venerdì 18 marzo 2016

21 marzo, Giornata della Memoria e dell'Impegno

Con convinta adesione da parte del Forum per Gorizia si pubblica il comunicato stampa di Libera che propone la celebrazione della memoria delle vittime della mafia per lunedì 21 marzo, alle ore 18 in via Garibaldi:

Dal 1996 il 21 marzo non è solo il primo giorno di primavera; da ventun’ anni, nella stessa data, ricorre la Giornata della Memoria e dell’Impegno in onore delle vittime innocenti delle mafie, organizzata e promossa da Libera. Non si celebra, dunque, solamente la rinascita della natura, ma anche quella delle coscienze. Quest’anno è stata scelta Messina come sede nazionale della commemorazione: una città che ha vissuto sulla propria pelle l’ingiustizia delle perdite e la crudeltà della realtà mafiosa. Il 21 marzo 2016 risuoneranno per le sue vie gli oltre 800 nomi delle vittime innocenti delle mafie di tutta Italia e a questa voce si unirà quella di 900 piazze in tutta la penisola: istituzioni, autorità, associazioni e cittadinanza si stringeranno intorno alle famiglie e agli amici delle vittime, ricordandole una ad una, perché si vedano riconosciuta, nella memoria, la dignità che spetta loro e così che nessuno dimentichi l’orrore che la mafia è in grado di generare.
Anche il Friuli Venezia Giulia parteciperà a questa doverosa manifestazione di umanità e civiltà con iniziative che toccheranno diversi centri (Trieste, Udine, Gorizia, San Vito al Tagliamento, Venzone), con il patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
A Gorizia l’evento, organizzato in collaborazione con il Comune di Gorizia e patrocinato dalla Provincia di Gorizia, avrà inizio alle ore 18:00 in via Garibaldi, all’altezza del Teatro Verdi; vi prenderanno parte le autorità e le associazioni del Terzo Settore che operano sul territorio.
Hanno già confermato la propria partecipazione il Prefetto, il Questore, il Comandante dei Carabinieri, il Comandante della Guardi di Finanza, i rappresentanti della Provincia di Gorizia e dei Comuni di Gorizia, Monfalcone, Staranzano, Gradisca, Sagrado e Villesse, oltre a diverse associazioni operanti sul territorio.

L’invito di Libera è alla partecipazione della comunità, perché senza partecipazione non può esistere Memoria e senza Memoria non c’è Impegno.

Nessun commento:

Posta un commento