lunedì 4 aprile 2016

Domenica 10, camminata dei tre monti goriziani. Nedelja 10, aprila: pohod treh goriskih hribov

Sabotin, Sveta Gora, San Gabriele

Domenica 10 aprile 2016 si terrà la "camminata dei tre monti goriziani". Organizzata da Circolo Mario Fain e Scussons di Romans d'Isonzo, con la collaborazione del Kulturni dom di Gorizia (nell'ambito del progetto regionale Bunker 1915-1918), Forum per Gorizia e Iter Aquileiense, l'iniziativa propone ai cittadini di Gorizia e Nova Gorica un suggestivo itinerario verso la cima dei tre monti che circondano le città. Il Skabrijel/San Gabriele, Sveta Gora/Monte Santo e il Sabotin/Sabotino conservano un'enorme quantità di memorie, storiche, geologiche, spirituali e hanno avuto un ruolo fondamentale nell'ambito della tragedia della prima guerra mondiale. Per questo, compiere questa sorta di pellegrinaggio significa far memoria dell'orrore della guerra auspicando per tutto il mondo un futuro di autentica giustizia e pace. Il ritrovo è fissato presso il ponte di Solkan/Salcano alle ore 7.45. Si scaleranno di seguito il San Gabriele, il Monte Santo e il Sabotino. Chi non se la sentirà di proseguire a piedi potrà raggiungere le cime anche grazie a un servizio di raccolta con automezzi privati. Intorno alle ore 10 presso la Sella Preval (Gargaro) e intorno alle 13.30 sotto il ponte di Solkan saranno eseguiti due brevi brani teatrali sulla prima guerra mondiale, prodotti dal Kulturni dom per la regia di Kristina Di Dio con gli attori Sollange Deghenardt, Roberto Cotic e Andrea Pahor. Sulla cima del Sabotino, intorno alle 15.30. è previsto il concerto del coro Monte Sabotino. In caso di pioggia la camminata sarà rinviata a data da destinarsi.


V nedeljo 10.aprila bo na sporedu »pohod treh goriških hribov«. Priredilo ga bo združenje Centro Fain e Scussons iz Romansa v sodelovanju s Kulturnim domom v Gorici (v sklopu deželnega projekta »Bunker 1915-1918«), goriškim Forumom in združenjem Iter Aquileiense; pubuda ponuja prebivalstvu Gorice in Nove Gorice sprehod po slikoviti poti, ki se bo dotaknila treh hribov, ki obkrožajo dve mesti: Škabrijel, Sveta Gora in Sabotin. Gre za območja, ki hranijo veliko zgodovinskih spominov ter geoloških in duhovnih značilnosti, ki so temeljito zaznamovali krajino med tragedijo 1. svetovne vojne. S tem pohodom, že neke vrste  romanjem, si bomo v spomin priklicali grozote vojne v trdni želji, da bi po vsem svetu zavladal mir in družbena pravičnost. 
Zbirališče pohoda bo na parkirišču pri mostu v Solkanu ob 7.45 uri. Sledil bo vzpon na Škabrijel, na Sv. Goro in na Sabotin. Kdor se ne bo čutil prehoditi celotne poti, bo imel na voljo zasebna vozila, ki bodo »pomagala« pri prevozu na vrhove hribov. Ob približno 10. uri na Prevalu (Grgar) in ob prib. 13.30 uri pod solkanskim mostom, bodo odigrani kratki gledališki prizori na temo 1. svetovne vojne. Nastope je pripravil Kulturni dom v režiji Kristine Di Dio s igralci: Solange Degenhardt, Robertom Cotičem in Andrejem Pahorjem. Na vrhu Sabotina, ob prib. 15.30 uri je predviden koncert goriškega pevskega zbora Monte Sabotino. 
V primeru slabega vremena, bo pohod prenešen na nov in še ne določen datum.

13 commenti:

  1. Buona camminata a tutti. Beati voi che ci potete andare...

    RispondiElimina
  2. Ti capisco benissimo. Se ti può consolare, non sei solo!

    RispondiElimina
  3. Anche a me dispiace moltissimo non poter andare e sentirmi sempre inadeguata. Ma, come dice Andrea nel suo bellissimo libro, si può camminare in molti modi... e questo si basti...
    S.S.

    RispondiElimina
  4. Gavemo capì. sto giro no vien nisun.

    RispondiElimina
  5. Beh, gli iscritti alla camminata sono per il momento oltre cinquanta. Caro anonimo delle 18.36, a molti piace andare a piedi! E, come scritto nel commento delle 13.41 (grazie!), si può camminare anche con una sana immaginazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte si è troppo tristi per immaginare e l'unica cosa che si desidera è liberare la mente da ogni pensiero.

      Elimina
  6. Sì, a molti piace andare a piedi. Purtroppo, non tutti possono farlo anche fisicamente!

    RispondiElimina
  7. A questi ultimi vogliamo essere vicini, con il cuore e con lo spirito.

    RispondiElimina
  8. Certo, la bellezza di un panorama o la conquista di una cima sono emozioni irripetibili ma non si può "trovare" se non ciò che è già dentro di noi.
    S.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel. Te me fa pensar.

      Elimina
  9. Speriamo che il tempo sia bello!

    RispondiElimina
  10. Vi seguiremo con il pensiero...

    RispondiElimina