giovedì 6 agosto 2015

Richiedenti asilo: un Comune inadempiente...

Che partita sta giocando il nostro sindaco sui profughi? Del tutto priva di risultati. Emana un'ordinanza antibivacco che era non tanto discriminatoria quanto inutile. Fa intervenire pattuglie di forze dell'ordine che non possono fare nulla davanti alla realtà dei fatti: questo afflusso di profughi dall'Afghanistan e Pakistan non è destinato a finire. Circa centomila persone, secondo la stampa internazionale, stanno marciando in Serbia alla volta del nostro paese. Tutti quelli che dicevano che bisognava attrezzarsi per questo dato di fatto avevano pienamente ragione. Invece nulla si è fatto: tutta l'assistenza è in capo alla Caritas e ai volontari. Quindi Romoli ha giocato le sue carte: 1) accusa agli altri: tutto dipendeva dalla tendopoli, che è come se uno dicesse al malato terminale di non eccedere con la cioccolata che gli può fare riscaldo 2) spostamento del problema: inviare ad altri comuni italiani le corriere dei richiedenti asilo, non considerando che le altre città hanno questioni analoghe e che non potrà continuare a mandare gruppi di centinaia di persone per un tempo infinito 3) accusa ai comuni della provincia di non fare nulla e di averlo lasciato solo. I comuni però a fare si sono messi e non solo San Canzian, ma anche Sagrado, Cormons, Staranzano, Savogna. Ospitando piccoli gruppi in appartamenti pagati al locatario a prezzo di mercato, affidando il problema a persone che se ne intendono e che hanno potuto assumere dei ragazzi nella gestione dei problemi dei richiedenti asilo, quindi creando lavoro per gli italiani e reddito per chi, italiano, aveva case sfitte da anni. Qui non si tratta di Buzzi e di mafia capitale, c'è un altro modo per gestire l'accoglienza, che è utile sia a chi la riceve sia a chi la fa. Cerchiamo di essere pragmatici: o siamo in grado di imporre all'Europa la revisione del trattato di Dublino, ma mi pare che in grado proprio non siamo, oppure affrontiamo la questione spendendo i soldi che l'Europa dà per i migranti, ma anche per gli italiani, così, nel vantaggio reciproco e nella trasparenza, come succede da anni a Trieste, le tensioni si appianeranno. Romoli chiami Cosolini e Honsell, si faccia spiegare da loro come si fa. Invece la politica del sindaco è quella del finto pugno duro e del lamento costante verso chi trascura Gorizia.  Ma adesso siamo alla frutta. Non solo non affronta il problema dell'assistenza immediata dei rifugiati sulla riva dell'Isonzo e dei problemi igienici che questi devono affrontare, non solo non raccoglie l'appello della Caritas che chiede di trovare delle soluzioni prima del freddo, ma concede l'autorizzazione ai militanti di casapound di volantinare per ben tre giorni nel parco della rimembranza, aggiungendo tensioni a quelle che la città già vive. Il fatto è che con la camicia nera e il manganello i problemi non si risolvono, bisognerebbe avere coraggio, razionalità, lucidità politica, qualità davvero scarse in questa giunta. 
adg

40 commenti:

  1. una soluzione pratica esiste. Negare l asilo.
    Se le commissioni negassero in massa l asilo riconoscendo che sitratta di asii strumentali, cioè di uso dell istituto dell asilo per approfittare di restare qui in vacanza mantenuti fin che si può, mentre i veri profughi (bambini orfani e mutilati in Irak e Siria, donne stuprate e poi cacciate dalle loro famiglie perchè indegne, donne e bambine schiavizzate e vendute dai terroristi di matrice islamica in Siria Iraq somalia e Nigeria, ecc... a gorizia non arriveranno mai). qs soggetti dopo un po smetteranno di venire qui.
    il sistema funziona perchè i trafficanti di esseri umani vanno a colpo sicuro. Hanno capito che dal Pakistan (e adesso dal Bangladesh!!!!) è facile e remunerativo reclutare volontari che pagano. Si va a colpo sicuro perchè l' Italia imbambinita ospita e mantiene chiunque.
    Non mi riferisco ai disgraziati delle molte persecuzioni africane, li ci sono anche molte donne e bambini, ma proprio ai falsi profughi asiatici che ingolfano l'accoglienza prosciugando tutte le risorse, mentre in pakistan e in afganistan bambine e donne muoiono sotto la violenza della segregazione di genere praticata dagli stessi profughi, che vengono qui senza donne e bambini.
    Queste persone non hanno problemi al loro paese ma raccontano un sacco di storie alle quali i goriziani credono e le commissioni allargano le braccia.
    Invece è ora di rimandarli a casa e piuttosto di accogliere veri profughi, ospitandoli a gorizia, Famiglie cristiane siriane e irakene perseguitate e cacciate dalle loro case, migliaia di donne vedove di guerra e di bambini orfani feriti e mutilati, bambini e malati terminali cacciati dai terroristi islamici perchè cristiani, in fuga da ospedali, senza cure.
    via questi poltroni pakistani in pigiama grandi e grossi che se ne vadano a combattere i loro problemi come noi italiani ci siamo sacrificati per il nostro paese liberandoci da oppressori nazisti, fascisiti ecc...a costo di sacrifici estremi, senza andare a piagnucolare asilo in giro. non esistono italiani richiedenti asilo.
    Guarda caso, l' Ucraina è in guerra ma non esistono rar ucraini accampati. di recente il Nepal è stato devastato da terremoti terriicanti provocando morte, epidemie, miseria in un paese già povero, ma non esistono rar nepalesi. Mesi fa le Filippine sono state devastate da tifoni violenti, morte, miseria ecc.. ma non ci sono rar filippini. dunque?
    L'anno scorso la zona di Gaza è stata bombardata ma non si è visto nemmeno un profugo palestinese!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vorrei aggiungere che in Siria proprio in data odierna centinaia di persone, intere famiglie, delle comunità cristiane, sono state prelevate forzatamente dalle loro case nella zona di homs da parte dei terroristi islamici.
      Molte donne e bambini.
      Che fine faranno?
      Lo possiamo immaginare. Schiavi sessuali, anche i bambini, oppure venduti per il traffico di organi umani.
      Persone deboli e indifese che mai potranno pagare per arrivare a Gorizia, perchè qui, per la legge della giungla, ci arriva solo il più forte e senza problemi!!!
      come può un bambino piccolissimo e magari orfano, ferito,o malato, arrivare a gorizia, e chiedere asilo? una donna sola, vittima di violenze, magari con figli, come può arrivare a gorizia e chiedere protezione dalla guerra, insieme ai suoi piccoli? non ci arriva!
      E'chiaro?
      Oggi sul piccolo pure la sceneggiata del porfugo che si fa vedere in tuta militare e khalashnikov!! Ma per piacere!!!"

      Elimina
    2. agli ipocriti buonisti nostrani dei cristiani, delle donne e dei bambini massacrati e seviziati dai fratelli di quelli che noi manteniamo non interessa assolutamente nulla.

      Elimina
    3. Probabilmente più di qualcuno di loro ha buona dimestichezza con armi leggere tipo fucili d'assalto,in compenso sembra però che non sappiano nuotare.

      Elimina
  2. Aggiungo anche che lo Yemen è praticamente 'in guerra' scusate le virgolette, da mesi, raid, bombardamenti, attacchi ecc...avete visto yemeniti in giro?

    RispondiElimina
  3. tra un po', grazie alle politiche genocide e razziste contro gli italiani messe in piedi da questo governo di pazzoidi, con il beneplacido della boldrini ed il plauso dei buonisti ipocriti, ci saranno più mantenuti che lavoratori, in questo disgraziato paese. Che schifo, avete rovinato un paradiso, diventeremo come le periferie londinesi o parigine, un coacervo di gang criminali accomunate dall'odio contro i bianchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non esageriamo, però in effetti è vero che questi immigrati tendono a fare ghetti e a disprezzare e odiare i paesi che li ospitano...

      Elimina
  4. ma cara adg, giusto per pura curiosità, quale sarebbe, nel concreto, la soluzione che lei propone? Accogliere, mantenere, nutrire e riverire un numero infinito di immigrati clandestini? 1 milione, due milioni, dieci milioni?

    RispondiElimina
  5. Un argomento oramai conosciuto sotto tutti gli aspetti, con dei commenti oramai ripetitivi e privi di ulteriore contributo.
    Cambiamo!
    Perché non si parla della vicenda di Villa Russiz?

    RispondiElimina
  6. Accogliere è un test di civiltà,ma ANONIMI solo solite affermazioni,invece di proposte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene,accogliere è un test di civiltà,e dopo l'accoglienza,perchè ci dovrà per forza essere un dopo,in uno stato con il 43% di disoccupazione giovanile io non mi metto a gridare"prima gli italiani"ma ditemi cosa farà tutta questa gente,come camperà come si integrerà,e per integrarsi serve lavorare perchè solo cosi si aquisisce dignità.Se avete una risposta sul dopo accoglienza.è il momento di dirla.

      Elimina
  7. Cosa fare è spiegato nel post, basta comunque chiedere a Trieste e ai sindaci dei comuni vicini. Se invece di affrontare il problema a livello istituzionale, continuiamo a lanciare gemiti contro i cattivoni di fuori che non ci aiutano e non siamo neppure in grado di mettere due cessi chimici al parco, tra un po' invece di prenderli, ci porteranno qui altre persone. Ma cosa dovrebbero dire a Padova, Verona, Lampedusa? Non vi rendete conto che tutti in Italia stanno affrontando questo problema, acuito dalla scellerata politica estera dei nostri governi? Qui gli unici che hanno fatto sono i volontari e la caritas, che adesso danno anche da mangiare per la chiusura dell mensa dei cappuccini. Ma il comune dov'è? Perchè tanto vale che siano i volontari ad amministrare, visto che i nostri non sono capaci, così guadagneremmo subito un bel gruzzoletto da dare ai nostri poveri italiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è vero, al di laà delle politche varie, un pasto caldo e un rifugio temporaneo non si possono negare a nessuno, i volontari stanno facendo tanto.

      Elimina
    2. E daje con sto comune.E il comune dov'è? E perché non fa niente.Ecosa dovrebbe fare?E con quali soldi se non quelli dei contribuenti?Dove dovremmo mettere tutta questa gente?Il comune dovrebbe affittare case ai privati per alloggiare questi turisti senza portafoglio pagando di tasca sua?(nostra).E come li rimedia i soldi,dallo stato?E i soldi dello stato di chi sono?.Se i volontari vogliono amministrare facciano pure e siano pronti a mettere la mano nei loro portafogli.Sono cinico,inospitale?può anche darsi,ma non permettetevi di dirmi che sono un razzista.Ognuno in casa sua può decidere di ospitare o meno chi vuole e di quei centomila nascosti nei boschi della Serbia non me ne frega un'emerita mazza!

      Elimina
    3. Non è solo inospitale, il fatto è che proprio non conosce le competenze di comuni, europa, regione. quindi parla a vanvera.

      Elimina
    4. Anche i fondi di aiuto europei che vengono stanziati e devoluti agli stati non arrivano dal nulla.Non penso che siano banche private o ricchi e anonimi filantropi a elargire donazioni milionarie.Al massimo finanziano le onlus,e non tutte,solo quelle che vogliono loro,ma questa è un altra storia...

      Elimina
    5. l'Europa da 40 milioni in due anni, per un costo stimato complessivo di 3 miliardi di euro.... poco più dell'1%.. il resto lo pagano i contribuenti (fessi) italiani

      Elimina
    6. Come fanno a Trieste? Trieste è in tilt per emergenza profughi.
      Malgrado l' ottimo Schiavone e lo staff in rete, purtroppo anche Trieste sta soccombendo.

      Elimina
  8. Gentile adg, ho notato che lei, a differenza di altri del Forum, qualche volta risponde. Le chiedo la cortesia di riandare al post del 3 giugno " Un'appassionata lezione di vita " e di rileggere il mio commento delle 20.28. Mi potrebbe dire che ne pensa? Saluti. Giorgio M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto e condivido quello che lei dice. E' ovvio che vedere baldi giovani che non lavorano (perchè non possono farlo), leggere del taglio dei fondi alla sanità o altre cose del genere fa rimanere perplessi. Ci possono essere cattive leggi sull'immigrazione, mancanza di coordinamento in Europa, tutto quello che si vuole, ma le cose si risolvono politicamente e non con la guerra tra poveri. Ricordo inoltre che siamo al terzo morto in Puglia per lo sfinimento da lavoro nella raccolta di pomodori o di uva: due africani e una italiana. Si vede che lo sfruttamento e la miseria ci accomunano quando crepiamo e quando pensiamo ci dividono : proprio quello che vuole chi da lavoro nero.

      Elimina
    2. il lavoro nero è l'inevitabile conseguenza delle vostre idee criminali in tema di immigrazione. Se fate venire milioni di africani in Italia, cosa pensate che possa capitare? Non c'è lavoro per gli italiani, figuriamoci per gente primitiva e senza istruzione.

      Elimina
    3. hai ragione Gozzilla!

      Elimina
    4. Così l'europa vede l'integrazione tra italiani ed emigrati.Lavoro nero e sfruttamento schiavista per tutti,senza distinzione di razza e religione e provenienza.E' l'europa che lo chiede!

      Elimina
  9. Nel post non c'e' nessuna proposta, solo accuse e lamentele. Come manteniamo milioni di immigrati? Con che soldi? Le iniziative a spese dei contribuenti sono rispettose dei milioni di italiani disoccupati e senza casa? Il vostro terzomondismo peloso vi permette di rendervi conto del fatto che non esiste una exit strategy? Perchè dobbiamo mantenere milioni di maschi adulti provenienti da paesi in cui non c'e' la guerra e far finta di nulla rispetto alle famiglie cristiane perseguitate in Iraq?

    RispondiElimina
  10. http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/ragazza_18enne_stuprata_pigneto/notizie/1503512.shtml

    della serie: Un caso al giorno. 18enne violentata da africano. Quando vi renderete conto del male che fate, credendo di essere buoni? Vi rendete conto che questi stupri sono colpa vostra? E che, grazie a voi, aumenteranno sempre di più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nostro caro anonimo ci aggiorna ogni giorno si queste notizie.Lo abbiamo spesso sbeffeggiato,ma bisogna ammettere che queste notizie sono vere e verificabili,non invenzioni o fantasie.Vengono però riportate solo su quotidiani locali,mentre la stampa di regime evita in modo assoluto di divulgare questi fatti.Com'è cambiata la propaganda rispetto a qualche anno fa.

      Elimina
    2. Certo, sia mai che qualcuno inizi ad aprire gli occhi.... tutti buoni e intruppati, Repubblica è il Corriere dicono che l'immigrazione e' cosa buona e giusta e chi si oppone allo sfacelo e' nazista.

      Elimina
    3. E i Marò? E le foibe? E prima gli itagliani?

      Elimina
  11. Per non aggravare ulteriormente il caos, vanno assolutamente velocizzate le procedure di identificazione delle persone che rientrano nelle diverse categorie, secondo quanto previsto anche dagli accordi internazionali. Successivamente va concretamente previsto il loro inserimento nei differenti percorsi di accoglienza. Mantenere questa incertezza, aggravata da una informazione generica e pressapochista, crea disagio, paura, disparità e anche occasioni per coloro (come proprietari, albergatori, coop.) che vogliono approfittare esclusivamente delle opportunità economiche che la ingarbugliata situazione (non da paese "civile") può offrire. Gli aspetti economici (secondo alcuni le opportunità di "fare affari e soldi") non devono diventare la priorità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corretto. Ma sembra che nel post, questo aspetto sia presentato come la soluzione ideale (pensate che miniera d'oro!!!, i proprietari degli appartamenti sfitti possono avere un reddito e i giovani disoccupati trovano lavoro grazie alla catena di smistamento dei profughi!!! Insomma, l' ultima ruota della catena disgustosa del traffico di esseri umani viene presentata come una opportunità meravigliosa!!! ).
      Nauseante e immorale.

      Elimina
    2. Nauseante, immorale e pure insostenibile economicamente, aggiungerei, visto che le finanze pubbliche sono allo stremo e non ci sono soldi nemmeno per gli italiani. A Venezia un italiano disabile si è dato fuoco perchè, a differenza che per gli immigrati pakistani, il comune lo ha sbattuto in mezzo ad una strada.

      Elimina
  12. Cosa vuol dire "inserimento in percorsi di accoglienza" in un paese con 5 milioni di disoccupati? Dare a questi immigrati un lavoro a discapito degli italiani, magari con zero contributi tanto paga pantalone (cioè contribuenti italiani, gli stessi senza garanzie e servizi)?

    Potete parlare chiaro?

    RispondiElimina
  13. Ahi ahi, la maggioranza dei lettori del forum sta aprendo gli occhi... prepariamoci al solito piagnisteo e all'arrivo della falce della moderazione... ma farsi due domande e mettersi in discussione no, eh?

    RispondiElimina
  14. La maggioranza dei lettori del forum ha gli occhi aperti e li gira dall'altra parte per non vedere e sentire. Mettetevi in discussione voi che avete rovinato l'Italia, con Bossi Fini e Berlusconi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutte le riforme sono state bloccate da scioperi, girotondi, proteste "resistere resistere resistere" dei vostri amici magistrati rossi.

      Elimina
    2. quali riforme? di chi? di berlusconi? siete fuori non solo dalla storia, ma dal buon senso comune

      Elimina
    3. Flat tax, riforma della giustizia, riforma della scuola, riforma sulle droghe, riforme in materia di immigrazione.... studia, liberati, il comunismo e l'ignoranza si possono debellare con la cultura!

      Elimina
    4. Poveretto. Riforma della scuola. La Gelmini ha tagliato 8 milioni di euro e questa sarebbe la riforma? Riforma dell'immigrazione? E allora di cosa vi lamentate? Riforma della giustizia? Dove,come? Mi sa che il caldo che c'è ti ha fuso l'unico neurone

      Elimina
    5. Inutile prendersela con Berlusconi,ormai è acqua passata,non esiste più.I suoi fans più sfegatati e i suoi accoliti sono saltati in massa sul carro renziano e ora si fanno chiamare progressisti moderati.Sveglia gente! credete ancora alla favola della desta e della sinistra?

      Elimina