mercoledì 10 agosto 2016

Uno, nessuno e centomila

Gorizia si riconferma laboratorio politico che anticipa, come è successo nel Novecento, tendenze nazionali.
Quello cui stiamo assistendo in questi giorni è una novità assoluta. Il PD, partito che ha governato per molti anni provincia e comuni importanti del territorio, sta implodendo. A Grado, Monfalcone, Ronchi e Gorizia gli amministratori del PD stanno lottando tra di loro per garantirsi un ruolo o un pezzo di potere. A Monfalcone Gherghetta, sospeso dal PD, fa una lista civica fuori da PD, ma che appoggia il sindaco Altran, di fatto commissariandola, perchè le impone il vicesindaco, a Ronchi Roberto Fontanot vede la giunta dimettersi e medita anche lui di staccarsi dalla “ditta”,a Grado abbiamo visto il presidente della provincia candidare una persona alternativa alla scelta fatta dal partito locale. A Gorizia la fine della provincia produce ciò che vediamo:il conflitto non è affatto tra “società civile” e partiti, ma è tutto interno ad un partito, il PD, che fino a poco tempo fa poteva contare sul 40% di voti alle europee.
Nessuna novità dunque nelle liste civiche proposte: sono gli stessi personaggi che hanno gestito, grazie alla loro appartenenza ai partiti, la politica locale da assessori, da sindaci, da presidenti della provincia, che si delegittimano l'un l'altro per continuare ad avere un posto al sole come fanno da decenni. Se Gorizia vuole cambiare davvero non lo potrà fare con la riproposizione del vecchio camuffato da antipolitica e civismo. Bisogna avere il coraggio della discontinuità, la voglia di girare pagina e candidare persone con idee nuove, libere dai rancori e dai legami con il passato. Gente che faccia politica in modo originale, senza scimmiottare in modo poco credibile il linguaggio del Movimento5Stelle (“né destra né sinistra, il cittadino al centro” di Portelli è l’ultimo esempio)conservando nel portafoglio la vecchia tessera del partito. 
adg, Forum per Gorizia

147 commenti:

  1. Mi sembra che anche i cinque stelle a Gorizia non se la passino proprio bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Portelli è il loro candidato ideale: superamento di destra e sinistra, cittadinanza attiva, critica ai partiti, cittadino al centro, più grillino di così!

      Elimina
    2. Sia Portelli che Gherghetta scimmiottano d'improvviso (e dopo un'interminabile carriera di patito) i grillini...cosa non si fa per il potere! Ipocriti di partito, di civismo non hanno alcuna idea!!!

      Elimina
  2. Di solito, il superamento di destra e sinistra è sempre in fondo a destra, come il cesso di gaber.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ma fa figo oggi essere tre metri sopra il cielo e soprattutto superare i vecchi steccati, le vecchie barriere ideologiche, retaggio di un triste passato dove la gggente non poteva prendere in mano la sua vita: scegliere o no il biologico, amare più il cane del gatto, depilarsi con il laser o la lametta. Per fortuna i tempi bui sono finiti e votiamo lista civica de destra di sinistra con al centro il cittadin

      Elimina

  3. di Francesco Fain Federico Portelli come nasce la sua candidatura a sindaco? Un gruppo di cittadini, provenienti da diversi ambiti, si è organizzato con un obiettivo comune: iniziare un percorso civico di impegno a favore della comunità goriziana. Ma in pratica, chi sono? Persone note e stimate per il loro impegno professionale, sociale e culturale. Entro settembre ci daremo un modello organizzativo. Alcuni nomi? Tra i più noti: Roberto Kusterle, Matteo Oleotto, Christian Natoli e don Alberto De Nadai. Questi primi firmatari mi chiedono di realizzare una sintesi in due orizzonti temporali: la prima fase, costruire un programma di governo da sottoporre democraticamente agli elettori nella prossima primavera, dando risposte concrete ai problemi locali. La seconda fase, elaborare un progetto per la città di più lungo periodo per reagire, non solo con slogan, ai fattori critici che negli ultimi trent'anni ne stanno causando il declino. Insomma, cittadini che non si rassegnano all'inerzia o alle lamentazioni sterili... Lei ha lanciato l'idea delle primarie delle civiche. In cosa consistono? E se nascono civiche di matrice centrodestra vi potranno partecipare? Esiste una pluralità di candidature e di percorsi, ciò è senz'altro una ricchezza... Il percorso che abbiamo immaginato serve a parlare a tutta la città, non solo ad una parte e ragionando senza schemi precostituiti, ci sono intelligenze disponibili a mettere in discussione le proprie matrici ideologiche per dare risposte concrete alle esigenze delle persone. Se nel Pd dovesse uscire il nome di Collini o di Fasiolo, abbandonerebbe la sua candidatura e rientrerebbe nei ranghi? Insomma, si può fare sintesi su uno di quei due nomi? Il problema non è il Pd. E neppure i nomi. Mi sembra che vi sia una debolezza di proposta da parte di quel partito. Sembra che loro facciano il gioco di poltrone. Che a me non interessa. Ai cittadini interessa costruire un percorso nuovo ed alternativo. Dal momento in cui ho accettato, stanno emergendo energie latenti. Stiamo costruendo motivazioni per un impegno a favore della città e con i goriziani. Ho sempre creduto nella cittadinanza attiva e partecipata. Io stesso l'ho praticata. Ci credo soprattutto quando, come in questo caso, la spinta a partecipare avviene in modo spontaneo, senza azioni pilotate. Associarsi liberamente per lavorare in favore della propria città, comprende la responsabilità di amministrarla in futuro, come esito di un voto democratico. Considerare questo percorso come “ostile” ad altri progetti partitici o civici, come si è letto, la dice lunga sul fatto che siamo temuti. Non è questo l'intento. Siamo invece aperti al dialogo. Non pensa che con un centrosinistra così spaccato, Ziberna (o chi sarà il candidato di centrodestra) può già lucidare i bicchieri per festeggiare con lo spumante? Ripeto. Il percorso partecipativo che faremo partire a settembre metterà al centro le persone ed i loro bisogni. Per dare risposta a tali bisogni e costruire le reali soluzioni, ragionare in termini di destra-sinistra non sempre è un buon approccio. Se, ad esempio, si intende strutturare un progetto di “mensa sociale” per rispondere ad un problema concreto, vale a dire che si stima che un 10% di goriziani è ai margini e ha problemi a sfamarsi, non sarà mica un problema di destra e sinistra? Creare occupazione, mica sarà una questione ideologica? I maligni dicono che tutte queste candidature servono per assicurarsi un posto di assessore in un eventuale secondo turno... Cosa pensa di questa chiave di lettura? Noi puntiamo a vincere al primo turno o ad andare al ballottaggio. Perciò rivolga ad altri la domanda. Ragioneremo con tutti coloro che avranno affinità programmatica. Pensare infatti che in dieci giorni, tra primo e secondo turno, si riesca a ri-orientare il voto dei cittadini è una barzelletta a cui non credo. Gli elettori formano la loro opinione sulla base dei programmi e sulle persone. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ridade! Portelli, te son una barzelletta! Tra i più noti te ga citado deille mezze cartucce e dei perfetti sconosciuti (a parte don Alberto, che dubito appoggi uno come ti). Te vol vincer al primo tur no...de che, de briscola? Va a lavorar, che xe mejo...

      Elimina
    2. "dal momento in cui ho accettato, stanno emergendo energie latenti"...con scappellamento a destra

      Elimina
    3. Né destra né sinistra, lo scappellamento è al centro

      Elimina
    4. In effetti ENERGIE LATENTI sa tanto de supercazzola prematurata

      Elimina
    5. O bucaiol-O, tu mi tradisci...

      Elimina
    6. "Considerare questo percorso come 'ostile' ad altri progetti partitici o civici, come si è letto, la dice lunga sul fatto che siamo temuti." Ma per favore, Portelli! Ci disturba solo l'ipocrisia di aversi chiamato progetto civico, mentre è chiaramente partitico-personalistico con origine da eletti di PD & SEL rimasti senza poltrona. Per il resto, siete liberissimi di fare qualsiasi supercazzola politica e di schiantarvi sul muro del prefisso telefonico.

      Elimina
    7. Mi quando emergi ste energie latenti, cioè quando le vien a galla, un poco de impressione me fa...

      Elimina
    8. Le fa odor?

      Elimina
    9. ..ma niache odor...mi me spuza

      Elimina
  4. I titoli li fanno i giornali. Non l'intervistato...
    Anna, leggi per intero l'intervista...

    Quanto a Gherghetta ecc. Segnalo che la sua candidata si chiama Mara Cernic. Ed io ed Ilaeia ci sono chiamati fuori da quegli accordi di potere e da quel percorso.
    Individuare gli avversari, segna una strategia. Spiace che, a leggere quanto scrivi, l'avversario non sia la "destra" (usando lo schema classico che tu invochi, per semplificare...)
    F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Destra chi? Non avete detto che è superata? Solo noi ci dobbiamo credere ancora? E poi per vostra ammissione avete detto che vi siete ritrovati civici quando Gherghetta (altro bon) ha fatto il nome della Cernic. Improvvisamente avete avuto la folgorazione! Ma dai! Candidatevi come e quando volete, ma non fate finta di essere quello che non siete.

      Elimina
    2. Facciamo un'ipotesi; se Gherghetta invece di dire Cernic avesse detto Portelli o cecot, lo avreste mollato comunque?

      Elimina
    3. se il candidato di gherghetta fosse stato lei,ci saremmo risparmiati la pantomima delle liste civiche. È questa la sintesi.

      Elimina
    4. Comunque per me si può candidare chiunque, che problema c'è? Quello che non si sopporta sono le seguenti parole 1) no ai partiti, quando abbiamo la tessera per tutto il 2016 2) non usare espressioni come: cittadinanza attiva, nè destra, nè sinistra, il cittadino al centro, perchè non è credibile, lo ha già fatto Grillo. Tutti questi pseudo nuovismi, primarie di coalizione (???) cittadinanze attive, antipolitica lasciateli stare. Ci confronteremo sulle cose da fare, non sulla fuffa.

      Elimina
    5. Al primo che telefona in regalo una poltrona.

      Elimina
    6. Portelli, una vita di partito scopre il "civismo" quando rischia di uscire dalla scena ed ha l'arroganza di dire di pensare all'interesse della città. Portelli, ma credi veramente che i goriziani siano così stupidi?

      Elimina
    7. Federico, ammettilo: tu ed Ilaria Cecot non vi siete chiamati fuori da quegli accordi, siete stati semplicemente trombati da Gherghetta e pure disconosciuti dai vostri rispettivi partiti in sfacelo. Ergo lottate per sopravvivere politicamente alla faccia dei nobili ideali che dite di voler rappresentare! Parole vuote, le vostre.

      Elimina
    8. Piu' che sopravvivere politicamente dire 'sopravvivere'...

      Elimina
    9. Penosi entrambi.

      Elimina
    10. Penoso il voto ipocrita ed asservito ai poteri forti di PORTELLI e CECOT sulle BIOMASSE. Gli ambientalisti non dimentacano. Ed i civici neppure. Vergogna!

      Elimina
  5. Per combinazione anche Gherghetta su FB è "contento della sua esperienze nella nuova lista civica" cui ci si candida mandando o curriculum on line, o, se non hai voglia,basta telefonare. Ci rendiamo conto o no di chi è questa gente???? Ma esistono ancora i probi viri o se roba de togliatti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al primo che telefona in regalo una poltrona.

      Elimina
    2. E'inevitabile e condivisibile indagare se chi si pone a capo di una lista civica abbia le carte in regola per farlo. Deve essere una persona che nella sua vita da tempo si muove portando avanti gli interessi dei cittadini, che gratuitamente fa indagini su temi che riguardano la collettività e che formula proposte utili a tutti,magari proponendole a chi governa. E'un pò difficile credere che una persona che è stata iscritta tutta la vita ad un partito, che è tuttora assessore provinciale un mattino si svegli e dica di essere stato invaso dallo "spirito" civico. E di più : che ora da "cittadino attivo" farà quello che non ha fatto da assessore e cioè metterà al centro del suo interesse i cittadini. Ma chi mai può credergli ?

      Elimina
    3. Chi ha memoria non può non ricordarsi che, all'inizio dell'amministrazione provinciale in scadenza, Portelli e Cernic erano consiglieri al Comune di Gorizia. Gherghetta, allora presidente della Provincia, li prelevò ( con il giulivo assenso di entrambi ) dal ruolo per il quale erano stati eletti dai cittadini, per promuoverli rispettivamente al ruolo di assessore alla cultura e all'ambiente. Una pura operazione di potere, condivisa da entrambe le parti : a nessuno importava che i due fossero stati eletti per il consiglio comunale che abbandonavano e invece non lo fossero stati per il consiglio provinciale in cui venivano cooptati. Dov'era allora lo spirito civico dei tre personaggi ? R. Forzi

      Elimina
    4. Sottoscrivo il commento delle 13:47 ed il della precedente della Forzi. Forum candidate lei! Come ha scritto Stasi qualche giorno fa in una delle discussioni nel blog, il giovane artista lascia non pochi molto interdetti. D'altro canto la Forzi mostra da anni, ed oggi di nuovo sul Piccolo in modo encomiabile, di essere una persona credibile ed una lottatrice "civica" di razza. Più giovane di testa di così...

      Elimina
    5. Donna tosta

      Elimina
    6. Ve lo immaginate un ticket Forzi-DiGianantonio? Li smonterebbero tutti, dai partiti ai finti civici.

      Elimina
    7. Donne toste

      Elimina
    8. questa sì che sarebbe una proposta veramente nuova, il Forum rompa con gli schemi

      Elimina
    9. A quanto mi risulta Gorizia non ha mai avuto un sindaco donna, pardon sindaca.

      Elimina
    10. appunto...bisogna avere il coraggio di cambiare veramente…come se essere giovane fosse di per sé un merito...o per lo meno più meritevole di essere donna e soprattutto in gamba e competente...mah!

      Elimina
  6. Povera Gorizia...

    RispondiElimina
  7. Tra fuggiaschi ed espulsi, il pd nostrano sta iniziando una vera e propria purga stalinista. Resteranno soltanto i bimbiminkia di papà renzi e di mamma debora.Chissà se il forum per gorizia apriprà le porte di casa per questa nuova ondata di profughi o chiederà loro documenti ed impronte digitali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente si chiederà documenti in regola, impronte digitali ed anche misurazione dei piedi.

      Elimina
    2. Mi dispiace, tutti i posti occupati dai nobili pastun

      Elimina
    3. Purtroppo siamo costretti al respingimento, ma posti ce ne sono a Lega Nord o Fi

      Elimina
    4. quei del forum no xe mona, no i verzi ai partidi

      Elimina
    5. Capito, Portelli? Forza Italia ti accoglie a braccia aperte, Alfano pure

      Elimina
    6. Vedrete, se gli offrono un'ASSESSORATO, PORTELLI trasformerà la sua lista "civica" in una LISTA CIVETTA per ZIBERNA...chiaramente nell'interesse della città!

      Elimina
    7. ...e la Cecot dietro Portelli a ruota...da vera comunista, nel senso del suo "comune" interesse con Portelli

      Elimina
  8. Io continuerò a non offendervi.
    Voi, fate pure...
    Mi avete tirato in ballo in un vostro post, raccontando favole e prendendo per mie le parole del giornalista. Ora continuate a far finta di non capire.
    Saluti.
    In bocca al lupo.
    F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, no, mio caro. Non attacca il vittimismo con me. Noi abbiamo posto QUESTIONI POLITICHE senza offendere nessuno nel nostro post. Se vogliamo rispondere nel merito, va bene, ma non dire che raccontiamo favole. Noi guardiamo i FATTI. Adg

      Elimina
    2. Portelli considera offensivo il fatto che il Forum descriva un'interpretazione dei fatti diversa dalla sua. Evviva il pluralismo. Da elettore PD deluso, ti dico: ci vediamo alle urne, caro Federico!

      Elimina
    3. Favole? Quali sarebbero le favole?

      Elimina
    4. A Portelli disturbano le lucide analisi di chi non è nel palazzo, ma osserva con attenzione ed atteggiamento critico da fuori: insomma si comporta da membro della "casta". E poi mima l'antipolitica. I p o c r i t a !

      Elimina
  9. Mi sembra un mezzo non idoneo, il postare su un blog, per affrontare questioni politiche.
    Oppure, citando il tuo post nei toni... "vuoi scimmiottare i cinqueatelle"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè, invece postare su fb sarebbe piu adeguato per affrontare questioni politiche, egregio Portelli? Quindi due pesi e due misure? Mi faccia il piacere! Il fatto è che il blog sta mettendo a nudo tutte le sue debolezze ed incoerenze, politiche e non, e ciò le dà molto fastidio. Se ne faccia una ragione e non piagnucoli come un bambino ha cui hanno detto che Babbo Natale non esiste.

      Elimina
    2. Portelli: "Adg ha detto che scimmiotto i grillini! Cattiva cattiva cattiva! Ora vado a dirlo alla mia mamma!"
      E tutta Gorizia si piega dalle risate.

      Elimina
    3. Siamo onesti: Federico Portelli ha, in verità, una paura matta del Forum, una vera lista civica il cui blog è più letto e citato da fonti di rilievo del suo sgrammaticato e sconclusionato profilo su fb. In questo particolare caso, poi, Portelli ha paura che il Piccolo, come spesso accade, riprenda il suddetto post sul quotidiano e smascheri la sua ipocrisia. Punto.

      Elimina
    4. Idem per il Mesaggero Veneto

      Elimina
    5. Oggi il Forum è stato di nuovo ripreso da un quotidiano, questa volta il Messaggero. Portelli, che non ha contenuti da offrire se non parole vuote di contenuto scritte in un italiano da insufficienza liceale, bolle di rabbia e di invidia. Come volevasi dimostrare.

      Elimina
    6. Io però consiglierei un po' di umiltà. La campagna elettorale è lunga e non sarà una passeggiata. Il fatto che il Forum sia ripreso può avere tante spiegazioni possibili e comunque i voti sono altra cosa. Amici del Forum, ricordatevi delle metafore di Bersani: non parlar di tacchino se non l'hai sul cofano della macchina (o no?)

      Elimina
    7. Vede, non stimato Portelli, qui nessuno ha vinto nulla (neppure lei, non se lo dimentichi), ma le siamo tutti grati per aver mostrato alla città la differenza tra una lista civica seria ed un ipocrita civismo di comodo e di stampo indubbiamente partitico come il suo. Si rende conto che a contribuire ad aumentare la meritata attenzione per il Forum è stato proprio lei (assieme al suo ex-sponsor in Provincia, il non più stimato Gherghetta) con il suo agire personalistico da politicante-camaleonte degno della Prima Repubblica? Mi dispiace per lei nella sua ingenua analisi pensava di essere accolto come il salvatore della Patria…

      Elimina
    8. Altro che salvatore della Patria, Portelli è solo un Mr. Vinavil

      Elimina
  10. Risposte
    1. Il "nuovo civismo" di Portelli che avanza : la mensa per i poveri di Gorizia, quel 10% in difficoltà

      Elimina
    2. Portelli se ga sveià al mancar della poltrona, prima ghe ciavava zero dei poveri!

      Elimina
    3. Credime, ghe ciava zero dei poveri anche adesso

      Elimina
    4. haha! a portelli interessa solo cadrega/posto sicuro ...ed il potere. Dei poveri e della citta non gliene cale una mazza.

      Elimina
  11. Sbaglio o sta andando in onda un regolamento dei conti? A sinistra?
    Eh si

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Né destra né sinistra
      Al centro contro gli opposti estremismi

      Elimina
    2. Nessun regolamento dei conti.Soltanto chiamiamo le cose con il loro nome, senza mistioficare la realtà. Chiunque può fare le liste che vuole, ma non pretendere di essere chi non è.

      Elimina
    3. Nessun regolamento. La vis polemica dipende dalla modalità della candidatura non da altro. Buoni si. pazienti e spartani anche ma fessi ignoranti e boccaloni no

      Elimina
    4. Oh,ben po. Ben dita.Però me manca il Bellavite.Più fine. Più delicato e poi traguarda.Qui sempre terra terra ste galline

      Elimina
    5. avete cesurato il Portelli Trota e non censurate questo misogina?

      Elimina
    6. A questo punto io, "gallina", chiedo di ripubblicare le divertenti battute su Portelli che avete ingiustamente censurato la settimana scorsa.

      Elimina
    7. Mi associo #jesuischarlie

      Elimina
    8. raga, mi associo pure io. vogliamo le battute su portelli!!!

      Elimina
    9. Se non censurate simili uscite offensive sulle donne ('ranzide, galline'), ma avete censurato non pochi commenti, decisamente meno pesanti, di carattere satirico, su Federico Portelli, secondo me ci sono due possibili motivi:
      1) siete dei misogni (cosa che proprio non credo, anzi);
      2) avete operato la censura in modo specifico perchè ve lo ha ingiunto in via privata lo stesso Portelli, che con la sua coda, anzi...il suo codone di paglia ha paura che le sue non poche debolezze diventino note ai pochi goriziani che ancora non lo conoscono. Insomma, Portelli ha paura che si rida di lui e voi vi siete lasciti intimidire - per un momento, visto che ora mi sembra abbiate capito l'errore e mi sembra abbiate iniziato a permettere l'ironia ed il sarcasmo nei commenti. Avete imparato e ciò ve ne fa onore, ma in prima istanza avete mostrato una notevole debolezza.

      Oltre al 'je suis Charlie' vorrei aggiungere un chiaro 'no alla misoginia'!

      Elimina
    10. Signor mio ma cosa dice?Da noi vige un rigido matriarcato.

      Elimina
    11. Lo so, lo so, era una tesi ad absurdum solo per dare un maggiore peso retorico alla mia vera tesi, cioé il punto 2!

      Elimina
  12. La sensazione che ho maturato è la seguente: Grado,Ronchi,Monfalcone, passando per la vicenda di San Pier, ed ora Gorizia cosa dimostrano? Che è in corso una prova di forza per mettere in difficoltà l'attuale vertice del PD locale se non regionale. Una lunga notte dei coltelli che continua da mesi ed ora sta implodendo e lo scopo è arrivare alle regionali del 2018 con un quadro politico dirigenziale diverso od avere un posto sicuro da candidato/a in regione. Se questa operazione riesce o si prendono in mano il PD o creano qualche altra struttura che faccia comunque da stampella al PD. Senza il PD, a parer mio, la maggior parte di queste persone non andranno da nessuna parte. E poi, se non ricordo male,qualcuno doveva ritornare a lavorare...invece, a quanto pare, farà il contrario. Ma allora non dite che ritornate a lavorare per poi fare esattamente il contrario. Coerenza pari a zero. E poi io non sopporto una cosa. Sputare nel piatto nel quale si è mangiato per anni. Hai fatto parte di un partito? I panni sporchi si lavano in famiglia, non fuori. Non pubblicamente per la propria gloria. Io avrei tirato fuori un bel cartellino rosso nei confronti di chi non ha rispettato la linea del partito e pubblicamente leso lo stesso. Se non ti piace il PD, esci, vai via, non è che ti comporti così, rimanendo con un piede in due scarpe. E lo stesso vale per gli altri partiti minori. Comunque la storia ha sempre insegnato che a furia di saltare prima o poi si inciampa e si rischia di cadere in cattivo modo, politicamente parlando. Viva la coerenza che non c'è, viva la correttezza che non c'è, viva la dignità che non c'è. Che nausea. Abbiamo bisogno non di attori od attrici, ma di persone vere, semplici, umili, che non dicano io amo Gorizia, o Ronchi o Monfalcone od il FVG solo quando si avvicinano le elezioni, ma che questo amore lo sappiano dimostrare concretamente ogni giorno.

    RispondiElimina
  13. Sottoscrivo. Ogni. Parola.

    RispondiElimina
  14. E bravo Forum, avete fatto centro! Il fatto che Portelli si agiti e si dimeni per negare, ritrattare e relativizzare (insomma: è tutta colpa dei giornalisti che lo stravolgono e di voi che proprio non volete capire) ne è la prova lampante. Mio figlio ha 6 anni ed ha più dignità di Portelli, che in teoria potebbe essere forse suo nonno. Comunque anche gli altri di cui parlate non sono da meno, purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per es. il viscido Gherghetta che lavora i fianchi del PD per spianarsi la strada per regione/camera/strasburgo

      Elimina
    2. Beh, perche' gli altri due no? Posizioni dove non devi fare fatturato...Dove se non concludi nulla non fa differenza...e dove il reddito e assai remunerativo...non devi saper fare nulla...ne' concorsi, ne' selezioni, prove attitudinali, quiz, master, lauree...Basta avere un ego ipertrofico....

      Elimina
    3. Se trova i fessi che lo votano buon per lui. Non ci andrà mica da solo in regione/camera/Strasburgo?

      Elimina
    4. La gente compra qualunque cosa, basta vedere il numero di discount in giro...qualita' bassa, poco prezzo...cibo, stracci...vuoi che faccia storie sulla qualita' dei candidati?

      Elimina
    5. Si ma dopo non scandalizziamoci se dicono se sarei nel migliore dei casi e nel peggiore mandano messaggi contro le donne, madri, nonne, figlie.

      Elimina
    6. Eppure è cosi'. Non va sottovalutata la sociologia e la psicologia spicciola...si puo' cooperare alla li sta Gherghetta telefonando...Portelli 'invita' gli amici personalmente via fb, basta fare un commento salutarlo e fare gli auguri/Complimenti.
      E' un'ottima strategia di marketing...Spesso sono persone giovani...gente semplice e comune. Magari ognuna ha un talento...una competenza, forse solo entusiasmo...o anche niente...piu' facile di un talent show!

      Elimina
    7. È successo anche a me: ho fatto su facebook un commento sibillino sulla pagina di Portelli, lui l'ha interpretato come positivo e mi ha scritto in privato ringraziandomi e chiedendomi da vecchio amico se l'appoggio. È cosí che raccoglie firme, ma dice "in molti mi hanno chiesto di scendere in campo". Tutte balle, facciamolo sapere ai quotodiani!

      Elimina
    8. quindi Portelli è anche un gran bugiardo

      Elimina
    9. Pazzesco! Il "ho accettato di candidarmi sindaco" di Portelli, visto in quest'ottica, ha dell'assurdo e del tragicomico!
      @Portelli: contaballe

      Elimina
    10. Propongo l'hashtag:
      #ListaPortelliFarsa

      Elimina
    11. Non tracimiamo. Quei nomi sul Piccolo: De Nadai. Oleotto. Kusterle e Natoli non se li sarà mica inventati? Su cerchiamo di non drammatizzare le cose.

      Elimina
    12. Non se li sará inventanti, ma se le cose stanno come si sta gradualmente delineando, probabilmente non sono loro che hanno chiesto a Portelli di candidarsi, ma lui a loro di supportarlo. Il che stravolge la sua storia "ho accettato a candidarmi sindaco" e mina anche da questo punto di vista la sua credibilitá. Non si drammatizza, si analizza. E ci si indigna.

      Elimina
    13. Evviva la lista "civica" creata in base ad inviti personali del politico di partito con carica istituzionale annessa. Portelli sei ridicolo!

      Elimina
    14. Errata corrige per il Piccolo.
      PORTELLI DIXIT: 'accetto l'invito a candidarmi sindaco che mi sono fatto da solo'

      Elimina
    15. Portelli dice al suo (ancora) partito di essere autoreferenziale...ma più autorefenerziale di così si muore! Quindi

      #PortelliCandidatoAutoreferenziale

      Elimina
    16. devo dire che i commentatori del forum sono spassosi...mi sto sbellicnado dalle risate! avete mai pensato di postare il meglio di questi commenti su facebook?

      Elimina
    17. Qualcuno potebbe creare una pagina fb con il nome FEDERICO PORTELLI il TROTA del PD ISONTINO. Un successo garantito!

      Elimina
  15. ...ma tutti questi candidati riciclati non hanno un lavoro a cui tornare? E' così orribile dare ad altre persone la possibilità di contribuire alla gestione della nostra città? Basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai visto il film "Zeta, l'orgia del potere"? Uno che è riconosciuto come Presidente, Capo, Manager, Direttore non vuole tornare all'anonimato perchè lo vive come una frustrazione. Ragion di più per cambiare la classe dirigente, rinnovare la mentalità e rinverdire l'entusiasmo.

      Elimina
    2. Portelli no ga voia te tornar a far supplenze e la Cecot no ga voia de tornar a far fotocopie, tutto spiegato

      Elimina
    3. Non esasperiamo i toni. Le cose non stanno così. Si discutono posizioni politiche non professionali, partendo da presupposto che si tratta di persone cui è lecito candidarsi

      Elimina
    4. Concordo pienamente, il post non ha nessun riferimento alla sfera personale e professionale. Si analizzano i percorsi politici, e basta.

      Elimina
    5. Certo, se liberissimi de candidarse, ma vardate Zeta e poi parlemo, xe purtroppo anche un problema de ego e de questo dovemo anche poder parlar liberamente. E fra l'altro Ilaria la disi giá da due anni che quando la smetti in provincia la mandan a far fotocopie in cooperativa, no me lo invento mica io. E de Portelli xe stranoto che per lui xe una specie de ultima spiaggia: con il pd ga rotto, Gherghetta lo ga silurà, quindi se no la va in comun come sindaco o assessor ghe rimani solo le supplenze. Questa xe un'analisi pacata ma ferma, no se certo mancanza de rispetto

      Elimina
    6. Secondo voi l'ego ed il percorso professionale non centrano quando uno proclama di essere stato esortato dagli altri a fare il passo della candidatura, ma poi si scopre che cerca spasmodicamente di raccogliere firme per supportare la stesaa candidatura? Siamo onesti, dai

      Elimina
    7. centrano eccome, vanno fatti notare

      Elimina
    8. Non sono d'accordo: il percorso politico è criticabile, la sfera personale o professionale non va toccata. Quello che farà Portelli, o Mara Černic o chiunque altro si candidi e non venga eletto sindaco, al di fuori della sfera politica, non dovrebbe essere materia di discussione, né in questo né in nessun altro blog.

      Elimina
    9. Se le motivazioni di una persona fossero a compartimenti stagni, direi di sì, ma la psicologia insegna che ci sono delle chiare interdipendenze fra i diversi livelli motivazionali, quindi negare la loro esistenza sarebbe un atto di ipocrisia. Sarebbe come negare che Berlusconi non è entrato in politica anche per difendere gli interessi delle sue imprese dopo Tangentopoli. Ribadisco: siamo onesti!

      Elimina
    10. Per rispondere alla domanda iniziale: no, la Cernic no ha un lavoro a cui tornare.

      Elimina
    11. È proprio questa commistione tra politico e privato l'aspetto su cui non sono d'accordo. Di fatto, per inciso, indebolisce la contestazione politica che viene mossa. Dire che lo fanno solo perché non vogliono tornare a lavorare, significa a mio parere confondere i due piani. Dire che questa è una mossa politica per abbandonare la nave del PD, oppure perché il PD ha abbandonato lui,ed è un tentativo penoso di rifarsi una verginità politica è invece una contestazione che resta sul terreno politico, tra l'altro difficilmente confutabile. Noi non possiamo conoscere le motivazioni personali, ma possiamo invece, e dobbiamo a mio parere, analizzare le scelte politiche aldilà di quale sia la motivazione personale che le muove.

      Elimina
    12. La motivazione personale è importante. Dedicarsi all'impegno politico senza essere spinti da una necessità personale, qualsiasi essa sia, è fondamentale per agire liberamente.

      Elimina
    13. Infatti. Nel Portelli che, per rimanere politicamente ma anche in qualche modo professionalmente a galla, si autocandida a leader di una entitá che è civica solo a parole, io vedo certamente il politico eletto penoso ed ipocrita sopra descritto, ma anche il debole e meschino individuo che cerca di vendere fumo alla comunitá per scappare dalle proprie responsabilitá, quelle verso se stesso (sviluppo di una propria professionalità, tenacia nel perseguimento di una carriera e via dicendo, senza attaccarsi regolarmente al tram di passaggio che lo porti avanti di qualche metro senza far fatica o sopperendo alla sua mancanza di competenza specifica) e che quindi non è veramente libero nella sua dichiarata e poco credibile scelta di voler lavorare per il bene comune. Un leader secondo me deve soddisfare entrambi i tipi di fattori: coerenza e solidità politica da una parte e limpida motivazione personale dall'altra. A mio riguardo Portelli non soddisfa nessuno di questi criteri e sono quindi dell'opinione che ciò vada apertamente discusso. Va da sé che ciò vale anche per tutti gli altri candidati, presenti e futuri.

      Elimina
    14. Questa è decisamente la migliore caratterizzazione di Federico Portelli che ho letto fin'ora, forse solo seconda alla satira universitaria che il forum ha censurato, più succinta ed quindi ancor più efficace.

      Elimina
  16. Ciò che trovo davvero sconcertante è che tutte queste persone si sentano indispensabili per il buon governo di questa città. Un po' di sana autocritica non guasterebbe.
    SS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche perchè non hanno dato grandi prove di sè. Forse è per questo che sono in cerca di nuove etichette

      Elimina
    2. Berlusconi docet

      Elimina
    3. haha! Portelli Silvio de noatri

      Elimina
  17. Ultimamente, su questo blog e non solo, leggo, sento e vedo sempre più acredine (che in taluni casi sfocia in un odio vero e proprio) rispetto ad altri e loro idee, proposte, programmi. Sinceramente non capisco perché, taluni, non utilizzino meglio le proprie capacità ed energie. Alle mensa dei poveri ed in tante associazioni di volontariato c'è tanto bisogno di aiuto. Io ci vado. Perché non fate altrettanto? Cordialmente da Aiello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facile fare i buoni a Aiello con Bellavite! E' qui a Gorizia che c'è pianto e stridor di denti

      Elimina
    2. Andrea, non dimentichiamoci che il ceco amore per il prossimo, quindi anche per i loro aguzzini, non ha certo salvato i cristiani dalla morte violenta nel Colosseo. Siamo responsabili del nostro futuro ed un'accesa dialettica fa parte del confronto politico…soprattutto con certi avvoltoi come Portelli e Gherghetta!

      Elimina
    3. siamo buoni ma non buonisti, Bellavite, non possiamo aver paura di toni accesi

      Elimina
  18. E' chiaro che qui siamo ben lontani da quanto suggerisce il messaggio evangelico. Il cieco amore, appunto, quello che prescinde dal proprio tornaconto personale e dalle mancanze dell'altro.
    Sarebbe bello se il bene vincesse, almeno qualche volta, su questa terra ma, si sa, su questa terra il bene non vince quasi mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, appunto. Il bene sulla terra non vince. Vince Ziberna al primo turno e voi Forum tornerete in sede a "ululare alla luna" come scrive Gherghetta su fb. Divertitevi un po' prima dell'impatto con la dura realtà goriziana.

      Elimina
    2. Alla fine Portelli fa anche un pò pena. E' partito con notevole anticipo, pensando di spiazzare i concorrenti e invece viene smontato pezzo per pezzo

      Elimina
    3. No, Federico Portelli non fa per niente pena, è uno che si sente astuto ma non lo è. È partito in anticipo solo perché obbligato dal fatto che Gherghetta l'ha silurato a dovere e lui era già in rotta con il resto del PD (su cui è meglio stendere un pietoso velo). In totale mancanza di opzioni, ha scelto di fingersi 'nuovo' reinventandosi da 'civico', però, essendo debole non solo in italiano, ma anche in matematica, ha clamorosamente sbagliato i calcoli (il che, per dirla tutta, è un vero dramma per uno che dice di essere ingegnere). In totale confusione, sembra abbia poi iniziato a farneticare cose del tipo 'primarie delle liste civiche' per cercare di riqualificarsi da ‘vero civico’, ma gli sta andando buca anche questa. Aspettiamo con trepidazione la sua prossima uscita per farci un paio di risate. Ah, dimenticavo! Qualcuno ha scritto che, nel caso Ziberna gli offrisse un assessorato, lui trasformerebbe la sua lista da civica in lista civetta pro Ziberna. La cosa suona assurda? Forse. Impossibile? Visto il personaggio, decisamente no.

      Elimina
    4. bella questa! come si fa a condividere i commenti singoli su facebook?

      Elimina
  19. A proposito ad Aiello avete preso un pochi di finti profughi giovani pakistani piagnoni con tasche piene di sesterzi, casa a posto I phone, gambe e lingua lunga o no?
    Ad Aleppo, in caso, ci sono migliaia di famiglie e bimbi in fin di vita. Chi li ha visti? Nemmeno uno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai sbagliato post. Aspetta il prossimo

      Elimina
  20. Un centinaio di commenti tutti sullo stesso tono, sembra quasi una questione personale con Portelli. L’aspirante sindaco secondo me racimolerà comunque le briciole, così come Oreti . Quindi non capisco tutte queste polemiche. E comunque la sinistra o presunta tale ha già perso prima di iniziare, la questione dei profughi in una città dove di positivo resta solo la pace quotidiana e la tranquillità di vivere in un posto al confine di tutto, avrà un peso determinante. Togli ai goriziani anche questo e poi non resta più nulla.
    La destra non deve faticare neanche a trovare personaggi presentabili, basta qualche dichiarazione ogni tanto dove si afferma la contrarietà nel continuare ad ospitare profughi in città (perché ce ne sono già troppi)e migliaia di voti sono già in cassaforte, altro che ascensore.
    Il forum spicca nell’oceano di ignoranza (direi assolutamente trasversale) perché ha qualche testa pensante tra le sue fila, ma l’anticipazione del programma elettorale lascia intravedere la solita aria fritta. Non è sufficiente formulare un pensiero critico e scriverlo senza errori di ortografia. Bisogna anche avere delle idee innovative, un certo senso pratico, e soprattutto una visione del futuro che sia attuabile. E a dirla tutto, spesso le critiche che leggo in giro nel WEB nei confronti dell’attuale amministrazione non sono neanche ben documentate e presentano una rilettura parziale dei fatti o ad cazzum in altri casi.
    Chiariamoci: è risaputo che chi vota a destra mediamente ha una cultura da curva nord. Se si vuole governare la città bisogna iniziare a prendere coscienza di questo, sarebbe già un passo avanti. Oppure rassegnarsi e trovare una terrà più dolce di quella natia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È tristemente vero che la destra goriziana abbia una cultura da curva nord o, in taluni casi non proprio rari, da naziskin da curva nord. Ciò però non vuol dire che ci si debba abbassare a tale livello per un dibattito polito dedicato al cambiamento. Ai goriziani piacciono gli urlatori sbracati del tipo Oreti, Zotti, Ziberna, Bertin e compagnia bella? Se non riescono a discernere tra gli slogan retrogradi per il populino ed i contenuti che si vuole proporre seriamente e pacatamente per la città, allora vuol dire che gli urlatori buzzurri fanno per loro e tristemente li rappresentano.

      Elimina
  21. Cerco di rispondere allo stimolante intervento che precede. La destra ha in cassaforte l'emergenza profughi? Si e no. Certa destra agiterà le piume del cigno, altra si renderà conto che questo è un problema non morale, ma pratico.E' "questa acqua qua", come dice Bersani: tutta la società sarà chiamata ad affrontare l'inserimento, tanto va farlo pensando. Noi non supereremo la presenza degli afgani solo chiudendo gli occhi, ma con soluzioni concrete, come ha fatto MSF. Il Forum non ha presentato nessun programma elettorale, quindi dove c'è aria fritta? A me pare che le uniche proposte che avevano un minimo di concretezza e di fattibilità per valorizzare la città le abbia fatte proprio il Forum (dal turismo, alla cultura intesa in un certo modo, al welfare, di cui abbiamo le idee chiare, alle partecipate, all'urbanistica, ecc. ecc. ) Se è successa qualche critica "ad Cazzum" come lei la definisce è senz'altro un peccato veniale rispetto alla mole di lavoro che il Forum ha fatto, senza la gratifica della prebenda, nè del potere e mi pare che già solo questo sia un aspetto di assoluta novità. Per quanto riguarda Portelli e Oreti, che nemmeno conosco, le ricordo che funziona così: uno fa un post, scrive, e gli altri commentano. Se l'uscita di Portelli ha fatto incazzare un significato c'è. La gente non vuole farsi prendere per i fondelli e se non fosse stato il Forum a sollevare il problema del riciclaggio dei politici, come ha fatto per mille altri problemi, tutti sarebbero stati zitti. Io dunque non penso che siamo solo quelli che usano bene la consecutio temporum (è questo è già un grande vantaggio) ma anche quelli, che proprio per la pratica decennale controcorrrente fatta, sono quelli che hanno le idee più nuove, i minori luoghi comuni, la maggiore apertura mentale per dare qualcosa a questa città. Se prevarrà la ronda, il saluto romano e la curva nord abbiamo già predisposto le caraule che ci alloggeranno tutti insieme. adg

    RispondiElimina
  22. Finisco or ora di leggere il post, che politicamente e moralmente condivido, ed i suoi 125 (!) commenti. Condivido profondamente l'irritazione per il trasformismo di facciata di diverse fronde ed esponenti del PD in tutto l'isontino, tema di cui penso si continuerà a parlare nei prossimi mesi. Da goriziano mai schierato per un particolare partito, mi permetto di consigliare caldamente all'amico Federico Portelli di riconsiderare la sua decisione, una decisione che, come in tanti hanno fatto notare nei commenti, é stonata ed inadeguata sotto i più diversi punti di vista. Fai un favore a te stesso ed alla città e ripensaci, Federico.

    RispondiElimina
  23. Premetto che conosco poco la realtà politica di Gorizia, mi sembra che la questione si possa riassumere così: il sig. Portelli mi sembra abbia sempre fatto parte del PCUS - PCI - PDS - PD - . Ora da quanto leggo vuole fare una nuova esperienza politica, domanda: perchè delle reazioni sconsiderate del genere? Quasi liberticide.... direi. Ma che male fa?
    mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 3 cose veloci, mauro:
      - si vede che non sei di go (ma non ti perdi molto)
      - Portelli é un PD della quota DC poi Margherita (ti ricordi i DC? quelli de "il potere logora chi non ce l'ha", per intendersi)
      - può far quello che vuole, ma non faccia ridere chiamandosi "civico", visto il suo curriculum in toto partitico
      - per quanto mi riguarda, Portelli incarna il viscido moto andreottiano si cui sopra alla grande e già solo per questo sarebbe da mandare a casa o non votare (ma é solo un'opinione peronale, chiaramente)

      Elimina
    2. vabbé, poi le cose sono diventate 4...non ho potuto resistere a fare la mia elegia al 'trota del pd di go' (cit.)

      Elimina
  24. C'è un commento tra i tanti che merita il premio "Forumintuizio", riconoscimento che premia coloro che capiscono fino in fondo lo spirito del blog, dei commenti, della filosofia che abbiamo, il commento che dice che siamo spassosi. La sintesi politico esistenziale è questa: bisogna fare politica, difendere diritti, sviluppare la città, ma bisogna farlo ridendo divertendoci, prendendo in giro, sapendo che esiste un limite, che chi si prende tanto sul serio finirà sbertucciato. Insomma se il lettore del blog ride, noi siamo contenti: è sano, non costa, fa uscire il goriziano dalla depressione che come ha detto il giornale colpisce un cittadino su tre, di più le donne. Se votate Forum alle prossime elezioni, non dovrete più prendere Lexotan, ne guadagnerete in soldi ed effetti collaterali. Ogni mattina troverete un sapido post e la giornata sarà più sopportabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa ho vinto con il premio "Forumintuitio"? ;-)
      Questo è un bel gruppo, spero che i goriziani lo capiscano (per favore rimanete con i piedi ben piantati per terra e non mollate la pressione, un paio di post commentati del solito non sono certo ancora un successo elettorale, anche se possono essere un'inizio).

      Elimina
    2. ...commentati PIÙ del solito...

      Elimina
  25. Inoltre vuoi mettere trovare su FB frasi di Pirandello piuttosto che la solita foto di paesaggi o di cani e gatti? Non ha prezzo, dai. Siamo come la settimana enigmistica che fa funzionare il cervelllo.

    RispondiElimina
  26. Sì, però bisognerebbe avercelo...il cervello!

    RispondiElimina
  27. Effettivamente il panorama è desolante. Di persone dotate di cervelli pensanti ce ne sono davvero poche. Se, poi, ci aggiungiamo pure l'onestà sfioriamo lo zero virgola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Né destra né sinistra misuriamo solo il QI (quoziente intellettivo )

      Elimina
    2. Se poi pensiamo che le persone oneste e pensanti generalmente sono emarginate dalla politica, pensiamo in che mani siamo e in quali mani ci metteremo.

      Elimina
    3. Il premio Forumintuizio consiste in cena pagata dove gli argomenti spaziano da battute di spirito, cazzeggio vario, ironia a profusion

      Elimina