martedì 20 dicembre 2016

Contro la violenza, la nonviolenza...

Quanta tristezza, un altro simbolo viene trascinato nel vortice del terrorismo e della violenza globale! Con una sequenza da film dell'orrore un enorme camion nero irrompe tra i mercatini di Natale a Berlino e semina distruzione e morte. Solidarietà alle vittime di questo ennesimo sfregio all'umanità, ai loro parenti e al popolo tedesco! E' difficile non pensare alla guerra, a quella terribile che da decenni insanguina quotidianamente il Medio Oriente e che raggiunge le prime pagine dei nostri interessi solo quando ci si chiede che fare delle maree di profughi che cercano di fuggire dall'inferno; a quella subdola che genera il panico nell'apparente tranquillità delle metropoli dell'Europa e negli altri luoghi tipici del ricco Occidente. Come sempre, the day after, ci si straccia le vesti cercando responsabilità, profondendosi in analisi, invocando vendetta. Si intensificano le distanze tra le parti, si rafforzano i "noi" chiamati a resistere contro i "loro". Si strumentalizzano le naturali paure e si propongono improbabili generalizzazioni dell'avversario di turno. Insomma, si fa quello che caratterizza ogni guerra, si "costruisce" il nemico per poterlo combattere e si temono le armi prodotte dalle industrie degli stessi Paesi colpiti. C'è un'alternativa al "se vuoi la pace prepara la guerra"? L'alternativa c'è ed è una sola, quella del rifiuto sistematico e pratico di ogni violenza fisica, forza questa in grado di disinnescare qualsiasi bomba confezionata dalla miseria e dal desiderio di vendetta. E' tempo di riprendere la lezione di Gandhi dove lui l'ha lasciata, all'indomani di Hiroshima e Nagasaki: l'inizio dell'era nucleare non indebolisce, ma convince ancor di più che l'unica via per garantire un futuro all'umanità è quella della nonviolenza attiva.
ab

3 commenti:

  1. Belle parole caro bellavite.
    La domanda che sorge spontanea è: <<"ma sono sufficienti queste parole e la nonviolenza contro coloro che, incuranti dell'ospitalità ricevuta, si comportano da delinquenti o peggio da terroristi?">>

    RispondiElimina
  2. Con l'elezione di Trump negli stati uniti e la prossima risoluzione della crisi siriana e medio orientale a favore di russia,iran e anche cina trasformerà l'europa nell'ultima enclave della feccia globalista che sponsorizza i vari gruppi terroristici islamici. Bellavite ci sta amichevolmente consigliando di arrenderci senza combattere.

    RispondiElimina
  3. Ah perché tu saresti in grado di combattere?

    RispondiElimina