    4. Che stupida risposta. Del resto, se permette, con tutto il rispetto per la splendida Slovenia, si mangia decisamente meglio in Italia. Tra Puglia Sicilia e Costa Amalfitana la gostilna mi fa in baffo.

      Elimina
    5. Ok mi ha convinto: stasera niente zvezda vado in costiera amalfitana

      Elimina
    6. Ottima scelta,ma io ci vado in bici perché se esagero con il limoncello almeno non rischio la patente.

      Elimina
  9. voler resistere al progresso della storia facendo balenare lo spettro del danno economico è stato sempre l’espediente dei più pericolosi demagoghi

    RispondiElimina
  10. Il progresso della storia lo determinano gli uomini con le loro azioni razionalmente.Fare cemento e desertificazione lo fanno alcuni per il loro personale profitto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei fa parte di certo ambientalismo oltranzista e populista che trova nella polemica sbracata contro l’architettura e i lavori pubblici di ogni tipo nuovo slancio e nuova linfa. Il cemento è materia prima per ogni miglioria urbana.

      Elimina
    2. "Il cemento è materia prima per ogni miglioria urbana" è bellissimooooooooooo...per favoreeeee..mettete questo slogan accanto ai manifesto coi faccioniiiiiiiii

      Elimina
    3. "Il cemento è materia prima per il sistema delle mazzette". Forse il commentatore delle 15.18 sottointendeva questo,magari con il cemento e le mazzette ci campa come tutta la casta dei palazzinari e dei politici corrotti.

      Elimina
  11. Donald Trump non saprebbe scrivere di meglio!

    RispondiElimina
  12. Sono d'accordo con l'anonimo delle 23.34, in Slovenia ora c'è molta scelta e qualità, dalla Gostilna rustica al ristorante di pesce crudo da 100 euro. Anonimo delle 18.41 : se per mangiare meglio del goriska brda devo andare in Puglia o Sicilia o Costiera amalfitana....si trattava di valutare il fenomeno dei ristoranti sloveni dove la clientela parla quasi esclusivamente italiano
    mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Se non ci fossero I Clienti italiani magereste le solite lubianske strafritte e cevapcici legnosi e gonfi di aglio. Normalmente e' cosi. La cucina Slovena quella e', non contempla ricchezza di ingredienti, varieta', gusto ecc.. della cucina italiana. Per favore non prendiamoci in giro.

      Elimina
    2. De gustibus non est disputandum... Oppure il nazionalismo trumpista all'italiana vuole vietare anche di esprimere una buona opinione sulla cucina slovena? Opinione che non vieta affatto di riconoscere - come è ovvio - la qualità di quella italiana. Ma perché dovrebbero essere contrapposte?

      Elimina
    3. Nazionalismo trumpista? Ma cosa sta dicendo? La realta' e' semplice e pratica. Se in Italia apriamo 100 locali che servono sushi o paella potremo anche ottenere fatturati stellari con la clientela, ma resta il fatto che anche senza sushi e paella si mangia benissimo. con tutto l'amore che ho per la slovenia dove trascorro tutte le mie vacanze estive, avendo una casa di famiglia lassu', crauti, patate e klobaza hanno comunque un limite...

      Elimina
    4. Crauti patate e klobasa? Come l'Italia pizza e maccheroni... Mi meraviglio di più, se ha una casa in Slovenia. La prossima volta che ci va provi lei a scrutare il menu: gobova juha, zelenjavna pita, zelenjaven kroznik, palačinke, brinjavec se è vegetariano; se no filetto alla carsolina con un buon refosk, tacchino (puran) in salsa di noci oppure una trota in almeno 40 diverse modalità di cottura... Così, solo qualche suggerimento se non vuole mangiare crauti, patate e klobasa. Evitando gli stereotipi, hvala lepa...

      Elimina
    5. le 40 modalita' di cottura di una trota?
      con tutto il rispetto, di nuovo, lei capisce che...

      Elimina
    6. Te son mai stado a magnar "pri mostu" a Plave? Bòn, lì te trovi 40 modi diversi de far la trota... col radicjo, co le mandorle, co'l miele, co'l prosut in tako dalje...

      Elimina
  13. Mi dispiace ma la cucina italiana è infinitamente superiore. E il vino? Lasciamo perdere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fare un paragone tra la cucina italiana e quella slovena mi sembra alquanto azzardato. L'Italia va dall'alto adige fino alla sicilia e mi sembra ovvio che le nostre specialità gastronomiche siano infinitamente più varie di quelle della slovenia che è grande forse due volte la nostra regione.In quanto al vino penso che in un confronto tra colli orientali e collio vs goriska brda e vipavska dolina non so chi ne uscirebbe vincitore.

      Elimina
    2. Ma il vino italiano va dal barolo al brunello al nero d'Avola...solo per citarne alcuni.

      Elimina
    3. Ripeto che geograficamente l'Italia e "leggermente" più vasta della Slovenia. Meglio fare paragoni a livello locale, ad esempio con il triveneto per non voler "vincere facile".

      Elimina
  14. Ma vi sembra interessante questa discussione sulla cucina slovena? Poveri noi, che livello...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divagazioni...semplici e innocenti divagazioni.Almeno si discute di qualcos'altro invece della solita politica.

      Elimina
    2. La gastronomia è un'arte che permette di comprendere meglio la cultura di un popolo. Cosa c'è di male a discuterne?

      Elimina
    3. Soprattutto in un post dedicato a Ziberna

      Elimina
  15. ..d'accordo tutto ma come fazeva i gnocchi mia nonna...

    RispondiElimina
  16. ...anche la mia...

    RispondiElimina
  17. ...sì ma le iera taliane o slovene...?

    RispondiElimina
  18. Ottimi gli "gnocchi" italiani e quelli sloveni, perché far graduatorie... in tutti i sensi naturalmente.

    RispondiElimina
  19. Viva la cucina "goriziana" (italo-slovena)!!!! :-)

    RispondiElimina
  20. Caspita..che tavola rotonda si è sviluppata.. ora manca solo il campanilismo Go - Monfalcone..... Mai a Monfalcon! Sei di Gorizia e devi venire a Monfalcon? Monfalcon una nasion! Gorizian devi far il visto per vegnir qua....
    mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OK . Avanti con un nuovo sondaggio:meio la gubana o la putizza...altro che ziberna picco o collini...

      Elimina
  21. E' strano come le cavolate abbiano sempre grande successo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è strano
      È la ragione per la quale gorizia va così male: lasciamo la città ai faccioni che si fanno i loro affaroni e noi parliamo di cazzate

      Elimina
    2. Sempre stata la strategia di chi ha il potere.A loro i chef a 5 stelle a te la luganiga fatta con il cibo dei gatti e devi dire grazie perché c'è gente che muore di fame

      Elimina
  22. Mi piaceva di più la veste del blog che c'era prima e tutto questo giallo mi fa venire l'itterizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai a trieste, il reparto itterizia a gorizia non c'è più

      Elimina
  23. Non piace neanche a me. Cambierei l'addetto all'immagine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sdoppiamenti della personalità, comincia col cambiare psicologo

      Elimina
  24. tutto questo giallo è davvero eccessivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..paura eh?
      il pericolo giallo...

      Elimina
  25. Il giallo è un colore davvero orrendo.

    RispondiElimina
  26. Capisco.A te piace il nero perché smagrisce

    RispondiElimina
  27. anche il rosso non è male.

    RispondiElimina
  28. e il blu dove lo mettiamo?

    RispondiElimina
  29. Non si potrebbe denunciare Zibi alla Corte dei Conti?

    RispondiElimina
  30. Grandeeeeeee!!!! Femolo subito!!!!

    RispondiElimina