domenica 22 novembre 2015

A Cormonslibri, una boccata d'ossigeno culturale

Si è tanto parlato di migranti in questi ultimi mesi, si sono espresse tante idee intorno ai richiedenti asilo, a Gorizia e altrove. Ma loro hanno parlato poco, raramente è stata offerta loro la possibilità di esprimersi, di raccontare pubblicamente la loro storia. È accaduto invece ieri sera a Cormonslibri, nell'ambito della Giornata del Rifugiato. Davanti a un pubblico numeroso è molto attento, tre giovani - due afghani è un pakistano - si sono raccontati, sollecitati dagli interrogativi discreti di Gianfranco Schiavone, Pierluigi Di Piazza (intervenuto in collegamento telefonico), Andrea Bellavite e di alcuni partecipanti. Hanno spiegato perché sono stati costretti ad andarsene, rifiutando la logica della violenza imposta sia dai talebani che dai governativi. Hanno raccontato la loro Odissea, giornate estenuanti di cammino per attraversare un confine, arresti e detenzioni indiscriminati con trattamenti a volte disumani, alternanza costanti di speranza è paure. E hanno ringraziato con sincero affetto l'Italia per l'accoglienza, in particolare le comunità di Cormons e di Savogna d'Isonzo che li ospitano attualmente è alle quali vorrebbero dedicare il loro tempo e le loro energie. "Ci sentiamo già parte di questo territorio - hanno ribadito in lingua parsi e in lingua inglese - e lo vogliamo servire con tutto ciò che possiamo mettere a disposizione delle nostre forze". I richiedenti asilo, "arruolati" dalla bellissima iniziativa di Renzo Furlano come assistenti di sala, hanno dato a tutti i presenti una bella lezione di semplicità, umiltà e desiderio di vera amicizia. Una boccata d'ossigeno, in questi tempi di violenza, di intolleranza, di manipolazione delle informazioni e delle convinzioni...
ab

41 commenti:

  1. io continuo a domandare per quale motivo donne e bambini afgani e pakistani non ci sono.Valgono di meno? Non contano nulla?
    Già il fatto che non ci siano mostra l'abisso incolmabile tra le civiltà.
    Infatti siriani e iraqeni sono formati da famiglie intere, sono decine le donne e i bambini morti affogati o in esilio.
    Ma per i maschi giovani e forti senza donne e bambini non riesco a versare neè una lacrima ne' un applauso.

    RispondiElimina
  2. continuo dicendo che mentre questi ragazzotti sani giovani e robusti scappano, qui, noi, moriamo ammazzati. A Parigi settimana scorsa (non in Pakistan a Parigi) sono morte oltre 120 persone, Tra loro donne e bambini.
    Le scene che scorrono in qs giorni alla tv sono molto chiare. il terrorista solleva di peso UNA DONNA e LE punta la mitraglia alla testa. L' arma si inceppa.
    In Iraq è stata scoperta una fossa comune dove sono stati gettati i corpi di TUTTE LE DONNE della città, ammazzate una ad una dai terroristi ISIS. Le donne più giovani sono state stuprate, raèite, vendute.
    Fosse comuni di bambini ammazzati ad una ad uno cpstellano la Siria e l'Iraq.
    Queste storie di maschi giovani e sani e robusti VIVI che piangono cominica un po' a scocciare.

    RispondiElimina
  3. Ma questi individui non hanno moglie,figli fratelli e sorelle ,padri e madri? E della sorte dei loro parenti che restano nel loro paese se ne fregano? Se vivessi in un contesto di guerra con il pericolo di perdere la vita e avessi una famiglia penserei prima di mettere al sicuro i miei figli mia moglie e i miei genitori,dopodichè penserei a me stesso e non esiterei a sacrificarmi per loro.Evidentemente in quelle lande le abitudini sono diverse che da noi.Ok..contenti loro,ma per forza dobbiamo essere contenti anche noi?

    RispondiElimina
  4. MA CHE DUE MARONI! Un misto di moralismo, familismo, razzismo: magari hanno le scatole piene della moglie e della mamma, come noi, che ne accoppiamo due al giorno, di sorelle , mamme e fidanzate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Razzismo? si vede che lei non esce mai dai confini del contado.
      Crede che sia necessario chiedere il visto all ambasciata per andare a lucinico.
      Adesso uno diventa razzista solo perchè dice che inun altra cultura si fan cose diverse che magari non sono proprio corrette.
      Vedo che i cervelli si lavano in fretta a star nella gabbietta!!!

      Elimina
    2. Pensi alle scorrettezze della sua cultura che bombarda con i droni e porta la guerra da oltre un decennio in Medio oriente, oltre ad alimentare il terrorismo dell'isis, pensi al titolo di belpietro e poi si chieda chi ha il cervello nelle gabbie

      Elimina
    3. Lei ripete slogan come un pappagallo in libertà sul trespolo. oltre a non capire bene cosa scrivono gli altri. Se crede, vada a vedere le donne lapidate in somalia o i bambini soldato in sudan o le bambine schiave del sesso per le milizie del terrore o le bambine spose forzate in India se ancora vive perchè non sono state seppellite vive, tutta roba tradizionale che non è concepita come un crimine...ha capito la differenza?
      Vada a vedersi le percentuali IN AUMENTO di bambine che subiscono IN ITALIA mutilazioni genitali MALGRADO una normativa precisa che VIETA questa TORTURA.
      Lasci perdere Belpietro e i droni e si confronti con le mostruosità sopracitate, che bastano e avanzano.

      Elimina
    4. E lei si guardi i neri resi schiavi dei caporali in Italia nelle campagne di tutto il paese. Guardi la trave nel suo occhio e non in quello degli altri

      Elimina
    5. Ma proprio non vuole capirlo che mentre il caporalato italiano è un crimìne e un illecito che la legge italiana punisce le violenze citate nei miei commenti non sono perseguite da nessun codice penale perchè ritenute tradizioni normali? Lei ha capito che lapidare le donne in pubblico da parte di un gruppo di uomini NON E' CONSIDERATO UN CRIMINE, ma anzi, E PREVISTO PER LEGGE?
      cosa dobbiamo fare per farle capire la differenza, un disegno in italiano?

      Elimina
    6. Oppure, a evidenziare quei crimini, si rischia l'etichetta di razzista? Dove sono le donne che subiscono la lapidazione, lo stupro etnico, le bambine schiave i bambini soldato? Perchè non chiedono asilo? Perchè al loro posto ci sono sempre e solo pakistani maschi gagliardi con l i phone?

      Elimina
    7. La domanda che mi pongo,visto che qua profughi di altre nazionalità non se ne vedono(forse siriani ed irakeni non sono ben visti dall'esercito della salvezza e crocerossine varie de noantri) è la seguente:perchè solo afghani e pakistani????.Ok ,formulate le vostre ipotesi.

      Elimina
    8. Forse ha ragione l'anonimo delle 15.44.Avranno le scatole piene di mamme,mogli e prole piagnucolante,e da bravi frichettoni hanno deciso di visitare il nostro paese.Anch'io da givane volevo andarmene in giro per il mondo a farmi i...zzi miei.ma non avevo soldi e comunque anche all'estero sarei stato costretto a lavorare per mantenermi.Invece a questi tutto gratis.Che fortuna nascere pakistani.

      Elimina
    9. Ma come? Prima parlate degli orrori islamici e poi dite che nascere pakistano è una fortuna? Non solo di destra, e già è grave, ma pure illogici. Per quanto riguarda donne soldato, bambini stuprati, lapidazioni e altri orrori extra comunitari saranno i diretti interessati a reagire nel modo che parrà loro opportuno. O pensate di mandargli un due droni, giusto per gradire, così finalmente capiscono dove sta il bene e corrono tutti qui?

      Elimina
    10. Forse non ha capito che era ironia...
      vi vendete al primo pakistano bugiardo che arriva, in nome di che cosa non si sa.
      siete stupidi, ignavi e pericolosi.
      andate nei Balcani a prendere nelle vostre macchine tutti quei disgraziati sirirani e irakeni con bimbi, che sono stati espulsi a pedate dalla turchia dopo essere sopravvissuti alla distruzione delle loro case o ai massacri di pulizia etnica e agli stupri. Portateli a Gorizia e rimandate a casetta loro quei pakistani maschi giovani imbroglioni, che hanno capito perfettamente come raccontare bene un paio di frottole, con le loro casette tutte intere e le loro famigle interissime che chattano da mane a sera.

      Elimina
  5. Sono d'accordo anch'io con coloro che non comprendono perché dobbiamo accettare a tutti i costi delle persone che hanno abbandonato le persone fragili della propria famiglia e comunità.
    Un substrato culturale che fa a pugni con quello che è ci stato insegnato e abbiamo sempre proclamato.
    E poi non credo che parole buone (ripetute quasi a memoria) e corsi educativi (spesso superficiali) possano modificare la loro personalità. Il tutto in un contesto di crisi perdurante.

    RispondiElimina
  6. Noto con interesse che c'è qualcuno che passa l'intero pomeriggio su questo blog pur non condividendo quello che vi si scrive. Una bella soddisfazione per il titolare...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, bellissima soddisfazione, a parte il fatto di dover leggere tante stupidaggini, ma contenti voi...

      Elimina
    2. Ci illumini lei, se ci rititene degni della sua sapienza.

      Elimina
    3. No, non siete degni.

      Elimina
  7. e' molto peggio scriverle...

    RispondiElimina
  8. Ieri, per strada, ho sentito qualcuno che diceva che bisognerebbe proibire agli immigrati di parlare nella loro lingua! Chissà in che lingua dovrebbero parlare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si incontrano gruppi di una ventina-trentina di persone ci si deve aspettare che, prima o poi, si incominci a gridare in una lingua che sarà lontana anche dal nostro sentire. Al limite useranno slogan e parole italiane ma lontane dalla loro mentalità. e sarà dura!

      Elimina
    2. Credo che il commento delle 9.36 sia inventato di sana pianta per fomentare odio.

      Elimina
    3. Le assicuro che è verissimo.

      Elimina
    4. e non gli ha dato un pugno ?

      Elimina
  9. Se Gesù fosse vissuto ai giorni nostri l'adultera sarebbe stata lapidata!

    RispondiElimina
  10. http://it.sputniknews.com/mondo/20151123/1589776/Islam-Cristianesimo-lotta.html
    Ottimo articolo che consiglio di leggere sia ai buonisti che ai kattivisti.

    RispondiElimina
  11. L 'ultimo paragrafo riassume alcuni punti interessanti in modo semplice chiaro e preciso.
    Per capire davvero però sarebbe utile (se non addirittura necessario per i saggi) vivere in un paese islamico.
    molte cose sarebbero più chiare.
    già il fatto che alcuni paesi al mondo assumono il nome di 'repubblica islamica di...fa un attimo pensare.
    E in quei paesi, le persecuzioni nei confronti di coloro che non aderiscono a quella religione sono, nel 2015 portati fino ai livelli estremi. Si fa di tutte le erbe un fascio e chi non è....di quella religione, non ha dirito a esistere, viene soppresso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prova che le religioni non devono esistere

      Elimina
    2. I poteri politici e finanziari che usano la religione come scusa e copertura per perpetuare guerre e massacri non dovrebbero esistere.Personalmente mi definisco agnostico ma credo che la scomparsa delle religioni porterebbe solo al nichilismo più totale.Chi vuole la scomparsa delle religioni e chi le usa per i propri sporchi interessi sono le due facce di una stessa medaglia.

      Elimina
  12. a me fa rabbrividire 'la bellissima iniziativa', per i giovani furbacchioni sani e robusti, mentre a poco più di cento km da Gorizia ci sono bambini (Bambini!!!) accampati con le loro famiglie nel fango e al gelo. come se non esistessero.
    Basterebbe salire in auto e portarseli a Gorizia. Almeno i bambini. anche se non faranno il servizio di sala almeno potranno sopravvivere, senza nemmeno esibire lettere false di minacce talebane (si comprano nei negozi di kabul) con i quali i giovani forti e sani ingannano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e perché non sali in auto e vai a prenderli?

      Elimina
    2. io vivo all estero, molto lontano dall italia.
      mi stupisco però che voi del forum paladini (ipocriti?) non solo non l'abbiate fatto, ma non abbiate nemmeno pensato di farlo.

      Elimina
    3. ...ah beh vivi lontano lontano e per dei bambini (Bambini!!) non solo non ti sblocchi da dove sei ma nemmeno pensi di farlo

      Elimina
    4. Bè..le risposte delle 8.47 e delle 9.16 parlano da sole.I valorosi e caritatevoli paladini dell'accoglienza hanno mostrato il loro vero volto.Se non altro l'anonimo delle 7.47 anche se ripetitivo nei suoi interventi ha saputo mettere allo scoperto la "vera"anima di questi finti buonisti.

      Elimina
    5. Chissà perché si ha la sensazione che la mano sia sempre la stessa!

      Elimina
  13. gli anonimi come quello delle 9 16, che passano il tempo ad aggredire con attacchi personali, peraltro privi di contenuti, dimostrano come le persone stupide siano sempre in prima linea ad esibire la loro stupidità colossale.
    Utilissimi idioti.

    RispondiElimina
  14. Basta giocare sui blog: torna a Gorizia noleggia un furgone e vai a prendere i bambini che sono al freddo e al gelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di sicuro, il forum per gorizia continuerà ad essere anni luce lontano da quei bambini, con i fatti e con le parole (e anche con il pensiero).

      Elimina
    2. Immagino che Lei sia invece vicinissimo...

      Elimina