venerdì 23 settembre 2016

Condannati per danno erariale gli ex vertici dell’ATER di Gorizia

L’ex direttore dell’ATER di Gorizia, Mauro Favari, nonché i componenti del Consiglio di Amministrazione in carica negli anni 2004 e 2005, Sergio Pacor, Riccardo Grassilli e Damjan Primozic, sono stati condannati dalla Corte dei Conti a risarcire l’Ente della somma complessiva di euro 164.967,75, oltre a rivalutazione monetaria ed interessi legali sino alla data della sentenza.
Più precisamente, il dottor Favari è stato condannato al pagamento di euro 90.732,27 mentre i tre componenti del CdA sono stati condannati a risarcire euro 24.745,16 ciascuno.
Relativamente alla posizione dell’ex Presidente, Adriano Zamparo, benchè la sua responsabilità sia definita in sentenza “indiscutibilmente di rilievo” e virtualmente quantificata in un importo pari ad euro 76.138,96, nessuna condanna è stata pronunciata a suo carico poiché nel frattempo deceduto.
La vicenda trae origine da un’onerosa esternalizzazione di compiti tipici dell’ente a ditte esterne pur in presenza di professionalità adeguate esistenti all’interno.
Dette esternalizzazioni avevano riguardato, in particolare, la registrazione documentale, l’elaborazione dati per paghe e stipendi e i controlli di gestione.   
Su questi contratti si era pronunciato anche il Tribunale di Udine, che ne aveva dichiarato la nullità per due ordini di motivi: il mancato esperimento di gara pubblica per la scelta delle ditte e l’artificioso frazionamento del servizio al fine di non superare i limiti di importo fissati dalla normativa.
Inoltre, le società incaricate risultavano costituite proprio a ridosso del periodo di conferimento degli incarichi, erano riferibili ai medesimi soggetti, il loro oggetto sociale era “sostanzialmente identico e sovrapponibile”, le attività svolte erano spesso intercambiabili.
Infine, il personale impiegato era sempre lo stesso e spesso le società svolgevano compiti di competenza delle altre imprese del gruppo o addebitavano costi inerenti alle medesime attività svolte da altro soggetto. 

SS

10 commenti:

  1. E quando si sono denunciate queste cose il Forum e' stato etichettato come estremista che metteva in dubbio i poteri costituiti.

    RispondiElimina
  2. di solito quel che emerge è la punta dell'iceberg
    chissà quanti saranno stati i soldi dell'affare, nella piccola Gorizia dove crediamo non succeda mai niente...

    RispondiElimina
  3. E la storia passata sui giornali la scorsa settimana? I lavori di villa Louise che vanno a Ater Udine? Ater Gorizia non li sa fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ATER di Gorizia non sa o non vuole fare, passano gli anni ma la storia è sempre quella: voia de lavorar saltime addosso

      Elimina
  4. Per gorizia storia chiusa a tempi di record, solo 12 anni.
    Quella degli ascensori è in piedi da quanto?

    RispondiElimina
  5. Questi si sentono impuniti perché abbiamo pochi magistrati e fanno quello che vogliono

    RispondiElimina
  6. Chi aveva denunciato gli appalti e' stato pesantemente minacciato . Al di là di tutto e' stata fatta giustizia anche se dopo 12 anni

    RispondiElimina
  7. Ma da questa concessione di appalti quanto si sono intascati dalle ditte per il favore reso?

    RispondiElimina
  8. Quello della giustizia è uno dei problemi peggiori dell'Italia e non soltanto per la carenza di magistrati ma per tutti i paletti che vengono continuamente frapposti alla loro azione.
    Non credo sia un problema risolvibile in breve tempo anche perché a molti, di tutti gli schieramenti, fa comodo così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=126542&typeb=0&superstruttura-criminale-fra-mafia-e-settori-deviati-della-massoneria

      Elimina