lunedì 30 gennaio 2017

Tasse addizionali e trasparenza dei candidati sindaco

Non solo tutti i membri dell’ultima Giunta della Provincia di Gorizia dovrebbero rispondere alle domande formulate nel post "Perché i Cittadini devono pagare delle tasse imposte da una Provincia che non esiste più?", ma tutti i candidati sindaco dovrebbero prendere una chiara posizione a riguardo, perché non si tratta di domande generiche, astratte o metafisiche. Si tratta di politica vera, di quella che si fa sul serio, e che fin’ora è stata fatta troppo spesso senza la conoscenza e l’informazione dei Cittadini.

Inoltre, tutti i candidati sindaco dovrebbero dire: approfitterebbero di un’imposta addizionale, che magari venisse loro offerta al massimo livello dal legislatore e lasciata alla loro discrezionalità? Lo farebbero per quadrare il bilancio, come sostiene Gherghetta a riguardo delle addizionali della Provincia (paradossalmente anche post mortem)? O penserebbero  alla situazione economica dei Cittadini che amministrano, per i quali è meglio limitare l’onere fiscale al minimo indispensabile? Se decidessero di usufruirne, ne parlerebbero apertamente ai Cittadini, facendo un’operazione di reale trasparenza a riguardo della loro decisione? Accetterebbero l’eventuale parere contrario dei Cittadini?

E qualcuno di loro ha chiaro che cosa significhi amministrare nella trasparenza? Purtroppo quest’ultimo è un termine sconosciuto, nella sua vera essenza, nella politica locale. Dei vecchi politici, Romoli e Gherghetta, conosciamo le vecchie abitudini. Ma nulla sappiamo di chi avanza la propria candidatura, lancia parole reboanti, ma nulla sul modo di governare. Chiarire che cosa significa governare nella trasparenza totale è il vero punto focale di una competizione politica centrata sul Cittadino e sui suoi interessi.


Rosamaria Forzi

31 commenti:

  1. Condivido le domande scomode, che temo rimarranno senza risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. altrimenti chepolitici sarebbero?

      Elimina
  2. Finalmente si parla di trasparenza! Sarebbe bello che queste elezioni fossero quelle della trasparenza. Che si lasciassero da parte tutti i luoghi comuni,tutte le frasi fatte e si parlasse senza infingimenti. Ma sta ai cittadini chiederlo, non prestarsi più all'ascolto delle solite frasi e, per esempio, chiedere come i singoli candidati intendono governare. Parlare di come si vuole amministrare, di quali sono gli obiettivi reali,come essi vengono realmente raggiunti. Smettendo di parlare al solito in termini approssimatvamente e di ascoltare chi lo fa.

    RispondiElimina
  3. Potrebbe cominciare il candidato del Forum il cui silenzio è ormai assordante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farà, lo farà. A cominciare a rispondere devono essere quelli che evitano di farlo da mesi: Portelli e Cernic. E chiaramente Gherghetta. Il loro è il vero silenzio assordante.

      Elimina
    2. Quando? Il tempo mi sembra già scaduto.

      Elimina
    3. Non tutti sono cosi' sciocchi da bruciarsi anzitempo

      Elimina
    4. Non si tratta di bruciarsi ma di esporre uno straccio di programma. Si vota fra tre mesi non fra tre anni!

      Elimina
    5. il candidato del forum è così nuovo cheha paura di invecchiare dicendoqualcosa!

      Elimina
    6. I programmi devono essere ancora presentati da tutti, la partita sta iniziando solo ora

      Elimina
    7. Il candidato del Forum e' senza carattere e senza personalita'. Non si da' da fare...dorme. Un bell' addormentato.

      Elimina
    8. Di questo passo prevedo il commissariamento del comune in quanto ormai tutte le liste in gioco per le elezioni comunali sono incapaci di intendere e di volere,a meno che non aspettino tutte di saltare a piè pari sul carro di un'eventuale vincitore. Mi sa che resteranno tutti a pedi a fare autostop.

      Elimina
    9. Sono tutti penosi, ma ci sono liste e liste. Ziberna ha in pugno i suoi (che non sono pochi), i grillini un candidato lo trovano (la base vota chiunque) e la campagna acquisti di Collini e Gruden è solo all’inizio. Portelli alla fine seguirà l’esempio di Pd, Cernic, SSk e Cosma dopo essersi venduto al rialzo. Le altre liste e i loro candidati di bandiera in stile mignon (Bertin, Picco, Fiorelli, Chiozza, Criscitiello, ecc.) non entreranno neanche in consiglio comunale dopo aver avuto i loro 15 minuti di notorietà in campagna elettorale. A Gorizia dopo il voto non cambierà niente: la stessa giunta di nostalgici, un’opposizione ininfluente e gli ululati alla luna dei soliti chiacchieroni rimasti fuori.

      Elimina
    10. Eppure chi parla di ululati alla luna a me pare di conoscerli. Espressioni che si trovano in certi blog dove qualcuno pensa di capire il mondo. Saccenti ernestogallidellaloggia de provincia

      Elimina
    11. Maggiore concretezza politica, meno autocelebrazioni pseudointellettuali.

      Elimina
    12. Appunto.pseudo intellettuali

      Elimina
    13. Meno male che non vivo a Gorizia!!!

      Elimina
    14. Ne riparliamo a urne chiuse, dopo il bis del 2012. È un peccato per Gorizia che il Forum insista nel seguire le chiacchiere autocelebrative di alcuni piuttosto che gli argomenti incisivi di altri del gruppo. Anche se in effetti bisogna ammettere che con la prossima luna piena di Ziberna i primi si assicurano altri dieci anni di facili ululate…

      Elimina
    15. Voglio emigrare ad Ajello!

      Elimina
    16. Avanti c'è posto per tutti!

      Elimina
  4. Espulsi e fuoriusciti a parte, cosa dice il Pd goriziano a riguardo? Il Pd nicchia come sempre, in casa dem i dibatti seri sono da evitare. Non hanno neanche avuto il coraggio di candidare uno dei loro, si nascondo dietro Collini aspettando che arrivino tempi migliori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PD di Gorizia = ??? (che cosa è)
      Poverelli chi li vota! Per fortuna sono sempre meno.

      Elimina
    2. fare comunella con il pd di Aiello però va bene ? pd è pd

      Elimina
    3. Ma no dai. Quelli ad Aiello amano definirsi "unione dei progressisti"....a quale progresso aspirino lo abbiamo già capito anni addietro!

      Elimina
    4. Come in tutte le cose, la differenza la fanno le persone.

      Elimina
  5. Alzare le tasse per far quadrare il bilancio è lo strumento preferito del politico inetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora peggio è il politico che non le elimina quando non c'è più neanche la necessità di pareggiare il bilancio. Che poi si candida a un’altra carica politica dicendo di voler continuare a difendere a spada tratta gli interessi dei concittadini. Evviva l’ipocrisia e chi si tacendo si rende complice di essa. E chi si fa abbindolare da certi personaggi.

      Elimina
  6. Non dimentichiamo che la Provincia ha chiuso con un utile rilevantissimo, specie se rapportato alle dimensioni minime dell'ente in questione!

    RispondiElimina
  7. E consideriamo pure che se un ente pubblico ha un avanzo così consistente significa che o ha chiesto troppo ai cittadini o ha dato troppo poco!

    RispondiElimina
  8. un'utile confronto : 7.200.000 di avanzo della Provincia e 7.700.000 tolti ai cittadini in 11 anni di addizionale sulla tariffa rifiuti

    RispondiElimina
  9. e se chiedessimo a tutti i candidadi sindaco come primo punto la "trasparenza" ? naturalmente con spiegazione.

    RispondiElimina