lunedì 25 aprile 2016

25 aprile, una memoria quanto mai attuale

Mentre a Gorizia viene proposto un 25 aprile neo fascista, in Austria la destra xenofoba e razzista ottiene uno straordinario successo elettorale e in Serbia si riorganizzano le fila dell'ultradestra. In Croazia si propone la sanzione nei confronti di chi aiuta i richiedenti asilo e ovunque si invocano nuovi muri e reti di filo spinato. Cosa sta succedendo? Come è possibile sentire di nuovo discorsi che si speravano sepolti dalla tragedia di una spaventosa guerra mondiale?
E' in questo quadro che si celebra oggi la ricorrenza della festa della Liberazione dal nazi-fascismo e tutti i segnali inquietanti invitano tutti i cittadini a partecipare. E' indispensabile che la memoria del passato, quella che ricorda la nascita della nostra democrazia, della Costituzione repubblicana, di una lunga epoca di giustizia e di pace, sia più che mai trasformata in impegno presente, per combattere ogni nostalgia del veleno dittatoriale, ogni divisione tra essere umano ed essere umano, ogni violenza e ingiustizia.
Oggi scendiamo nelle piazze, onoriamo i caduti per la libertà, rifiutiamo il revisionismo e ci impegniamo con coerenza e coraggio per isolare i nemici della pace e della fraterna convivenza del genere umano.
Buon 25 aprile, allora, a tutti...

7 commenti:

  1. Una percentuale di oltre 35% non è cosa da poco.Difficile credere che tutti gli austriaci che hanno votato per il partito di destra siano ultrarazzisti e xenofobi.Si stanno pagando gli errori di un unione europea non basata sui popoli ma su poteri bancari e lobbies e oligarchie economiche.Sono diminuite le paghe,è aumentata la disoccupazione e il precariato,inoltre il welfare e stato completamente smantellato,sacrificato al dogma dell'austerità.La sinistra europea ,nata come movimento popolare e proletario si è trasformata in servitù del più becero neoliberismo.L'importazione programmata di centinaia di migliaia di profughi in cerca di lavoro(quelli che fuggono realmente dalla guerra sono una piccola percentuale)spacciati come una risorsa(per i capitalisti)è la goccia che sta facendo traboccare il vaso.Ormai le popolazioni europee hanno finito di farsi infinocchiare dalla stampa e dai media servitori dei poteri forti e attraverso il voto stanno producendo gli anticorpi contro la dittatura del capitale.Certamente votare per partiti di ultradestra non è la cosa migliore,ma in mancanza di alternative si punta verso il meno peggio.I buffoni venduti delle pseudosinistre al soldo dei padroni facciano il mea culpa.

    RispondiElimina
  2. Anonimo delle 16.04, ma ti sforzi ad usare una punteggiatura così da semi analfabeta? Mi riferisco solo alla punteggiatura chiaramente, che è completamente SBAGLIATA: dopo la vrg ci va lo spazio, dopo il punto ci va lo spazio, dopo il punto e vrg ci va lo spazio, dopo i 2 punti ci va lo spazio, dopo il punto esclamativo ci va lo spazio, prima della parentesi aperta ci va spazio, dopo quella chiusa co va lo spazio.... penso che tu debba fare uno sforzo più grande che non per usarla nel modo giusto.
    Domanda: perchè?
    Saluti
    Buona serata
    mauro

    RispondiElimina
  3. Accidenti. Alla fine è solo un problema di spazi? Arrampicarsi sugli specchi deve essere il tuo passatempo preferito. Per darti una mano la prossima volta cercherò di sbagliare anche verbi e congiuntivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che ora hai scritto con la punteggiatura esatta? Tutt'altta cosa. Scusa ma per me era un'anomalia, anzi una... S-forzatura.
      Ciao
      mauro

      Elimina
  4. Chissà in cosa ha sbagliato questa Europa...

    RispondiElimina
  5. Europa? E dov'è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel camino, dove, dalle sue ceneri, sta rinascendo la destra....chissà chi ha acceso il fuoco.

      Elimina