martedì 28 febbraio 2017

Quando morire diventa una speranza

Si è riacceso in questi giorni il dibattito se sia giusto o meno consentire ad una persona gravemente ammalata, senza possibilità di guarigione e con intensa sofferenza fisica, di porre fine alla sua vita.
Le ipotesi prospettate sono fondamentalmente tre: le dichiarazioni anticipate di fine vita, l’eutanasia e il suicidio assistito.
Con le dichiarazioni anticipate di fine vita la persona indica preventivamente a quali trattamenti sanitari sia o meno disposta a sottoporsi in caso di sua futura incapacità ad esprimersi.
Nell’eutanasia è il medico, su richiesta del paziente, a dare la morte mentre nel suicidio assistito è il paziente ad assumere direttamente il farmaco, con l’assistenza di un medico.
La questione è di quelle da far “tremar le vene e i polsi” perché consiste nel decidere se esista, oltre a un diritto alla vita, anche un diritto alla morte, almeno in alcune circostanze o, detto in altri termini, se esista, oltre che un diritto, anche un dovere di vivere.  
La risposta affonda le radici nelle convinzioni personali di ognuno, religiose o laiche che siano.
Per i credenti, e anche per molti non credenti, la vita è un diritto indisponibile e irrinunciabile e, di conseguenza, non può essere riconosciuto il diritto di porvi fine.
I cosiddetti laici, al contrario, ritengono la vita un diritto che rientra nella disponibilità del singolo individuo e, in quanto tale, rinunciabile. (Si ricordi, in proposito, la dottrina filosofica che va sotto il nome di Stoicismo).   
Questo in astratto.
La realtà è molto più complessa e ci pone, a volte, davanti a situazioni nelle quali la fedeltà incondizionata a un principio si tradurrebbe in dispregio assoluto della persona umana, della sua sofferenza e delle sue esigenze.
Richiederebbe, in altre parole, un atto di eroismo che a nessun ordinamento giuridico è dato pretendere e a nessuna Entità Superiore è dato sperare.     
SoSa  

35 commenti:

  1. Oltretutto sono sofferenze che non giovano a nessuno, completamente fini a se stesse.

    RispondiElimina
  2. L Italia ha enormi passi da fare in tema di laicità basti pensare a quanto accade alla 194

    RispondiElimina
  3. Chissà perché...?

    RispondiElimina
  4. Ma perché la Chiesa Cattolica dev'essere sempre così oscurantista?

    RispondiElimina
  5. Argomento molto difficile e complesso ,che ovviamente non può essere analizzato e dibattuto con superficialità e pressapochismo,ma con intelligenza e buon senso. Fare una legge "giusta" sull'eutanasia non è una cosa facile, e visto il quoziente intellettivo dei nostri politici ho molti dubbi che si potrà arrivare ad una buona soluzione.Premetto che sono favorevole a questa pratica,ma i dubbi che mi attanagliano sono ancora molti.Ripeto,non è una cosa facile.

    RispondiElimina
  6. Non mi sembra che negli altri Paesi abbiano avuto tanti problemi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciamo perdere chi decide di porre fine alla propria vita nel pieno delle proprie facoltà mentali. Per chi non è in grado di decidere come la mettiamo? Chi deve decidere?

      Elimina
    2. non è che per questo non si fa la legge.

      Elimina
    3. E chi ha detto che non bisogna farla?

      Elimina
  7. Il problema e' la chiesa cattolica e con lei tutti quelli che credono alle favole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa pensa la religione islamica riguardo all'eutanasia? (visto che sono più di un miliardo è molti vivono nei nostri paesi è un problema che dovremo porci).

      Elimina
    2. Quali favole? Quale chiesa cattolica? Immagino che lei dall'alto del suo piedistallo di presunzione asseisca senza alcun'ombra di dubbio che devo essere per forza un fervente cattolico che credo alle favole? Continui così ,mi raccomando.

      Elimina
    3. Non mi sembrava poi così presuntuoso e non capisco perché Lei risponda in modo così acido.

      Elimina
    4. Il commento delle 11.31 e' offensivo e intollerante. Gli atteggiamenti di disprezzo verso chi e' credente dimostrano tutta la pervicace limitatezza di chi li esprime. La liberta' di culto e' sancita dalla Costituzione. Chi disprezzaI credenti disprezza anche I migranti credenti.

      Elimina
    5. Dalla Sua risposta si deduce con ragionevole certezza che Lei è un credente. Ma allora questi toni così accesi e intolleranti non Le sembrano in contrasto con la Sua fede? E non pensa che siano proprio questi gli atteggiamenti che fanno allontanare i fedeli dalle Chiese?
      Ho smesso da tempo di credere in Dio anche perché mi sono sempre domandata come facesse a tollerare i suoi fedeli.

      Elimina
    6. Mii...che sostenuta! Me, myself and I.
      Magari e' anche immortale!

      Elimina
    7. Ma non smetteremo proprio mai di credere nelle favole? Quanto ci vuole ancora?

      Elimina
    8. Credere è un'esigenza dell'uomo, per riempire il vuoto che ha dentro, ma nulla più.

      Elimina
    9. "L'uomo ha creato Dio a sua immagine e somiglianza"... è sempre valido...

      Elimina
  8. Cosa c entra la religione islamica?Pensiamo alle nostre leggi.quella del testamento biologico consente di decidere prima di diventare un vegetale se vuoi o no che le cure continuino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che i costi lievitino, immagino....

      Elimina
    2. Se uno vuole accelerare il finis vitae basta farsi trovare con 15 grammi in tasca

      Elimina
    3. Dipende chi sei. Se sei un poveraccio finisci molto male, se sei Lapo nessun problema.

      Elimina
  9. Mi piacerebbe che qualche sacerdote spiegasse dov'è la misericordia divina in certe situazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne avete uno (ex) a portata di mano.

      Elimina
  10. Lascia perdere. I parlamentari possono benissimo votare la legge sul testamento biologico che sarebbe già un primo passo.ma evidentemente non hanno coraggio

    RispondiElimina
  11. Sì, sono d'accordo. Tuttavia mi piacerebbe che qualche credente spiegasse come fa a credere a certe favole e non si trincerasse sempre dietro il solito mistero imperscrutabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spiacente.non posso aiutarla

      Elimina
  12. Peccato. Anche perché sull'altro fronte tutto tace.

    RispondiElimina
  13. Quello che proprio non capisco è perché la fedeltà assoluta ai principi viene fuori solo su "certi" argomenti e non su altri.
    Di tutte le persone che muoiono ogni giorno di fame nessuno si preoccupa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Nessuno si preoccupa e si occupa. Come si muore, ad esempio, in un letto di ospedale o in una casa di riposo (che termine eufemistico!)? Ci si scontra per l'eccezionale, che costituisce una eccezione, ma ci si scorda della normalità, anche se è diventata disumana.

      Elimina
    2. Ma chi se la scorda la disumanità
      Abbiamo visto le rom im gabbia e i giovanotti che ridevano

      Elimina
    3. Proprio non si vuol capire!

      Elimina
    4. Veramente io volevo dire che i cd benpensanti invocano i valori assoluti, come il diritto alla vita, solo in certe situazioni, tipo quella dei malati e non in altre, tipo la fame nel mondo. Non volevo dire che non ci si debba occupare dell'eutanasia. Al contrario, volevo proprio dire che è giunto il momento di consentirla.

      Elimina
  14. E Adinolfi che parla di Hitler.Questi si che sono senza cuore non certo Cappato

    RispondiElimina