domenica 18 ottobre 2015

Una storia lontana. Lontana? (The end)

Ultima puntata della "storia" di Sherazade. Un finale a sorpresa, vero?
Quando i sudditi  seppero dai banditori della nuova gabella, si arrabbiarono molto. Ormai la maggioranza di essi aveva maturato la convinzione che gli stranieri che arrivavano stanchi ed affamati, chiedevano solo di essere accolti per un periodo limitato di tempo. Avevano necessità di un luogo riparato dal freddo per dormire, dato che l’inverno era ormai giunto, e di un po’ di cibo per sostentarsi. Del resto nel regno c’erano tanti edifici vuoti, in quanto non più in uso Come si potevano negare aiuti tanto elementari?  Ma c’era anche una parte del popolo assolutamente contraria all’accoglienza, che riteneva che offrire alloggio, cibo e vestiario ai nuovi venuti, significava toglierlo ad una parte dei sudditi, magari a quelli più fedeli ed obbedienti. Il re cominciò a rendersi conto che la sintonia con il suo popolo stava venendo meno : ora parlavano anche quei sudditi che non si erano mai espressi e non erano d’accordo con lui.  I presagi, che il mago aveva interpretato per lui, dicevano che il suo dominio sul regno non sarebbe durato ancora a lungo. Si sentiva sconfitto : non era riuscito a far scomparire i viandanti forestieri e gli sembrava che la consonanza con i suoi sudditi si stesse esaurendo. Uscì dal palazzo, si diresse verso il vicino bosco e si incamminò tra gli alberi. Da allora nessuno lo vide più.  (Fine)
Sherazade

1 commento: