martedì 3 gennaio 2017

Kátastropha

Se si sommano le critiche di Giuseppe Cingolani e Antonio Devetag (mai visto così critico verso un sindaco che osannava fino a quando è stato assessore alla cultura nella sua giunta) dell'amministrazione Romoli non si salva praticamente nulla. Anche i successi citati da Cingolani, la Pipistrel e il Gect, francamente non possono soddisfare. Sarebbe molto interessante comprendere chi sono i “vandali” che sistematicamente sfondano la fabbrica e che certo non sono ragazzi che hanno alzato il gomito. Del Gect, oltre che parole, finora si è visto poco o nulla. Per il resto, oltre al fiuto politico del sindaco, che al cittadino cale molto poco, e le tasse locali invariate, le critiche mettono in evidenza una politica cittadina cui manca una bussola, un progetto. La cosa che però sorprende è che nessuno dei due uomini politici citi l'errore più macroscopico del decennale governo cittadino di centro destra: l'ascensore al castello che è costato sinora 8 milioni di euro e su cui bisognerebbe istituire una commissione consiliare d'indagine per comprendere bene le responsabilità. Cingolani su questo è intervenuto; è comprensibile invece che Devetag ne taccia, perchè l'ascensore, secondo quanto sosteneva da assessore, sarebbe stato il volano della crescita della cultura cittadina con epicentro appunto “il maniero” che ormai, come tutti vedono, è in stato di degrado e di abbandono. Poichè però le responsabilità sono di 10 anni di amministrazione, in cui per i 5 anni precedenti c'era stato “l'allineamento dei pianeti”, come lo chiamava il sindaco, cioè l'omogeneità delle giunte regionali e locali, possiamo dire che il centro destra ha fallito clamorosamente il governo della città e che l'amore “sviscerato” di chi l'ha sostenuto non può far dimenticare ai cittadini la pochezza dei suoi risultati. 
adg

19 commenti:

  1. Notiziona! Cingolani esiste ancora...Ma per favore, adg, alla larga da lui e da tutto il pd locale! Ieri vista in città certa Laura Fasiolo: renziana già in fase di sgaiattolamento, ci scommetto..cento pepite. GM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con telefonino? Alla ricerca perenne di un contatto? Povero PD, più lo conosci e più lo eviti! Anche Collini si vergogna un poco, ma si tura il naso ... in attesa di Portelli e C.
      Mai alleati o in cordata con il vecchio trasformismo!

      Elimina
    2. Con telefonino, sì! Mago!

      Elimina
  2. Ok. Ma il vero problema è Ziberna e questa destra incapace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio la sinistra (Pd in primis)capace...di far danni e soprattutto interessi degli amici?

      Elimina
  3. Povero Cingolani: deve allearsi con coloro che lo volevano continuamente "far fuori". Con Collini che, 5 anni fa, pretendeva di essere nominato candidato, al posto suo, per grazia ricevuta e senza ricorrere alle primarie. Con Rota che, dopo averlo pesantemente boicottato al momento del voto, voleva -a tutti i costi- per sè il posto di capogruppo nel Consiglio comunale. Con Portelli, suo antagonista da sempre in Margherita e PD. Con Cernic, alternativa a Majda.
    Con tutte queste problematiche interne e lotte intestine come si può ancora sperare che il PD goriziano ricerchi il "bene comune"?

    RispondiElimina
  4. Analisi perfettamente condivisibile. Tra l altro la vicenda dell ascensore inizia purtroppo con Brancati

    RispondiElimina
  5. Appunto! La decisione è stata presa dalla sinistra! Altro che Romoli!

    RispondiElimina
  6. Ma Romoli poteva im 10 anni interrompere visto anche il fallimento della ditta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente vero, per onestà intellettuale, ricordare che l'ascensore al castello fu una " fissa " di Brancati. Come era una " fissa " la Transalpina, che pareva essere il centro di Gorizia. Altrettanto vero che Romoli avrebbe potuto interrompere lo scempio del colle del castello e che la Transalpina, ora, esagerando al contrario, risulta colpevolmente dimenticata.
      Inoltre, pur trovandomi su posizioni diametralmente opposte, non sono affatto certo che Ziberna, qualora eletto sindaco, sia sicuramente peggiore dei suoi antagonisti. In consiglio regionale, per esempio, si è battuto con ardore in difesa dell'ospedale goriziano. GM

      Elimina
    2. Sono d'accordo anch'io. Purtroppo non credo che il giornalista pensionato possa far meglio di Ziberna. Anzi, dal punto di vista caratteriale, l'attuale Consigliere regionale si è dimostrato piuttosto tenace nella difesa di Gorizia. Al contrario di Moretti schierato a esclusivamente pro Monfalcone e basta.

      Elimina
  7. Meglio non metterlo alla prova

    RispondiElimina
  8. Basta!!quante possibilità hanno avuto in decenni di governo e la città è in ginocchio?Andersen

    RispondiElimina
  9. Comunque la sinistra ha fatto molto peggio...

    RispondiElimina
  10. Non è statisticamente possibile in 5 anni rispetto ai 65 vostri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché la CISL e i Brancati sono "di sinistra"? Ma va là!
      Basta con questa classe politica!! E con questi personaggi che continuano a raccontarcela!! Pensiamo a Brancati Mario, ex assessore alla sanità con la DC, poi per anni manager nella sanità privata (e probabile azionista) e ora presidente della Consulta disabili (come, prima di lui- l'ex assessore regionale Kosic che aveva scelto come suo segretario particolare il figlio di Mario, che poi, a sua volta, è entrato nella sanità privata). Non passa settimana che non "dica cose" sulla sanità dall'alto della sua pluriennale esperienza (e forse non solo); vedi Ospizio Marino, ex Pubblico, ora privatizzato coop.

      Elimina
    2. L'alternativa alla classe politica sarebbe Ziberna? Non scherziamo

      Elimina
    3. Questo lo dice lei, e nessun altro!

      Elimina
  11. Nella coalizione di destra entra a far parte coreingrato devetag il più grande yes man di Romoli e l umile oreti che fa montaggi delle foto? Bella squadretta davvero

    RispondiElimina