giovedì 24 dicembre 2015

Il presepio della Madonnina

Da oltre un anno, questa è la scena ordinaria della Gorizia dei richiedenti asilo. In questi giorni passeranno un Natale "senza convenzione" circa 150 persone. Se ne sono accorti i Medici senza Frontiere, la cui nuova ottima struttura mobile ne ospita 75, la Caritas e i volontari che da molti mesi offrono un alloggio a 50 presso la Madonnina e una trentina in Piazzutta, organizzazioni italiane e straniere che da ogni parte portano materiali d'ogni sorta per alleviare il disagio degli "ospiti". Ma sì, oggi basti questo, un grazie a chi si sta adoperando in modo gratuito e competente per realizzare ciò che dovrebbe essere compito di qualsiasi amministrazione sul territorio nazionale. E un grazie anche ai nuovi arrivati, per la correttezza, la gentilezza e il rispetto con il quale trattano la nostra bella città.

17 commenti:

  1. Ora, però, anch'io voglio un grazie...Anch'io tratto la mia città ( tanto bella, però, non mi pare ) con correttezza, gentilezza ( ??? che significa? ), rispetto.
    Politicamente distante anni luce da lui, voglio ricordare Adriano Zamparo, morto da poche ore. Per come ho avuto modo di conoscerlo, mi è sempre parso un uomo amabile, disponibile, corretto. Condoglianze alla signora Romano e ai familiari. Giorgio Mancini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci associamo alle condoglianze

      Elimina
  2. Non si comprende il riferimento al presepio. Il presepe è, e resta, una rappresentazione della natività. Sacra Famiglia. Attribuire valore di 'presepe' a contesti privi di donne e bambini è francamente inopportuno.
    Nulla da dire sulla buonafede dei ragazzi, credo che il loro comportamento da voi descritto sia anche frutto della grande umanità dimostrata dai volontari e da tutti coloro che si prodigano, ed indubbiamente è un modello dell'anima di molti goriziani, Tuttavia dispiace che, sapendo della presenza di molte familgie con bimbi piccoli, in fuga e in difficoltà a poche centinaia di km da Gorizia,non si sia attivata una rete di protezione almeno per i piccoli, che se non muoiono perchè gettati a mare vivi, passano comunque le notti nelle steppe balcaniche.
    Al solito stolto che risponde 'gne gne gne e tu cosa fai?' suggerisco di seguire il labiale . Ho scritto 'rete di protezione'.

    RispondiElimina
  3. La Madonna e San Giuseppe erano migranti economici, poveri e forestieri "non c'è posto per voi nella locanda"; i pastori sono per definizione migranti per giunta arabi e i re magi venivano ancora da più lontano
    Gesù nasce come migrante respinto come quelli della foto in alto

    RispondiElimina
  4. No, I pastori di Betlemme non sono mai stati arabi.
    In Terra Santa, Siria e Libano inclusi, gli arabi non hanno mai vissuto ne' si è mai parlato arabo. Non dica sciocchezze.
    Ci vorranno ancora molti secoli prima che gli arabi, a parte qualche sporadico mercante dell epoca, arrivino con violenza e conversioni forzate in Terrasanta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, e cosa si parlava in Siria e terra santa?

      Elimina
    2. non lo dica ai napoletani che i pastori non erano arabi che sennò devono rifare tutti i presepi

      Elimina
    3. Anonimo delle 18 41...ebraico, aramaico, (lingua simbolo di Damasco) nella moltitudine di dialetti non sopravvissuti, greco, antico persiano. Copto dall ' Egitto, fenicio.Forse berbero (il ' libico' Simon e di Cirene). Dal pav filologico non esistono testi originali sacri cristiani in lingua araba.

      Elimina
  5. da Gesù al re magio nero erano leghisti di Bergamo alta, emigrati tutti laggiù che tanto pagava Roma ladrona

    RispondiElimina
  6. i pastori saranno stati di dove volete voi;
    il punto è che la foto del post è un presepe perchè mostra migranti a cui viene detto andate da un altra parte, non c'è posto per voi a Gorizia.
    Come 2000 anni fa a Betlemme successe a Gesù, Giuseppe e Maria.

    RispondiElimina
  7. No. In alcun modo. La scena puo' richiamare le beatitudini, o il Vangelo di Matteo, ma non il Presepe.
    La Nativita' e' l'incarnazione di Dio fatto uomo. E come tale l'esistenza della nativita' ha per condizione necessaria un padre e una madre. Nessun ' altro situazione puo' rappresenta re la Nativita'. Non è presepe un gruppo di pastori, e non è presepe un gruppo di profughi uomini.
    Punti fermi, chiari e non negoziabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madre con utero suo o in affitto?

      Elimina
    2. Domanda pertinente...gia ' la Bibbia ne parla..Abramo, Sara, Agar!

      Elimina
  8. Penso che il bellissimo post intendesse significare che là dove vi sono accoglienza e condivisione lì "si manifesta" l'amore di Dio e, quindi, Dio "nasce".
    Le interpretazioni letterali sono sempre riduttive e spesso fanno perdere di vista il significato più autentico.
    A questo proposito i Testimoni di Geova insegnano molto...

    RispondiElimina
  9. Non è possible perdere di vista il significato del presepe. La raffigurazione della Sacra Famiglia non puo' essere relegata a 'riduttiva'! Se no ci possiamo toglie re il bambinello e metterci un fiore che pure quello nasce, e pure Maria la togliamo che non serve, tanto Dio nasce uguale!

    RispondiElimina
  10. Non è assolutamente riduttiva! Anzi! E' un "vedere" la Sacra Famiglia anche là dove il contesto sembra apparire diverso...

    RispondiElimina