mercoledì 12 agosto 2015

In memoria di Tajmur



E' stata un'intensa veglia di riflessione e di preghiera quella celebrata ieri sera in memoria di Tajmur, il giovane pakistano annegato l'altro giorno nell'Isonzo.
Promossa dall'Associazione Insieme con voi e condivisa dalla Caritas, l'iniziativa ha visto riunirsi tutti i numerosi richiedenti asilo presenti sul territorio. Particolarmente commovente è stata la preghiera guidata dall'Imam, seguita con grande partecipazione dai giovani pakistani e afghani e con grande rispetto dalla gran folla di persone presenti al rito.
La presenza dell'Arcivescovo Redaelli ha significato la piena partecipazione della Chiesa cattolica diocesana al dolore degli amici e dei parenti di Tajmur: un gesto di delicatezza e di attenzione che è stato apprezzato da tutti.
Al termine sono state raccolte delle offerte finalizzate al rimpatrio e alla riconsegna alla famiglia del corpo dello sfortunato giovane.

28 commenti:

  1. Il momento del silenzio e della riflessione.
    R.I.P.
    mauro

    RispondiElimina
  2. Per curiosità, con che criterio scegliete di fare le veglie in memoria dell'uno piuttosto che dell'altro morto? Perchè quando muore un italiano nel fiume non fate la veglia? Perchè quando muore un italiano di fame e di stenti, o si suicida perchè lo stato gli ha sottratto le risorse necessarie per mantenere i clandestini in hotel, non fate la veglia? Perchè non fate una veglia per la ragazzina violentata dai vostri amici afghani a Trieste o per quella di 6 anni ammazzata da un "profugo" ubriaco in Puglia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per curiosità che medico ti segue?....non è mica bravo

      Elimina
    2. "muore un italiano di fame e di stenti"! Ma come parli, dove le leggi ste cretinate? Dimmi quando un italiano è morto di fame e di stenti. Per il resto è delirio.

      Elimina
    3. Le dinamiche dell'incidente restano ancora poco chiare.L'Isonzo in questi giorni è in secca,c'e pochissima corrente e l'acqua non è proprio gelida com'è di solito.Le paratie della diga non sono state aperte,non si sa se il giovane sia stato colto da malore o sia scivolato battendo la testa e perdendo i sensi o abbia voluto fare una bravata per impressonare gli amici,oppure sia stato gettato in acqua per scherzo.Qualche indagine in più io l'avrei fatta visto che si è trattato di un incidente dagli esiti mortali.

      Elimina
  3. Polemiche sterili ed inutili,se uno vuole può fare una veglia anche per il suo gatto o canarino con annessa fiaccolata.

    RispondiElimina
  4. in memoria di Tomislav Salopek, turista croato sgozzato dai vostri amici islamici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i Marò?(ma ci sono i marò croati?) E le foibe? (quelle si!) E prima i Kroati?

      Elimina
  5. Sui migranti i vescovi: "governo del tutto assente"
    Hanno ragione: renzi che tuitta per ogni foglia che si muove lo avete mai sentito dire qualcosa sui migranti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerando l'enorme patrimonio sia di liquidità sia di beni immobiliari del vaticano e delle varie curie e fondazioni religiose a scopo di lucro,cosiglierei ai vescovi di sciaquarsi la bocca con la candeggina prima di parlare.

      Elimina
    2. Credo che lo stato italiano non debba rendere conto di quello che fa a vescovi e vaticano.Dobbiamo già rendere conto a bce,bruxelles ,berlino e washington,penso che basti ed avanzi.

      Elimina
  6. http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/galantino-salvini-42798/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i Marò? E le foibe? E prima gli itagliani?

      Elimina
    2. Scusa, ma l'hai letto il link?

      Elimina
  7. http://voxnews.info/2015/08/13/guerriglia-senegalesi-assaltano-cittadini-e-poliziotti-video/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i Marò ? E le foibe? E prima gli itagliani?

      Elimina
  8. per questo italiano AMMAZZATO DI BOTTE DA 3 IMMIGRATI la fate la marcetta?http://www.corriereadriatico.it/MACERATA/civitanova_marche_aggressione_tre_stranieri_quarantenne_aggredito/notizie/1512779.shtml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i Marò? E le foibe? E prima gli itagliani?

      Elimina
    2. Anonimo delle 6.50 sei fuori tema, puoi criticare se dovesse avvenire un fatto analogo a Gorizia e l'Associazione e Caritas non farebbero nulla per ricordare.... allora si, li puoi massacrare di critiche... Per il fatto di Civitanova, la "marcetta" (come la chiami tu) la faranno lì o nei dintorni...
      Anonimo delle 8.48 sbagli anche tu scherzando su fatti gravissimi con la solita battuta sui marò e tagliani

      Elimina
  9. ma il pazzoide che continua a citare i marò e le foibe, ride delle bambine investite, ironizza sulle ragazzine stuprate, minimizza un massacro volontario di un italiano d aparte di 3 immigrati, per caso era li in prima fila a piagnucolare per uno morto perchè ha fatto il bagno nell'acqua fredda dopo essersi rimpinzato la pancia di pastasciutta a scrocco?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è davvero troppo! Ma davvero siamo diventati tanto primitivi e disumani da poter scrivere certe cose davanti a un uomo che ha perso la vita, straniero in terra straniera? Anonimo delle 9.35, non censuro soltanto perché le sue parole sono la dimostrazione della fine di un'etica, quella testimoniata dalla tragedia greca, dalla pietas latina, dalla fraternità cristiana, dalla proclamazione dei diritti dell'uomo. E' la triste fine dell'Occidente, minacciato da questa spaventosa crudeltà e aridità... E adesso scriva pure i suoi anonimi improperi, dal suo pulpito occulto di demolitore di ogni valore umano e cristiano... serviranno ad aumentare il numero dei lettori...

      Elimina
  10. Aggiungo che a tutti dispiace per la sofferenza di ogni donna, uomo e bambino, senza che essa debba venire strumentalizzata in modo disumano. E aggiungo anche che di "marcette" (mi scusi il correttore, è una citazione dei commentatori e quindi va tra virgolette) e di veglie di preghiera ne sono state organizzate migliaia ovunque, per condividere il dolore di fronte alla violenza e alla morte. Quindi la si finisca con queste stupidaggini, forse quelli che scrivono non hanno mai partecipato a una veglia, ma non esiste una persona defunta che non sia stata ampiamente ricordata, tanto più se giovane e vittima di un incidente. Quindi adesso basta, per favore, andate a pascolare il vostro odio in altri blog...

    RispondiElimina
  11. ironizzare sulle foibe invece va bene? Come mai contro quel vile che infama migliaia di italiani morti nessuna parola di sdegno? Che ipocrita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale ironia sulle foibe, non serve molto sale in zucca per capire che è un'ironia su di lei e sulla sua indegna strumentalizzazione del dolore di persone colpite dalla violenza umana...

      Elimina
  12. quindi se si ironizza sulle foibe va bene, se si ironizza su di voi, sempre pronti a piagnucolare quando qualche estremista islamico muore perchè fa i tuffi nel fiume invece che essere al lavoro, questo va bene? Ma che logica è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei troppo nevrotico per poter avere senso dell'ironia, per quello non la capisci, non capisci nè l'umorismo, nè la realtà. La tua mente, rozza e primitiva,capisce solo pochi stimoli. Gli islamici sono tutti estremisti, gli tagliani buoni, gli immigrati tutti pelandroni. Non sei in grado di comprendere neanche quando sei preso per i fondelli.

      Elimina
    2. capisco solo il trito e ritrito due pesi e due misure: scherzare su migliaia di donne e bambini gettati vivi nelle foibe va bene, su un clandestino che si butta in un fiume ghiacciato senza saper nuotare no.

      Capisco anche che la moderazione non ti definirà "vile anonimo", non censurerà i tuoi insulti nè ti richiamerà ad avere più rispetto delle idee altrui, perchè siete dalla stessa parte.

      Elimina
    3. Potrebbe richiamarmi al rispetto delle idee degli altri se ci fossero idee, ma siccome qui c'è vuoto, o peggio, un cinismo senza limiti, nessuno mi può richiamare. non hai capito neanche che non si scherza affatto sulle foibe, ma su di te, che dividi il mondo in due parti e stai da quella giusta, che pensi di essere buono e gli altri cattivi, che magari vai anche a messa alla domenica. Di gente come te c'è da aver paura, perchè uno si dovrebbe firmare?

      Elimina