giovedì 20 ottobre 2016

Andrea Picco per una nuova Gorizia

L'8 novembre alle ore 18 al Kulturni Dom il Forum presenterà il suo progetto per le prossime elezioni comunali di Gorizia e il suo candidato sindaco, Andrea Picco. E' per noi un momento molto importante che giunge al termine di una lunga riflessione politica che è partita da una considerazione di fondo. La città è profondamente in crisi sotto l'aspetto demografico, sociale, economico. I motivi sono tanti e differenti, ma non c'è dubbio che la classe politica che ha gestito la città non sia stata all'altezza dei problemi da affrontare. Se desideriamo il cambiamento, al cambiamento dobbiamo crederci per primi noi. Esso non può avvenire con le stesse logiche e con le stesse persone che hanno portato la città in questa situazione di grande crisi. E'necessario, secondo noi, che si formi una nuova classe dirigente, distante dai vecchi apparati spartitori, dai vecchi potentati che si tramandano il potere da alcuni decenni. Chi ha governato sinora deve fare un passo indietro e da questo punto di vista la nostra idea di “candidato forte” è del tutto diversa da quella che va per la maggiore. Forte non è il candidato che ha accumulato incarichi e esperienza nel sistema, forte è chi è in grado di intercettare e di unire nuovi elettori, stanchi della politica conosciuta, che desiderino partecipare ed impegnarsi per costruire una città diversa. C'è bisogno, in questa fase di profonda crisi, di linguaggi nuovi, di nuovi stili politici. Il Forum ha lavorato da un decennio su alcuni temi importanti: il rapporto con la Slovenia, la cultura, la trasparenza amministrativa, il welfare, il disagio, la viabilità, i lavori pubblici, l'ambiente, l'accoglienza. Abbiamo idee ed esperienze che mettiamo a disposizione di Andrea Picco, perchè siamo convinti che sarà in grado di portarle avanti con la squadra che sceglierà. La proposta che presenteremo l'8 novembre è aperta a tutti quelli che la vorranno condividere. Ma ragioneremo sui temi, sul futuro e sulle prospettive, sui passi concreti per mettere in pratica ciò che pensiamo da anni. Invece che alle percentuali e ai calcoli delle preferenze, in un mondo che sta rapidamente cambiando in modo del tutto inaspettato sino a qualche anno fa, crediamo piuttosto nelle squadre e nell'assunzione di responsabilità di tanti che dalla politica si sentono distanti. 
adg

35 commenti:

  1. Almeno non siete uguali agli altri. Io vengo a sentire.bd

    RispondiElimina
  2. Leggo dal curriculum in rete di Andrea Picco: "Spiccate capacità relazionali, abilità a parlare in pubblico. Il lavoro all’interno dell’associazione i ragazzi
    della panchina mi ha permesso di sviluppare le mie capacità di vivere e lavorare con altre persone, in
    ambiente multiculturale, occupando posti in cui la comunicazione è importante e in situazioni in cui è
    essenziale lavorare in squadra ed avere una grande resistenza allo stress. Ho in particolare imparato a
    valorizzare le capacità mie e degli altri attraverso forme espressive quali teatro, scrittura, pittura, o
    tramite relazioni interpersonali costruite attraverso il dialogo quotidiano. Il lavoro in associazione mi ha
    inoltre permesso di venire a contatto e stabilire relazioni con le realtà più varie, da quelle istituzionali al
    più alto livello ( presidenza della repubblica, ministri, presidenti di regione, assessori, sindaci) a quelle
    culturali (scrittori, poeti, attori, giornalisti, intellettuali)". E' il personaggio di un vecchio film di Nanni Moretti o un clone locale di Matteo Renzi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curriculum autogestito. Autoreferenziale? Chissà, attendo incontri e confronti prima di esprimere un giudizio.

      Elimina
    2. Perché il curriculum può non essere autoreferenziale? Chi lo fa?

      Elimina
  3. Mi spiace, ma non vedo un grosso entusiasmo ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la città che ha dato romoli e l'attuale "opposizione" ha un bel po' di problemi
      prima dell'entusiasmo i goriziani dovrebbero dare anche solo impegnarsi per una città che sta morendo

      Elimina
  4. Forse l entusiasmo non lo prova più chi è ormai assuefatto e incinichito da anni di politica di assessorati,lottizzazioni e incarichi vari.E' tempo che l entusiasmo lo abbia un altra generazione

    RispondiElimina
  5. Finalmente una persona nuova giovane entusiasta e soprattutto non legata a nessun Partito!!!T.T.

    RispondiElimina
  6. Invito tutti i lettori a partecipare all'assemblea dell'8 novembre. E' il modo migliore per conoscere da vicino l'esperienza culturale e politica del Forum per Gorizia. Il movimento, costituito come elemento critico costruttivo negli anni del sindaco Brancati, cresciuto attraverso la presenza in consiglio comunale negli anni 2007-2012, maturato nella svolta culturale dei tempi più recenti, si presenta oggi agli elettori totalmente rinnovato nel solco della sua tradizione. I programmi sono coerenti con l'impegno ormai ultradecennale, i volti nuovi portano entusiasmo e altre originali prospettive. Andrea Picco è un candidato che conosce bene il fascino, la complessità e i problemi del territorio. Ha una grande conoscenza delle dinamiche personali e interpersonali, oltre alle conoscenze necessarie per acquisire in breve tempo tutto ciò che può essere utile a una buona amministrazione. Il lungo lavoro accanto ai più deboli è garanzia di un welfare comunitario di alto valore, come pure di attenzione particolare alle dinamiche imprenditoriali e lavorative. La competenza artistica aggiunge una nota di indispensabile bellezza alla proposta del Forum. Una persona nuova, decisa, dinamica, in un contesto preparato dall'impegno di decine di goriziani che in questi anni hanno vissuto, pensato, proposto e amato la Città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sarò e lavorerò con voi

      Elimina
  7. non conosco Picco ma che ci sia bisogno di una persona nuova per una nuova Gorizia, SI!...non si può dire sempre no

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà una piacevole sorpresa per chi non lo conosce

      Elimina
  8. Sarò molto felice di partecipare all'assemblea. Condivido la necessità di mettersi a fare piuttosto che perdersi nella critica distruttiva di chi non ha validi argomenti e una proposta alternativa. Grazie!

    RispondiElimina
  9. Targato CL? Collegamenti con Il Mosaico?

    RispondiElimina
  10. Targato CL? Proprio non ci conosci

    RispondiElimina
  11. Non c'e' traccia di una donna...
    Il candidato parla Sloveno?

    RispondiElimina
  12. Ziberna e portelli sono donne?Parlano sloveno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non capisco questa risposta.
      Sarebbe opportuno riflettere su cio' che il forum ha sempre annunciato. Sarebbe opportuno che finalmente le donne avessero piu' coraggio, forza, determinazione...se vogliamo, anche una donna di madrelingua slovena.

      Elimina
    2. che cosa fanno le nuove generazioni? Come vengono educate? Tutte a fare ricostruzione unghie?I decenni passano e donne candidate sindaco non se ne vedono.
      Non si vedono figure femminili di spessore e personalita'.Eppure siamo a Gorizia 2016, non in Afghanistan o Pakistan, dove le donne malgrado la disperata condizione di nullita' (lo si vede dalla assenza totale nel profugato, al contrario di altri gruppi etnici) sono in prima fila nel fare qualcosa, rischiando la vita. Ricordo Benazhir Bhutto, assassinata, e Malala Yousafzai scampata a numerosi attentati, giovanissima attivista e Premio Nobel.

      Elimina
    3. Scusate se esistiamo senza avere lo spessore di Nilde Iotti.

      Elimina
  13. Letto il curriculum, aspetto ora il programma politico nei dettagli. Gorizia ha bisogno di aria nuova. Sviluppare cultura e turismo è senz'altro un percorso che bisogna attuare, senza dimenticarsi però di industria artigianato e commercio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo una battuta ( giuro! )...Speriamo che gli elettori non lo mandino a...picco. GM

      Elimina
    2. O sul picco.Dipende sempre dal punto di vista

      Elimina
  14. Non ho capito che lavoro fa.
    Non potro' votare ma Vorrei sapere di piu'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di lui si ricorda un intervento formativo, a supporto di Bellavite, per l'Azienda sanitaria in epoca Bertoli.

      Elimina
    2. No dico anche se uno fosse disoccupato cambierebbe qualcosa? Certo e' maglio di portaborse

      Elimina
    3. Nervo scoperto? Una reazione sproporzionata: non si parla nè di portaborse che di disoccupati. Proprio non si capisce il perché di un attacco a fronte di una constatazione.

      Elimina
    4. Nessun attacco.Cosa c entra il lavoro? Basta che uno non faccia il politico di professione

      Elimina
    5. O non lavori a margine della politica

      Elimina
    6. Ma chissà perché quando si toccano certi argomenti (CL, Mosaico, ...) c'è subito una reazione sproporzionata? Solo una banale considerazione, per carità!

      Elimina
    7. Che film guardi? Rivolgersi a CL o alle cooperative.Noi li non abbiamo conoscenze

      Elimina
  15. Quindi il candidato non si sa cosa fa...
    Gentilmente, chiederei al Forum di chiarire, la trasparenza e' a vantaggio di tutti. Ha competenze precise? In quali contesti e' particolarmente agile? In che modo I suoi punti di forza potranno contribuire alla citta'?

    RispondiElimina
  16. Feudatario.Il lavoro adatto per chi vuole amministrare Gorizia

    RispondiElimina
  17. Andrea Picco, mai sentito prima.
    L'ho messo nella ricerca del forum: ANDREA PICCCO non ha MAI scritto NEANCHE UN SINGOLO INTERVENTO in 10 ANNI di blog.
    Un biglietto da visita un po' troppo silente. E deludente.

    RispondiElimina