martedì 27 ottobre 2015

Ciclabili, si, no, forse…


Sul portale istituzionale del Comune di Gorizia, è scritto così, nella sezione opere pubbliche, ed in particolare, le opere riguardanti i lavori relativi alla “Manutenzione straordinaria e riqualificazione di via, piazze e marciapiedi del centro cittadino (Corso G. Verdi)…“ divisi nei tre lotti 1°, 2° e 3° stralcio funzionale, la/e pagina/e pur non essendo ancora aggiornata/e, ma agli occhi di tutti, il lavoro è stato fatto.

Interessante notare che una delle voci informa il cittadino sulla “realizzazione della viabilità ciclabile mediante la realizzazione di due piste monodirezionali”. Sommando la lunghezza lineare delle ciclabili nei tre lotti, queste partono dall’incrocio con via Mameli fino all’inizio della parte alberata di corso Italia.

Le ciclabili sono state previste, realizzate, non c’è traccia di variante, ovvero cancellate (chi si ricorda del grave errore di cancellare la ciclabile che avrebbe dovuto attraversare la rotonda sotto l’autostrada A34, per raggiungere i pressi dell’aeroporto?)

Purtroppo, queste ciclabili monodirezionali, al limite minimo di larghezza, non sono ancora completate. Mancano della segnaletica orizzontale, la riga che delimita il marciapiede pedonale e la ciclabile, mancano i pittogrammi, non è chiaro come il ciclista attraversi gli incroci, non c’è l’adeguata lampada semaforica.

Purtroppo ancora molti ciclisti non le usano, molti pedoni non si accorgono di essere su una ciclabile, distratti automobilisti parcheggiano due delle quattro ruote sulla ciclabile (con sei frecce accese, però…).

In altre parole non c’è la percezione della ciclabile. E, se fossero adeguatamente segnalate, avrebbero anche una funzione di “educazione”, nel senso che così il cittadino comprende che quei segni sul pavimento indicano qualcosa, che è necessario fare attenzione, che spazio sta utilizzando, nel caso si trovi in altro comune/nazione e non essere impreparato…

Quindi, essendo state realizzate con fondi pubblici, sarebbe auspicabile che vengano regolarmente segnalate, come, peraltro lo prevede il Codice della Strada. Oppure, non sono ciclabili, ma i fondi regionali per realizzarle, le prevedevano, immagino, a regola d’arte…

Qui i link:

nc

Nessun commento:

Posta un commento