domenica 25 settembre 2016

Assaltando Rideremo.

Alla fermata degli autobus gli studenti del Blocco studentesco, organizzazione di Casa Pound, hanno distribuito il volantino “Assaltando Rideremo” che io ho provveduto a leggere e a far discutere in classe, esercitando quella libertà di insegnamento che la buona scuola, con la chiamata diretta del preside, di fatto eliminerà. Il volantinaggio viene dopo l'affissione di manifesti sempre del Blocco che ha suscitato discussione in città. Sono sette i punti di riforma che i neo fascisti propugnano, tutti interessanti da approfondire, come il culto del corpo e della natura, il bisogno di comunità, il desiderio di raddoppiare le ore di educazione fisica, il bisogno di tradizione ma la contemporanea voglia di avere solo libri elettronici. Il punto più significativo però è quello numero  3 “Ritrova te stesso”, in cui si afferma che i giovani devono essere consapevoli della storia della prima guerra mondiale e dell'eroismo in essa dimostrato dai combattenti, così i ragazzi ritroveranno le loro radici. Dunque al di là delle migliaia di studi fatti sui disertori, gli scemi di guerra, le conseguenze tragiche del conflitto, i nostri diciassettenni parlano di coraggio, di eroismo e di morte per la patria. E'inutile per loro sapere la storia degli anni 60-70, le stragi, il delitto Moro, le guerre in medio oriente, basta conoscere quanto successe lungo le sponde dell' Isonzo.
Devo dire che non so quanta presa faranno i loro slogan: i giovani non si interessano di politica, la guerra come manifestazione di eroismo li lascia del tutto indifferenti, sono pacifisti nell'animo e non si sognano di assalire alcunché. Bisogna dunque stare tranquilli? Secondo me, no, perché comunque il Blocco è l'unica organizzazione giovanile, e a loro non si contrappone nessuno, perché alcuni bisogni sono condivisi, come quello di sentirsi più comunità, perché se si vogliono affermare idee e valori diversi bisogna parlare, confrontarsi, discutere.
Lo stiamo facendo a sufficienza nelle scuole? A me ha colpito che al Liceo Classico abbiano parlato Urizio e Mondolfo della Lega Nazionale della seconda redenzione di Gorizia, cioè dell'arrivo degli anglo americani in città dopo la presenza jugoslava. Immagino cosa avranno detto, perché più volte espresso sulla stampa. Mi chiedo se sia questa la strada opportuna per creare una coscienza storica e civile di quanto è accaduto nel Novecento e in particolare nel secondo dopoguerra tra i giovani. Possibile che gli studenti debbano sentire sempre una sola campana? Possibile che non si ascoltino mai le ragioni degli altri? E' inutile indignarsi per singoli gesti senza affrontare di petto, con costanza e determinazione il problema dei valori e dei saperi che vanno trasmessi. Ho paura che se come adulti non ci si pone questo problema avremo una generazione che si dividerà tra indifferenti e nostalgici, con pochissime e ininfluenti eccezioni. 

adg

35 commenti:

  1. Non disturbiamo i goriziani con queste notizie.....
    Sono giornate di occupazione biblica, il primmo pensiero va al Kurtos da 6 o 7 euro (ma è BUONISSIMO - ISSI ISSI ISSIMO), (ma è vero che c'è lo strutto cinese?). POI ALLA PLESCAVIZZA... (È BUONOSSI -ISSIMAAAAA), poi alla salsiccia alternativa... .Anche voi del forum però.... CHECCAZZO andate proprio a cercarvele.....svegliate il can che dorme goriziano anomimo medio alle prese con gli 800 mila di Gusti 2016...
    mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paga de lavoro, sussidio de disoccupazion e pension minima de 2500 euro per tutti i goriziani, e gusti de frontiera una volta al mese. Questa sì che fossi vera campagna elettoral....

      Elimina
  2. Ma si hai ragione.Sesso e carnazza.Stop politica indigeribile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, guarda comunque che odio aver ragione.
      mauro

      Elimina
  3. Mente sana in corpo sano: aumentare le ore di ginnastica del 150%. Possibilmente diminuire tutte le altre del 100%. E' qui che i giovani bloccati danno prova di tutta la loro intelligenza.

    RispondiElimina
  4. Mi me par idee de cento anni fa. Chi te vol che mori per la patria oggi????

    RispondiElimina
  5. La maggior parte dei giovani, diciamo degli studenti, sono pacifici nell'animo, almeno fino a quando arriva la paghetta (200/300 euro settimana) e si regala loro lo scooter, l'ultimo modello di smartphone (1 ogni due o tre mesi) e vari gadget. Comunque lasciamoli divertire, avranno tutto il tempo di incazzarsi quando dovranno trovarsi un lavoro e la pensione dei genitori servirà solo per garantire tre pasti al giorno (a parte un 20% di privilegiati benestanti). Comunque ,a parte morire per la patria e stronzate varie un po' più di attributi ai giovani sarebbero utili, anche per non farsi mettere i piedi in testa da chiunque quando diverranno adulti. Per quanto riguarda il concetto di patria che hanno quelli di casa pound, mi sa che il vecchio Ezra si stia rivoltando nella tomba. Teste vuote che pretendono di avere come esempio un libero pensatore.

    RispondiElimina
  6. Perché l'arrivo degli jugoslavi a Gorizia è da considerarsi liberazione? Oppure trattati dell'arrivo dei nuovi carnefici che sostituiscono per un breve periodo quelli vecchi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah.. di solito quando si combinano dei guai tipo invadere paesi stranieri,uccidere civili,bruciare villaggi, internare persone in campi di concentramento alla fine c'è sempre qualcuno che te la fa pagare cara. Si chiama vendetta, se si fa del male si deve essere pronti anche a subirlo . Inutile discutere con gli idioti (21.42) ti trascinano sul loro terreno e ti battono con l'esperienza (O.Wilde)

      Elimina
    2. Mangiato pesante (23.57) vista la facilità all'insulto delle persone che non si conoscono?
      Consiglio di stare calmi e ragionare. Le vendette dei titini erano ovvie (e per alcuni vedo anche sacrosante) ma da qui a definirli liberatori ce ne passa! Mi raccomando con l'indigestione... buona giornata.

      Elimina
    3. Non se ne esce.
      per fortuna I nuovi italiani (afgani, pakistani, siriani, irakeni, bengalesi, somali, nigeriani e poi cinesi marocchini filippini colombiani egiziani senegalesi palestinesi cingalesi peruviani...davanti a cio' chiederanno con occhi sbarrati da ignoranza/indifferenza...'si vince qualchecosa'?

      Elimina
  7. Bel post Anna. Visto che si è in tema di scuola ti segnalo questo: Il Concorso nazionale del MIUR per le scuole sule vicende del confine orientale ci manca solo il "ritorneremo" http://xcolpevolex.blogspot.it/2016/09/il-concorso-nazionale-del-miur-per-le.html

    RispondiElimina
  8. Ma se i giovani vogliono solo libro elettronico educazione fisica e un po' di campeggio se po' fa.Per queste poche cose cosa vuoi aggredire?

    RispondiElimina
  9. Oggi la città è in decompressione.... un po' depressa ma in vistoso calo di pressione....
    Si può tornare a discutere delle solite usuali argomentazioni
    mauro

    RispondiElimina
  10. Per favore formattate i post prima di pubblicarli. Anche l'occhio vuole la sua parte. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, meno male che è stato pubblicato il tuo, a.18.10.
      mauro

      Elimina
  11. Bernardo Bressan27 settembre 2016 09:54

    La Di Gianantonio scrive della "seconda redenzione di Gorizia, cioè dell'arrivo degli angloamericani in città dopo la presenza jugoslava". Non è esatto. Coloro che parlano di "seconda redenzione" non intendono questo, che avvenne il 12 giugno 1945, bensì l'arrivo definitivo dell'Italia alla partenza degli angloamericani, il 16-17 settembre 1947. Non diamo su un piatto d'argento alla destra e alla Lega Nazionale in particolare argomenti per additare il Forum come ignorante di fronte ai fatti. Fermo il contenuto dell'intervento, soprattutto perché "Ritrova te stesso" da noi può significare proprio risalire alle radici slovene o alla partecipazione degli antenati alla guerra con l'esercito austro-ungarico. E questa è una dimostrazione di ignoranza da parte di chi ha scritto il volantino.

    RispondiElimina
  12. A proposito di buona scuola. Se ho ben capito con la chiamata diretta del preside, secondo adg, non ci sarà più la libertà d'insegnamento.
    Ma questa è una cosa gravissima. Come mai lo dice solo adg e giornali e tv e internet non ne fanno cenno, o quasi? Si può sapere in che modo accadrà (se non è già successo)? Dario Stasi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che strano, davvero strano che la Tv di Renzi non ne parli e poi magari lei legge corriere o repubblica...
      ...e poi su internet trova cenni? smanetti meglio...
      brava adg, sola contro il resto del mondo!

      Elimina
    2. funziona che il Ds seleziona i docenti, cosa che sta già accadendo, tramite colloquio, curriculum. Si è superato il sistema delle graduatorie. Il docente scelto avrà incarico per tre anni nella scuola x. E' evidente che i "contrastivi" quelli che osano dire no, e contestano il sistema, e saranno poco collaborativi con il Ds, difficilmente verranno scelti. La libertà d'insegnamento è condizionata dalla non libertà di criticare, ad esempio. Pensiamo a chi dice no al sistema invalsi e non si piega all'invalsi...

      Elimina
    3. ultima cosa, contro questa cosa e non solo questa cosa, nel maggio del 2015 l'80% del personale della scuola ha scioperato. Roba epocale. Ma la legge, scritta contro la volontà del mondo della scuola, e voluta dal PD, è passata...

      Elimina
    4. Ma siamo gufi e rosiconi.Non ci accorgiamo delle belle opportunità che ci da Renzi adesso con il ponte sullo stretto c'è polpa

      Elimina
    5. Apprezzo la buona volontà di spiegare di Barone. Ma l'argomentazione non mi convince, non basta. Io credo che l'insegnante di fronte alla eventuale minaccia di non essere libero nella sua aula, può fare un casino del diavolo e disobbedire al preside "nazi", denunciare. Ma non c'è la costituzione, quella più bella del momdo?
      Qualche anno fa come Isonzo Soca abbiamo organizzato un incontro col preside del ginnasio di Nova Gorica. C'erano parecchi insegnanti. E tutti ad ascoltare come lui chiamava e assunmeva personalmente gli insegnanti e tutti a dire: così va bene, in Italia non lo faranno mai, in Italia non si può fare.
      Scusa Barone ma non è meglio aspettare un po' e vedere se la cosa funziona e poi eventualmente denunciare l'attentato alla libertà d'insegnamento. E poi, secondo me, se un insegnante non sa affrontare su questo tema un preside è meglio che non lo faccia quel mestiere. DS

      Elimina
    6. Io Dario proprio non ti capisco. Non c'entra il preside nazi, potrebbe essere anche di sinistra, non cambia nulla. Come ha spiegato Barone, gli insegnanti assunti per chiamata nominale, sono poi confermati dai presidi. Ora è ovvio, dico è ovvio, che uno che non ha lavoro cerchi di non mettersi in mostra come rompiballe, visto che deve essere confermato. Mi pare chiaro che si crea una forma di autocensura e basta vedere quanti e chi interviene ai collegi docenti per esprimere dissenso: una sparuta minoranza di vecchi di ruolo e con il culo coperto. Contro la legge buona scuola ci sono state migliaia di proteste, raccolte di firme, ecc. ma non è servito. Adesso vediamo se le firme raccolte saranno sufficienti per un referendum. Io mi chiedo il senso di mettere gli insegnanti in queste condizioni, il senso di questa cosiddetta riforma se non quello di dare più potere ai presidi, il che non ha senso, perchè la scuola vive solo nella collegialità. Non capisco perchè qualsiasi boiata proponga Renzi si debba essere d'accordo, quando si vede che le cose non funzionano. Io sono sempre stata contraria alle chiamate nominali, ai bonus ai più bravi, ecc. Ribadisco che non capisco la ragione di far difendere il proprio buon diritto agli insegnanti, quando bastava non dare il potere ai presidi e lasciare com'era e tutto sarebbe andato meglio di adesso. Rifiuto il fatto che chi non ha coraggio di scontrarsi con il preside non può fare l'insegnante. Perchè? adg

      Elimina
    7. Non mi capisci. Ma ammetterai che è difficile capire gli insegnanti. Come dice Barone hanno fatto uno sciopero con una partecipazione dell'80% contro sta buona scuola e per il contratto (e i soldi) che sarebbe sacrosanto, niente. Mi ragiono come una volta . DS

      Elimina
    8. Ah su questo cioè sul rinnovo del contratto siamo stradaccordo.

      Elimina
    9. ...comunque noi vogliamo sia il pane sia le rose

      Elimina
  13. Ha ragione. Mi scuso per l'errore

    RispondiElimina
  14. Perché con bonus ad personam e potere discrezionale dei presidi nella chiamata e' evidente che om tanti non vorranno contrariare il dirigente

    RispondiElimina
  15. http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-casa_poundassad_lalibi_della_sinistra_imperialista_con_la_coscienza_sporca/82_17255/
    Articolo interessante. Forse in casapound c'è qualcuno che pensa con la propria testa. Pur non condividendo niente con loro forse li guarderò con un punto di vista diverso. Talvolta quelli che credi essere i tuoi nemici peggiori hanno qualcosa in comune con te. Si intende,queste sono solo mie personalissime supposizioni e tali devono rimanere. Criticate pure,sono pronto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché bisogna criticare? Casapound non dice solo sciocchezze.Il problema è che sono razzisti e cultori del diverso ruolo uomo donna con il maschio guerriero e la donna che fa fioi.Mia nonna si poneva più domande

      Elimina
  16. Casapound già parte male con il nome, perché magari ci voleva un spazio in mezzo... ma poi cultori de che? Ma fatemi il piacere! Questi si ispirano ad un poeta americano che, divenuto vecchio e rincoglionito, iniziò a credersi un economista e ad appoggiare il fascismo, peraltro in epoca e contesti completamente diversi.

    RispondiElimina
  17. Ma a Stasi interessano solo i soldi? Che tristezza per un direttore di giornale...

    RispondiElimina
  18. Ma lo sapete che i tatautaggi più richiesti dai nostri giovani sono la CROCE CELTICA e la SVASTICA. Gli orrori perpretati dal NaziFascismo all'umanita sembrano dimenticati.

    RispondiElimina