domenica 3 luglio 2016

Presa diretta.


Nel 2014 Liza Boschin e Elena Marzano girarono per il programma Presa Diretta un servizio sulla produzione tessile in Bangladesh, dopo il crollo del fatiscente palazzo Rana Plaza, dove c'erano laboratori di produzione in cui le operaie erano chiuse dentro. Che il palazzo fosse pericolante si sapeva già, ma le donne erano costrette a lavorare comunque. Nel crollo dell'edificio morirono 1219 persone e solo casualmente si scoprì che i marchi famosi, protetti da una rete di appalti, erano Benetton, OVS, HeM. Il salario delle operaie oscillava trai 60 e il 70 dollari mensili. Le giornaliste si trovarono al centro di una manifestazione di protesta e a stento vennero salvate dalla rabbia della gente. Il Bangladesh è uno stato in cui la manodopera femminile viene sfruttata dalle multinazionali del tessile, quella maschile dalla costruzione di navi in Italia. Il radicalismo religioso è un concetto che deve essere analizzato in tutte le sue componenti, da quelle economiche, a quelle politiche, sociali e neo coloniali, altrimenti non lo si può né capire, né combattere nel giusto modo.

adg

10 commenti:

  1. Ricordiamoci che il bangladesh è anche uno dei paesi dove si sfrutta in maniera massiccia la manodopera minorile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.carmillaonline.com/2016/07/10/morire-a-dacca/
      Giusto per farsi un'idea.

      Elimina
  2. Daesh isis e tutte le altre sette sataniche affiliate sono i maggiori sfruttatori di manodopera. Non avete mai visto si youtube I video autoprodotti da isis nei quali I bambini rapiti vengono schiavizzati e addestrati. I bimbi che si rifiutano di partecipare agli addestramenti militari isis vengono stuprati torturati e uccisi. Molti bengalesi accettano con gioia di frequentare le scuole islamiche finanziate dall estero.
    Dall Arabia Saudita. Che è il maggiore importatore di mano d opera bengalese. Non siete mai stati nei paesi del golfo?
    Su 50 persone che incontrate per strada in 5 minuti, 30 sono bengalesi, 20 sono pakistani. Senza contare le donne che lavorano nelle case (maids), schiave bambine che vengono picchiate e stuprate tra un bucato e un arrosto. Basta un uovo cotto male e le maids vengono torturate a morte, specialmente dalle signore di casa, quelle con il burka.
    Alcune maids riescono a fuggire, perche' se o sano difendersi vengono condannate a morte. Le carceri saudite ecc sono piene di bengalesi uomini e donne in attesa di essere decapitati. Alcuni Paesi (Kenya, Indonesia, Nepal) hanno vietato ai loro connazionali di lavorare come domestici(autisti, giardinieri ecc..) nei paesi del golfo.
    Eppure le madrase saudite in Bangladesh sono affollate e gli attentatori hanno trucidato I crociati non islamici e pure I loro connazionali che non ricordavano il Corano, invece di accoppare I sauditi che decapitano le loro figlie per un uovo cotto male.

    RispondiElimina
  3. Qui si parla di uno sfruttamento di griffe occidentali e ci si chiede se anche questo non sia una componente del risentimento della popolazione. Poi che i sauditi lo facciano anche non toglie il problema che noi siamo loro alleati

    RispondiElimina
  4. No. Qui e altrove sta passando il messaggio perverso che in fondo in fondo le vittime dell attentato di Dacca hanno meritato di morire sgozzate e torturate perche' occidentali. Punto e basta.
    Lo slogan delle griffe occidentali è tanto comodo e snob da lasciare pietrificati per la cinica indifferenza con il quale viene usato davanti a tanto orrore cieco.
    Mi spieghi allora la logica dello sterminio dei passeggeri del bus nel nord est del Kenya, lo scorso anno. Separati I somali da tutti gli altri, e sterminati con un colpo di pistola alla testa tutti quelli che non riuscivano a leggere il Corano in arabo. Accidenti, da quale malcontento erano motivati?
    E mi dica quale malcontento contro le griffe ha causato lo sterminio dei 100 bambini uccisi uno ad uno in una scuola pubblica di Peshawar, Pakistan...E chissa' quale odio per le multinazionali si cela dietro alla strage di ieri a Bag dad, o quella delle 19 donne yazide bruciate vive in una gabbia aperche' si sono rifiutate di diventare schiave sessuali dei mercenari islamici.
    Altre stragi cieche avranno luogo, ma da questo blog si leveranno applausi, quasi quasi...Si distoglieranno gli occhi dalla barbarie per giustificarla con deboli argomenti (eh le griffe...eh gli occidentali!) e intanto si sdoganera' piano piano, trovando motivazioni razionali, ogni sterminio. Il nazismo si e' diffuso proprio cosi'...eh...la razza ebrea di ricchi capitalisti...andava sterminata dalla faccia della terra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://aurorasito.wordpress.com/2016/06/29/da-quando-usa-e-nato-sponsorizzano-il-terrorismo/

      Elimina
  5. Si è semplicemente detto che la categoria "guerra di religione" non è bastata nè a spiegare le crociate, nè quello che succede oggi. La religione è una componente, non la sola.

    RispondiElimina
  6. E il razzismo? Dove lo mettete? In Asia gli africani di colore sono considerati esseri inferiori. Secoli di commercio degli schiavi, gestito dagli indiani per conto degli arabi ha stigmatizzato la condizione dei neri a razza inferiore, di schiavi. In Pakistan e Afganistan in particolare è im pensa bile relazionarsi alla pari con un africano, perche' è uno schiavo. Quando gli asiatici arrivano in Italia portano con loro questa cultura. Non lo sapevate? Siete mai stati in Africa recentemente? L intero continente si è completamente prostituito a India e Cina. Prendete un aereo da Dubai a Khartum. 90% dei passeggeri sono cinesi e indiani.
    La Corea del Nord vende armi e addestra militari dalla Tanzania alla Namibia (da oceano a oceano...) e conduce esperimenti medicali su milioni di cavie umane africane...
    E vabbe' che sara' mai, mica son griffe di moda occidentali, vuoi mettere, Benetton, Oviesse (Oviesse!) Questi si che andrebbero perseguiti all'Aja! Asilo politico subito a tutti I bengalesi che han cucito le etichette.

    RispondiElimina
  7. Quindi? La soluzione quale sarebbe? Perseguitare gli asiatici perchè odiano i neri e i neri perchè odiano i bianchi? Chiudere le frontiere a cinesi e indiani? Cerchi di essere più chiaro.

    RispondiElimina
  8. Non si capisce? Questo blog passa il tempo a disprezzare l Italia come un paese di razzisti piena di odio, intolleranti ecc e tutta la solita paccottiglia, mentre invece fuori dal confine sono tutti virtuosi, ecumenici fraterni religiosamente tolleranti, pacifisti, neri e gialli insieme gli uomini non tocca no le donne islamici e buddisti si baciano fa loro e intrecciano ghirlande, tutti disarmati usano machete solo per pelare tapioca...e che a Dacca ops e' stato il malcontento poverini, da loro si usa cosi' ...quando c'e' un problema si prende no dieci a caso e si sgozza no uno a uno,...che son gente semplice...o siete tonti davvero, ed è il male minor e, oppure fate fina di non vedere, non sapere, non credere che il mondo è un po' piu crudo la' fuori, e che chi arriva porta con se tutta la crudelta' è che Bisogna essere vigil e fermi, che chi si fa agnello il lupo se lo mangia. Fate pure entrare in Italia chi vi pare ma sappia te che un afgano non vedra' mai in una negra che una schiava, e che un pakistano islamico non per mettera mai che sua sorella o figlia vada a spasso per il Corso di Gorizia con un 'negro', o con un cinese.

    RispondiElimina