domenica 19 febbraio 2017

Ricordo dell'artista Pueroni


Sabato ci ha lasciati, poco più che cinquantenne, Giacomo Pueroni. Fumettista e illustratore di raro talento e professionalità, lavorava per la casa editrice milanese Sergio Bonelli. I suoi lavori vennero pubblicati, a partire dagli anni '90, nelle serie Zona X, Jonathan Steel, Nathan Never e Dragonero. Il suo stile accurato, dal tratto morbido e pulito, conquistò nel 2016 il Premio Italia, importante riconoscimento del mondo del fantasy e della fantascienza, forse il genere che aveva curato di più. Aveva frequentato l'Istituto d'Arte a Gorizia, città che amava, tanto da mantenervi la residenza, nonostante i suoi impegni lo portassero spesso altrove.

Personalmente conobbi Giacomo alcuni anni fa ad una cena fra amici, e fui subito colpita dalla sua personalità pacata, assolutamente non portata a mettersi in evidenza, ma dalla conversazione avvolgente. Avendomi identificata come "una del Forum" ci tenne a comunicarmi una sua idea sul tema dell'ascensore al castello: un suo personaggio che, una volta arrivato in cima al colle si sarebbe chiesto "E adesso?". Quella satira è rimasta nello scrigno della sua fervida e acuta fantasia senza trovare espressione. Infatti la SLA, che lo colpì duramente poco tempo dopo, gli tolse un po' alla volta ogni possibilità di disegnare. Durante il periodo della malattia aveva sperato in un miglioramento, credeva nella ricerca, tanto da devolvervi una parte delle sue magre finanze.

Con lui Gorizia perde una delle sue personalità più interessanti e creative. La nostra partecipazione al dolore di familiari e amici.
dc

4 commenti:

  1. Grazie dc per il commento.grande pena

    RispondiElimina
  2. "Una cosa è sicura: in futuro non ci saranno più chiodi intorno a me.
    Solo viti.
    E un cacciavite sonico per avvitarle..." Giacomo Pueroni, 6 marzo 2016

    RispondiElimina
  3. La vita di un malato di SLA deve essere qualcosa di terribile. Giacomo teneva un blog nel quale raccontava ciò che gli succedeva e con che spirito affrontava il male che lo aveva colpito. Ho provato a leggere qualche pagina e mi ha aiutato a capire molte cose.

    RispondiElimina
  4. Un ricordo pieno di affetto a Giacomo, bellissima persona e straordinario artista. Grazie a dc per aver scritto questo post...

    RispondiElimina