giovedì 2 marzo 2017

Diavoleide

Vorrei richiamare l’attenzione su due aspetti dell’inchiesta relativa agli appalti della Consip affidati all’imprenditore Alfredo Romeo, arrestato ieri con l’accusa di corruzione.
Come riportano ampiamente tutti gli organi d’ informazione, l’imprenditore Romeo riusciva ad aggiudicarsi gli appalti grazie alla complicità di un dirigente della Consip che gli forniva informazioni sui bandi di gara.
Nell’inchiesta sono coinvolti anche Tiziano Renzi, padre del più famoso Matteo, e Luca Lotti, all’epoca dei fatti sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e attuale Ministro dello Sport.
Tralascio l’ovvio collegamento tra Tiziano e Matteo per richiamare, invece, l’attenzione su un altro aspetto, meno evidente ma altrettanto allarmante: l’imprenditore Romeo risulta tra i finanziatori della fondazione Open, che fa capo a Matteo Renzi.
Interessante la composizione del consiglio direttivo di questa fondazione: Maria Elena Boschi, Marco Carrai e Luca lotti.
Interessante anche l’incremento patrimoniale: dai 20.000 euro di patrimonio iniziale, nel 2012, si è passati ai 3.288.888,49 del giugno 2016.  
Scopo della fondazione è quello di promuovere, supportare ed elaborare ricerche, analisi, studi e proposte volte a rinnovare la società italiana.
Sarebbe utile conoscere quali ricerche siano state elaborate e quali risultati abbiano portato. E sarebbe anche utile conoscere i nomi di tutti i finanziatori.
Sul sito si legge testualmente: ”Ritenendolo pienamente conforme agli scopi statutari, la Fondazione supporta le attività e le iniziative di Matteo Renzi, fornendo il suo contributo finanziario, organizzativo e di idee alle attività di rinnovamento della politica italiana, in particolare quelle articolate intorno alla figura di Renzi”.
Il secondo aspetto riguarda il coinvolgimento in questa bella vicenda del ministro Luca Lotti.
Luca Lotti è indagato per rivelazione di segreto d’ufficio poiché avrebbe rivelato ai vertici della Consip l’esistenza di un’indagine a loro carico
La domanda sorge spontanea: che tipo di rapporti intercorrono tra i dirigenti della Consip e il ministro dello sport per far sì che quest’ultimo si senta in dovere di informarli di un’indagine a loro carico?
Se consideriamo che l’ente danneggiato da questa truffa è una società a totale partecipazione pubblica, cioè con capitale interamente costituito dai versamenti dei contribuenti, mi piacerebbe sapere come faccia il ministro Lotti a rimanere al suo posto.  
SoSa

25 commenti:

  1. Ormai è chiaro che per l'Italia non c'è speranza. Che tristezza!

    RispondiElimina
  2. L'imbonitore/cialtrone/megalomane/incapace; la corte di pavide/i serve/i ( pure goriziane e goriziani: vedi piddì Br..,Fa.., Pe.., ecc. ); i mezzi di informazione, al 99%, inchinati ad angolo retto; un'opposizione sterile, dilettantesca, eterodiretta; elettori creduloni facili alle ubriacature...
    Torna e rivince Berlusconi, vedrete! Il ribaldo toscano twittava " Arrivo arrivo "; il Berlusca, perlopiù lo sospira... Povero Paese! GM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle stanze del potere (quello mondiale)ci sarà una certa difficoltà a decidere quale sarà il prossimo capo del governo in italia, vista la completa nullità della nostra classe dirigente.Comunque sia, il lavoro sarà più semplice che in francia dove il potere globalista ha di fronte il problema di Marine le Pen,definita da tutta la sinistra "riformista" europea come un'esponente xenofobo e razzista ma in verità molto più a sinistra di tutta questa banda di cialtroni asserviti ai poteri finanziari.

      Elimina
  3. E adesso cosa succede?

    RispondiElimina
  4. Che bella la classe politica italiana: adesso i verdiniani stanno chiedendo di rientrare in Forza Italia. Quando la nave affonda..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se le cose si mettono male per la banda pd, non credo che saranno gli unici.

      Elimina
  5. Ma vi rendete conto? Nella situazione economica in cui ci troviamo siamo nelle mani di questa bella gente!

    RispondiElimina
  6. I forcaioli del Forum per Gorizia, che inneggiano alla lapidazione pubblica anche quando un amministratore viene indagato per un reato tutto sommato minore, come abuso d'ufficio, si riscoprono garantisti quando gli scandali colpiscono i loro (vedi caso Vendola) e diventano maestri impareggiabili di distinguo.

    RispondiElimina
  7. Mi sembra che il senso del post dimostri esattamente il contrario di quello che lei dice.

    RispondiElimina
  8. Mi piacerebbe che qualcuno del locale PD spiegasse come si può ancora votare per uno come Matteo Renzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene, d'accordo. Ma per Gorizia e i goriziani il Forum, oltre ai richiedenti asilo e all'ascensore del castello, dice qualcosa? Ha qualche idea?

      Elimina
    2. Hai dimenticato le bio masse

      Elimina
    3. Infatti non c'è 2 senza 3! Un grande programma per un candidato.

      Elimina
  9. E il PD cosa dice?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo deve chiedere al compagno Bellavite

      Elimina
    2. ...o al prescrtto Ziberna

      Elimina
  10. Gran bella cosa la prescrizione. Quanti imputati che non avrebbero avuto scampo ha salvato! Se non ci fosse bisognerebbe inventarla.

    RispondiElimina
  11. . Il triste è che il livello di assuefazione è tale che la gente vota lo stesso questi personaggi.

    RispondiElimina
  12. Come fa? Basta guardarsi attorno...dal cabarattista "se perdo lascio", al verdiniano con 9 anni di condanna, al festaiolo garantista, al verde assenteista....tutti affluenti tossici di quella cloaca maxima che è la nostra attuale classe politica. La domanda da porsi non è come faccia a rimanere ancora al suo posto, ma piuttosto perché, noi, popolo, permettiamo a queste jene di sbranarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno dice che questo sistema ci fa comodo: alcuni, furbetti, ne approfittano, alcuni, distratti, non si accorgono, alcuni, indifferenti, non vogliono sapere (figurarsi conoscere), alcuni, mafiosi, fanno parte del sistema, ... gli altri, disillusi, soffrono! Così è: votiamo 5 Stelle! Almeno cercheremo, forse, di interrompere questa catena mefitica di connivenze d'interesse.

      Elimina
  13. Sono d'accordo. I 5 Stelle sono l'ultima spiaggia.

    RispondiElimina
  14. Anche votare 5 stelle è una scommessa. Non vorrei vederli fare la stessa fine di Tsipras in Grecia,appena eletto e subito sottomesso alla troika e agli oligarchi di Bruxelles, che ovviamente sono i signori e padroni della sinistra italiana e della destra berluconiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Italia sarà sicuramente commissariata, chiunque vinca. Siamo ormai a un passo dal default.

      Elimina
  15. A Gorizia non mi pare che siano stati presenti come dovevano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una rondine non fa primavera.

      Elimina