domenica 12 marzo 2017

Ma l'Italia è un Paese normale?

Matteo Renzi sta per essere rieletto segretario del Partito Democratico, primo passo per potersi ricandidare alla carica di Presidente del Consiglio dei Ministri alle prossime elezioni politiche.
A questo punto penso che una riflessione sia d’obbligo.
Matteo Renzi diviene Presidente del Consiglio scalzando Enrico Letta con una manovra di palazzo da basso impero più che da repubblica democratica e dopo averlo rassicurato con la ormai impronunciabile frase: “Enrico, stai sereno”.
Dopo una serie di proclami ( e di slides), uno più sbalorditivo dell’altro, vediamo cosa è stato fatto e con quali risultati.
1. Riforma costituzionale: bocciata dal referendum confermativo con un sonoro 60% a 40%;
2. Riforma della legge elettorale: dichiarata dalla Corte Costituzionale non conforme alla Costituzione;
3. Riforma della Pubblica Amministrazione: dichiarata per alcuni aspetti incostituzionale;
4. Riforma del diritto del lavoro : sottoposta a referendum abrogativo su alcuni articoli;
5. Riforma del diritto tributario: non pervenuta;
6. Bonus di 80 euro ad alcune fasce di reddito per rilanciare i consumi: i consumi sono rimasti invariati.
A questo panorama già così ampiamente sconfortante, si deve aggiungere che tutti i dati economici del Paese sono negativi, nonostante la congiuntura internazionale favorevole sotto molteplici aspetti.
Come Segretario del PD è riuscito brillantemente a sfasciare il partito, dando luogo, oltretutto, ad una farsa davvero penosa.
Come ciliegina sulla torta, ricordo soltanto che il padre e uno dei suoi più stretti collaboratori,  nonché amico personale, sono indagati per una delle più brutte vicende cui si sia assistito negli ultimi anni.
Considerato tutto ciò, vi sembra normale che una persona con questo curriculum si candidi alla guida del Paese?
So.Sa.

P.S. Nella mozione del nostro candidato, in discussione in questi giorni al Lingotto di Torino, compare la proposta di rendere segreto l’avviso di garanzia.
Come al solito, il vero problema non sono le notizie ma la fuga di notizie.

4 commenti:

  1. A questo punto credo che solo la fusione tra PD e PDL (o forza italia) con l'aiuto della troika della merkel, della criminalità organizzata, di soros e le sue ong e dell'isis possa salvare questa banda di farabutti che ci sta governando. Ah... dimenticavo serve anche l'aiuto del popolo bue.

    RispondiElimina
  2. Ma Renzi non doveva cambiare i toni? Al Lingotto ha dato della xylella, che è notoriamente un parassita, ad Emiliano. Se questo è il cambiamento...

    RispondiElimina
  3. Probabilmente c'è sotto un altro patto del Nazareno. Candidare Renzi per far vincere la Destra. Tanto, se anche dovese vincere Renzi, è uguale.

    RispondiElimina
  4. Al Lingotto contenuti zero. Solo fuffa!

    RispondiElimina