venerdì 31 marzo 2017

Donald Trump in visita a Gorizia

Sì, avete letto bene. Donald Trump, il neo eletto presidente degli Stati Uniti, è venuto a Gorizia nei giorni scorsi.
La notizia era coperta da assoluto riserbo ma è trapelata ugualmente poiché il presidente, benchè camuffato, è stato riconosciuto dall’inequivocabile colore dei suoi capelli e a nulla sono valsi i tentativi di depistaggio messi in atto dal sindaco, Romolus Romolensis, l’unico a conoscere la vera identità dell’illustre ospite.
La curiosità maggiore è stata subito quella di scoprire il vero motivo di una visita così inaspettata.
Da fonte certa, che, tuttavia, vuol rimanere anonima, si è appreso che ad attirare l’attenzione del presidente siano stati i tre ascensori in costruzione sul colle del castello.
Sappiamo tutti che il nostro Donald di ascensori se ne intende, e non poco!
La Trump Tower, uno dei suoi gioielli, conta ben cinquantotto piani e la Trump World Tower addirittura settantadue! Vi immaginate quanti ascensori ci devono essere in due colossi del genere? Se non se ne intende lui… di ascensori…!
Ma la vita riesce sempre a stupirci e riesce a stupire anche il presidente plurimiliardario dello Stato più potente del Mondo.
Quello che Trump non aveva mai visto né pensava potesse esistere è un ascensore che porta al…nulla!
Quando glielo avevano raccontato proprio non era riuscito a crederci. Da qui la decisione di venire a vedere di persona.
Scortato dal sindaco, si è dunque recato sulla sommità del colle, dove dovrebbe terminare il percorso di risalita degli ascensori e, stupore nello stupore, vi ha trovato una vecchia casa disabitata, dove qualche raro visitatore si reca, di tanto in tanto, per vedere (che orrore!) come si viveva qualche secolo fa.
Dopo essersi guardato attorno in lungo e in largo, ha domandato al suo accompagnatore: “Non c’è proprio nient’altro?”.
“Purtroppo no”, ha piagnucolato il sindaco, visibilmente imbarazzato.
Donald si è grattato un attimo la chioma fluente e poi è sbottato: “No problem! Ghe pensi mì! Abbattiamo questa catapecchia, che tanto, essendo disabitata, non abbiamo nemmeno il problema di dove trasferire gli inquilini, e sulla spianata ci mettiamo una bella serie di rampe per i missili terra-aria. Così, gliela facciamo vedere ai Mussulmani!”.
“Per l’amor del Cielo!” ha implorato il sindaco, in preda ad un attacco di panico, “Lei non sa che qui a Gorizia c’è un’Associazione rompic….che non me ne fa passare una! Contro questi ascensori ha scatenato un finimondo e, come se non bastasse, ha come progetto quello di fare di Gorizia la città della pace!”
“What???... Oh my God!!!”,ha esclamato Donald, al quale si erano rizzati all’istante I capelli, a mò di palizzata paglierina, “Nooo…! Ne faremo, piuttosto, la città della guerra! Già vedo muri altissimi che la circonderanno da ogni lato, squadre di militari che pattuglieranno giorno e notte e cecchini appostati sui tetti. Un vero paradiso!”.
Romolus Romolensis era alla disperazione. Come far cambiare idea al presidente degli Stati Uniti?
Le provò tutte. Dall’onere della spesa all’impatto ambientale (figurarsi!) alla ricaduta negativa sul turismo ma, come potete ben immaginare, non erano argomenti che potessero convincerlo.
Non sapendo ormai più a che santo votarsi, esclamò sconsolato: “Signor Presidente, qui tra poco, ci saranno le elezioni. Così consegnamo la città nelle mani di quell’Associazione rompic…, che ha come candidato un certo Picco pallino, uno che vuol fare di Gorizia una comunità, che parla di diritti dei più deboli, di anziani come risorsa, di bambini che giocano insieme. Roba da non credere!”
” A Romolè,”, tagliò corto mister president, ” la voi capì che questo è l’unico modo che c’hai pè nun passà a la storia come er sindaco, unico caso ar monno, de i ascensori che nun c’hanno ritorno?”.

So.Sa.

(Curiosità: il nonno di Trump, Friedrich, di origini tedesche, emigrò negli Stati Uniti e fece il barbiere a New York.)

23 commenti:

  1. Boh...Mi pare un temino di fantasia, nemmeno tanto riuscito. Sul " Picco pallino " che vuole..., che parla...Ma magari si decidesse a comunicare qualcosa! Cordialità. GM

    RispondiElimina
  2. Bene, ma in una campagna elettorale serve anche qualche cosa di più più concreto.

    RispondiElimina
  3. Mi sembra evidente che sia un racconto di fantasia. Avete visto che giorno è oggi?
    A me è piaciuto.

    RispondiElimina
  4. Si, un temino Picco lo, Picco lo. il solito disprezzo, derisione...concretezza zero.
    Portelli, invece, si che e' in gamba.

    RispondiElimina
  5. A senso dell'ironia state a zero!

    RispondiElimina
  6. Io lo trovo geniale!

    RispondiElimina
  7. Sono sicuro che a Romoli piacerebbe!

    RispondiElimina
  8. Ma fatevela una risata!... soliti musoni Goriziani che come vede un che ride ghe sta sul cazzo.

    RispondiElimina
  9. Ma non fa ridere proprio...

    RispondiElimina
  10. Peggio per lei!
    Quanto c'è da fare in questa città! A Picco non mancherà certo il lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non e' in grado. Portelli e' di gran lunga piu' competente, capace, comunicativo.

      Elimina
    2. ...e anche più bello

      Elimina
    3. ...sono già innamorata...

      Elimina
    4. ...buongustaia...

      Elimina
    5. ...o parente...

      Elimina
    6. ...o tutte e due le cose...

      Elimina
    7. Accecata dalla passione francamente

      Elimina
  11. da quello che dice di Portelli si capisce che non lo conosce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo conosco benissimo. Personalmente. Da quando portava i calzoncini corti.

      Elimina
    2. ognuno ha la sua croce!

      Elimina
  12. Mah...forse manco totalmente di senso dell'umorismo ma questo articolo non mi ha provocato neanche un' abbozzo di sorriso. Interessante e divertentissimo invece l'articolo a cui posto il link, che ci spiega senza grandi giri di parole quanto siamo furbi ,intelligenti e progressisti noi europei. Buona lettura.
    http://www.maurizioblondet.it/eurocrazia-senza-visione-ci-mette-mano-alla-cina/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. molto interessante. A corollario, va detto chegli stessi mandanti del caos hanno scelto perfettamente come devastare ulteriormente l'Europa. Vengono infatti convogliate masse di schiavi neri e inetti o islamici altrettanto inetti e in piu' primitivi e violenti (afgani e pakistani). servono a distogliere fondi, energie, a devastare welfare ecc...
      Venissero milioni di profughi cinesi e indiani, il Pil itaiano ed europeo salirebbe in sei mesi a picchi mai visti prima.

      Elimina
    2. sì ma cosa centra col post? Questo è un articolo serio mentre il post era solo un modo per scherzare.

      Elimina