giovedì 10 dicembre 2015

A tutto c'è un limite...

C'è davvero da restare allibiti! Sembra quasi che l'attuale Giunta comunale ritenga un fattore di grave disturbo l'azione di alcune decine di volontari che - coordinati dalla Caritas - da oltre un anno stanno togliendo all'Amministrazione le castagne dal fuoco. Mentre queste persone di buona volontà sono allo stremo delle forze, dopo aver garantito pasti caldi e un tetto sulla testa a migliaia di persone, il Sindaco Romoli, pur sapendo benissimo i motivi per cui i "numeri" della Questura non possono corrispondere a quelli dei richiedenti asilo appena arrivati in città, accusa addirittura Medici senza Frontiere di "gonfiarli" per giustificare la loro presenza a Gorizia. Eppure per sapere chi "mente", per dirla con Romoli, basta lasciare in disparte le scartoffie e andare sul luogo, alla Madonnina per esempio e vedere come è la situazione reale. Perfino l'Arcivescovo ha bacchettato il Sindaco quando in conferenza stampa ha detto sostanzialmente: sull'accoglienza diffusa può pensarla come vuole, ma dal momento che le persone ci sono e sono in difficoltà, è dovere di ciascuno prenderne atto e dare una risposta indispensabile e concreta. Nel frattempo l'assessore Romano - divenuta famosa in Italia per l'appoggio politico e istituzionale a Casa Pound - accusa senza mezzi termini la "realtà che guarda solo alle difficoltà degli stranieri e dei richiedenti asilo" di agire essenzialmente per farsi pubblicità e di essere condizionata "da appoggi politici o faziosi". Ma tutto questo è inverosimile. Nessuna amministrazione, neppure della destra più destra, si sognerebbe di accusare il volontariato di essere la causa dell'immigrazione. E, pur sostenendo posizioni di perplessità di fronte alle oggettive difficoltà causate dalla concentrazione di tante persone in un solo luogo, farebbe di tutto per alleviare i disagi dei nuovi venuti e dei cittadini. A fronte dell'incapacità congenita ad affrontare il problema del welfare, la Romano, che a suo tempo si era dimostrata inefficace perfino di fronte al "problema" di una sola persona italiana (ricordate la signora dei giardini?), si vanta del'aiuto concesso - grazie peraltro a una benemerita associazione che lo ha fornito - a 11 famiglie in difficoltà della città. Basta chiedere i "numeri" dei residenti goriziani (e non certo "solo" degli immigrati come sibillinamente sostiene l'assessore) sostenuti dalla Caritas, dalle parrocchie e da altre associazioni cittadine per rendersi conto della situazione e per comprendere quanto sia assurda e inverosimile la guerra di parole scatenata dalla ditta Romoli/Romano contro chi cerca di agire con un po' di "misericordia" nei confronti di chi ne ha bisogno.
ab

7 commenti:

  1. Due vecchietti incattiviti col mondo intero che si barricano dentro una città in letargo: nessuna speranza per gorizia...

    RispondiElimina
  2. Considerando i venti di guerra che stanno soffiando nel vicino medio oriente e che rischiano di infiammare anche l'europa considero questi argomenti ormai privi di ogni interesse.Sono ben altre le cose di cui ci dobbiamo preoccupare in questo momento.

    RispondiElimina
  3. E invece bisogna preoccuparsi anche di questo. Ma cosa c'è da dire: si tratta di gente per cui le porte del giubileo dovrebbero essere chiuse con catenaccio.Senza pietà e senza idee, come abbiamo già detto incapaci di fare sia l'accoglienza, sia il respingimento: quindi inutili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi iii. ..persino il Padreterno è piu flessibile e misericordioso.

      Elimina
  4. La ditta R/R sta trasformando Gorizia in una casa di riposo per vecchietti cattivi e inaciditi Ma se è questo che i goriziani vogliono. ..

    RispondiElimina
  5. Bene, fermo restando che siamo ben coscienti dell'inadeguatezza della ditta R/R.(questo è l'ennesimo post sulla loro cattiva gestione del problema). Quando si potrà vedere analoga criticità verso tutte le altre giunte comunali (e di sinistra ve ne sono) che dell'accoglienza diffusa non vogliono neanche sentir parlare? Capisco che parliamo della nostra città, ma il problema va risolto tutti insieme e, spiace dirlo, ma noto un esser di parte decisamente marcato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere di parte? Ma no, non è possibile, l'obiettività r il distacco sono le caratteristiche fondamentali dei posts!

      Elimina