lunedì 26 ottobre 2015

La politica del prendattismo e del vittimismo

“La nostra sanità, per quanto riguarda Cardiologia, subirà un depotenziamento notevole”, mentre Monfalcone e Grado hanno reagito subito ai tagli, il sindaco afferma”credo che dovremmo arrabbiarci. Non possiamo continuare ad essere trattati in questa maniera. Faremo sentire la nostra voce”.  Credo che dovremmo arrabbiarci!? E cosa aspetta? Che l'ospedale, inaugurato in pompa magna con un sacco di soldi spesi, chiuda del tutto, prima di emettere un flebile lamento? Che la città perda anche quell'unico giovane che si vede girare? Che tutto si chiuda o si svenda? Insomma un misto di prendattismo e di vittimismo sulla questione della sanità, come su ogni cosa riguardi Gorizia. Mai un intervento deciso, battere i pugni sul tavolo, imporsi. Così è per i benzinai, per la sanità, per la difesa degli stabilimenti. Solo con i rifugiati si (cerca) di fare a brutto muso cose inutili come l'ordinanza. 
adg

4 commenti:

  1. Tutto ad un tratto adg si mette a difendere la sanità goriziana,i benzinai,disoccupati,negozianti ecc.ecc. mentre fino a ieri era solo interessata al benessere dei vari pakistani ed afghani.Ma dov'era quando chiudevano il punto nascite per metterlo a disposizione della comunità bengalese di Monfalcone?.Evidentemente qualche vocina (regionale) ha ricordato che non si può attendere il 2017 per le elezioni comunali.Avanti a testa bassa,dunque.Il centrodesta in questo momento è del tutto inesistente,e i leghisti nostrani non riescono neanche ad imbastire un discorso sensato senza scadere nel ridicolo.La destra è rimasta ancorata ai tempi di tito.Una sinistra anche se raffazzonata composta da renziani e tranfughi vari,forumisti filo islamici,demaghoghi da salottocon l'aggiunta di personaggi da centro sociale potrebbe anche vincere nel caso romoli si dimetta anzitempo.Ormai le carte sono scoperte e si gioca il tutto per tutto.

    RispondiElimina
  2. Non difendo un bel niente, mi limito a considerare le contraddizioni di chi fa il forte con i deboli e il debole con i forti. E' la destra che ha fatto la battaglia sul punto nascita e adesso si limita a sussurrare ai cavalli. Non drammatizzerei come fa lei questo scontro: pensi alla posta in palio. Comunque dopo 70 anni, potete stare fermi un giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio curioso di vedere se sarete capaci di fare i forti con i forti,anche perché non vi considero degli stupidi.Forse sarete anche in contrasto con il PD a livello locale,ma dovrete vedervela in ogni caso con quello regionale,e in caso di elezioni dovrete per forza sottostare ai loro diktat.Consideratevi felici se vi lasceranno qualche briciola,e preparatevi a baciare parecchi deretani se vorrete gestire in prima persona la questione dei profughi.

      Elimina
    2. Che diktat? Noi non siamo soliti, e lo abbiamo dimostrato da ANNI, baciare nessun deretano, nè piegarci a nulla. Lo abbiamo dimostrato in consiglio comunale e in tutte le occasioni, anche quando in consiglio non ci siamo stati più. Non siamo noi tornati a casuccia a fare tana, ma abbiamo continuato comunque a dire le nostre cose. Briciole e leccamenti li lasciamo a chi a 40 anni cammina a 90 gradi.

      Elimina