sabato 25 luglio 2015

Parliamo un po' del nostro blog...

La funzione di un blog come questo dovrebbe essere di mettere in evidenza temi, questioni e proposte che ci sembrano importanti e sui quali vogliamo discutere. Vorremmo anche ampliare la platea dei nostri lettori a persone che vogliono impegnarsi, non solo ovviamente a fini elettorali, per incidere sulla vita pubblica. Non c'è volta però che si scriva qualcosa che non entrino in azione i professionisti del razzismo, con insulti, sottolineatura di milioni di stupri fatti da stranieri, narrazione degli orrori perpetrati da religioni diverse. Mi chiedo: ma che senso ha andare avanti così? Quante persone di buona volontà si rifiutano di scrivere in questo contesto, quanto invece la lettura dei commenti diverte, visto che il numero dei nostri accessi sale?  Ma questo divertimento, ammesso che ci sia, serva allo scopo che ci siamo dati? Credo che aprire una discussione sia utile. 
adg

32 commenti:

  1. Secondo me un blog così non serve perchè si leggono sempre le stesse cose con le stesse argomentazioni. Dunque: cambiamo argomenti noi, parlando di migranti e di islam solo quando serve e non di continuo, altrimenti sembra che non ci siano altri problemi al mondo e si fa il gioco loro, censuriamo gli insulti, cerchiamo di coinvolgere non yes men come dice qualcuno, ma gente che usa la testa e non solo la pancia

    RispondiElimina
  2. Cara anna, ho risolto tale problema sul blog che io curo in modo semplice, decido cosa o non cosa pubblicare come commenti, faccio lettura e preventiva, controllo preventivo, mettendoli in moderazione, e quelli razzisti li censuro, punto. Non sono uno di quelli che darebbero la vita perché gli altri possano dire quello che pensano, no. Perché la libertà di pensiero, di manifestazione del proprio pensiero deve conoscere dei limiti quando questa va oltre e per oltre intendo incitamento all'odio razziale, alla xenofobia, al fascismo ecc. Una volta ero più flessibile, ma ora non lo sono più.Molti di quelli che, in via anonima, poi, si dilettano ad offendere e scrivere porcate, lo fanno con un chiaro intento, attaccare il blog. Insomma, una sana pulizia preventiva è necessaria! In un contesto storico come questo è fondamentale parlare di migranti, di immigrazione, specialmente in una regione come la nostra che ha conosciuto certamente determinate vicende, ma che pare averle rimosse...mb

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco, sono perfettamente d'accordo con te, anch'io non darei la mia vita perchè possano parlare persone come quelle che ci scrivono. Ma ti dirò di più, nè la vita, nè lo spazio, nè il tempo perso a farsi venire la bile.

      Elimina
    2. Pero' queste persone esistono e alla fine della fiera il loro voto alle urne vale quanto il vostro...

      Elimina
    3. A questo punto forse sarebbe meglio per voi rendere il blog accessibile solo a persone regolarmente registrate,il problema degli anonimi che insultano sparirebbe,ma verrebbe a mancare anche una certa discussione e punti di vista di chi su certi temi la pensa diversamente.Gli amministratori del blog giustamente dettano le regole:Decidano loro cosa sarà più opportuno fare.

      Elimina
    4. Il punto è proprio questo: si tratta di una vera discussione? Molte volte tutto si limita a chi dice che lo stupratore è sempre straniero e chi dice che è spesso italiano e, anche quando si parla di cosa fare, salta fuori, come adesso, quello che racconta dello stupro del marocchino e poi spesso finisce in caciara. All'anonimo delle 22.55 che dice che il voto poi vale uguale, chiedo se si rende conto che stiamo parlando di una vera e propria tragedia. Secondo me, e so che qui mi attiro l'odio di tanti, la più grande, colossale e terribile idiozia che ha detto il M5S è che "uno vale uno". Nemmeno per sogno!

      Elimina
    5. Sono l anonimo delle 22.55. Non so cosa abbia detto M5S o chi altro, il peso del voto è un semplice e pratico spunto che ho espresso,ma non è affatto un' idiozia.
      Se lei lo crede, spieghi perchè, non mi è chiaro.
      Ecco qual' è il problema della città, i soloni saccenti che liquidano lo scambio di idee con supponenza, giudicandole 'idiozie colossali'.

      ricapitolando, abbiamo un commento i cui contenuti sono 'colossale idiozia', ' tragedia', 'odio', condito da egopatia acuta. Apoteosi della spocchia snob.

      Purtroppo.

      Elimina
    6. Ci rinuncio. Io trovavo il suo uno spunto interessante di discussione, lei invece un'occasione di insulto. Chiunque provi a dire qualcosa o semplicemente a pensare è supponente, spocchioso o snob. Da questo spazio il mio congedo è definitivo.

      Elimina
    7. Odio razziale ,xenofobia,ed infine come ultima risorsa il buon vecchio fascismo che abbonda sempre sulla bocca di questa sinistra ormai prostrata inconsapevolmente ad interessi nazicapitalisti.L'immigrazione,se vogliamo parlare di questo è sempre esistita,ed anche in italia si è non senza difficoltà riusciti ad assorbirla anche in periodi di crisi.Poi sono iniziate le "primavere arabe"che dovevano portare in quei paesi giustizia e democrazia,siamo andati il libia ad ammazzare il cattivo Gheddafi,nonostante la libia fosse stato il paese con reddito pro capite più alto dell'africa e totalmente esente da rigurgiti terroristici e integralisti(altro paese dove c'è o c'era uno stato islamico "laico" era la siria e guardacaso guerra civile anche lì).Poi qualcuno che rischiava di rimanere senza cattivo di turno ha creato l'isis,riunendo insieme un'accozzaglia di fanatici,tagliagole avanzi di galera e mercenari(ben pagati però,ma vietato dire da chi) e all'improvviso un normale flusso migratorio si è trasformato in un'esodo biblico di centinaia di migliaia di persone al mese.Un paese come l'italia che si avvia ad un default economico stile grecia si può permettere alcuni milioni di profughi? Per qualcuno si e per qualcun' altro no.E se si quali e quante sono le risorse per l'accoglienza che,ovviamente resterà a tempo indeterminato visto che lavoro non c è né.In uno stato dove il governo paventa pesati tagli su sanità,istruzione pubblica e welfare ci si può permettere il lusso di un accoglienza indiscrimitata a tutti quelli che arrivano?Chi si pone queste domande è un razzista,un fascista o uno xenofobo a prescindere?

      Elimina
    8. La nostra regione è stata sempre terra di migranti,sia prima che dopo la seconda guerra mondiale,la miseria era diffusa e si sceglieva di andare all'estero in cerca di lavoro e di fortuna.Francia,Germania,Belgio, Canada ed Australia erano gli stati dove i migranti friulani e giuliani andavano a cercare lavoro.Quei paesi erano in forte sviluppo economico ed avevano un crescente bisogno di manodopera.Bisognava sudare,farsi il mazzo anche più di 12 ore al giorno.Talvolta anche ci si lasciavano le penne.Molti restarono li e si costruirono un'esistenza dignitosa con la loro famiglia,altri tornarono e con i sudati risparmi riuscirono a costruirsi una casa per loro e per i loro figli.Il comune denominatore tra queste persone era il duro lavoro e il sacrificio.per un futuro migliore.Il contesto storico attuale è completamente diverso da quello di 50 anni fa.Il lavoro manca,e non mi si venga a dire che gli italiani non vogliono fare più i lavori umili,uno dei più frequenti luoghi comuni branditi da chi guarda dall'alto del suo piedistallo probabilmente senza aver mai sofferto di problemi economici.La ricerca di un lavoro e di un'esistenza dignitosa non mi sembra una priorità di questi giovanotti arrivati dall'afghanistan,pakistan,,e molti dai paesi dell'europa del nord dove forse il clima rigido e piovoso non era di loro gradimento.Il signor Marco Barone dice bene quando parla della nostra terra come terra di migranti,però tralascia molti dettagli di non poco conto.

      Elimina
  3. Buonasera a tutto il blog,in effetti ho notato un forte senso di razzismo nella mia Città,mancavo da molto tempo a Gorizia e non riconosco i miei concittadini, mi vergogno a leggere certi post che inneggiano a Benito Mussolini e mi sconvolge ancora di più quando vedo che sono miei conoscenti a venerarlo.

    RispondiElimina
  4. impegnarsi per incidere nella vita pubblica: questo mi pare sia il punto, ma a gorizia si partecipa sempre meno e si incita al razzismo sempre più
    bisognebbe dire che andando aventi così gorizia muore

    RispondiElimina
  5. Non e' un po' troppo comodo liquidare come "razzista" chi esprime idee diverse dalle nostre, seppur in maniera forse eccessiva? Se vogliamo rimanere democratici dobbiamo riuscire a ribattere con argomenti, se ne abbiamo. Effettivamente la criminalità e' in aumento, questo è un dato oggettivo in cui i cattivisti hanno ragione...

    RispondiElimina
  6. Ecco e' arrivato il cattivista a rovinare tutto! Sempre con questi immigrati... vengono da culture che tollerano questi atteggiamenti, dobbiamo essere più comprensivi!

    RispondiElimina
  7. Uscire dal monotematico e non voler imporre le proprie convinzioni!

    RispondiElimina
  8. l'impressione è che viviate nel vostro mondo e non vi accorgiate di quello che sta realmente accadendo. lo rifiutate perchè non in linea con i vostri pregiudizi ideologici. http://www.ilgiornale.it/news/cronache/orrore-pure-speza-violentata-e-derubata-due-extracomunitari-1155523.html

    RispondiElimina
  9. Per dirla tutta, personalmente non sprecherò una parola per piagnucolare in favore di afgani e pakistani, fino a quando in Italia o magari a Gorizia non sarà presente per le sue conferenze una delle tante attiviste per le donne in Afganistan.

    Solo poche settimane fa l'ennesimo attacco con acido, per la strada, a tre ragazzine che si recavano a scuola.
    La piaga delle molestie che fin dalla tenera età le bambine subiscono, soprattutto per la strada, fa parte del bagaglio di ogni singola donna afgana, nessuna esclusa. Le bambine vengono ripetutamente insultate per la strada e prese a sassate e se qualcuno osa difenderle viene aggredito.
    L' Afganistan è uno dei più miserabili luoghi del pianeta dove una donna possa vivere, indipendentemente dalla presenza dei talebani.
    Recentemente l'artista afgana Kubra Khademi è stata presa a sassate per aver manifestato.
    E questa è solo la punta dell' iceberg.
    Torture, stupri, colpiscono bambine spose a 12 anni, la maggiorparte dei quali mai denunciati perchè non vengono considerati reati.
    Casualmente a Gorizia non c'e' nemmeno l' ombra di una donna profuga, il che è perfettamente in linea con quanto scritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spose bambine,infibulazione,molestie,punizioni crudeli alle donne che osano ribellarsi.Fino a circa un anno fa questi fatti venivano quasi quotidianamente messi(giustamente)in risalto da stampa e media,ora sembra che queste notizie non vengono riportate quasi più,come se fosse calata una cappa di silenzio direi quasi omertoso.Fa bene l'anonimo o l'anonima delle 09.38 a porre delle riflessioni anche su questi problemi anche se credo che le risposte saranno acide e stizzite.Sui profughi non dico niente visto che andrei fuori argomento.

      Elimina
    2. non a caso lo stupro di una bambina italiana accaduto a Trieste è stato messo in atto da due "profughi" afghani. Speriamo che tocchi a qualcuna di queste ipocrite femministe che ora non dicono nulla per non passare da "razziste".

      Elimina
    3. Strano,fino a poco tempo fa si inneggiava alla "castrazione chimica"per chi commetteva questi crimini,ora tutto tace.Ora la sparo grossa,non sara mica che quando uno stupro lo commette un italiano bisogna appenderlo per gli attributi(cosa buona e giusta)e quando lo commette un immigrato qualcuno pensi cose tipo:bisogna capirli ,hanno una cultura diversa ,nel loro paese è consentito o non è un reato grave..dobbiamo informarli meglio quando arrivano qua,altrimenti rischiano il carcere....Aprite pure il fuoco,ho un buon giubbotto antiproirttile.

      Elimina
  10. In tutta Italia i clandestini, gentilmente ospitati dallo Stato italiano con i nostri soldi, rifiuitano il cibo, mettono in atto violente proteste, incendiano gli appartamenti, aggrediscono gli operatori, pretendono wi-fi, aria condizionata, soldi e cellulari.
    Lo Stato italiano spende circa 1,2 miliardi di euro all'anno solo per l'accoglienza, impossibili da quantificare i costi indiretti, sanitari, marina, tribunali. Senza contare che i prefetti non fanno più il loro lavoro ma solo ed esclusivamente le balie ai clandestini. Chi pensa che tutto questo sia come minimo ingiusto è solo uno sporco razzista o qualche ragione ce l'ha?

    RispondiElimina
  11. Il governo pensa ad un taglio di 10 miliardi sulla sanità.Si dovranno ridurre drasticamente anche le analisi.Vogliamo parlare anche di questi argomenti?Il tentativo di distruggere il welfare non interessa a nessuno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido. L'argomento finora non è stato trattato, nonostante la grande importanza e rilevanza che il sistema "Sanità" nel suo complesso presenta sia nella società che nella vita quotidiana.
      Ritengo che sia oramai indispensabile chiedersi se la Salute sia ancora considerata un bene comune, un diritto costituzionale, una conquista della cittadinanza!

      Elimina
    2. l'incapacità di reagire degli italiani mi spaventa. Accettiamo in silenzio la morte di una nazione, la disintegrazione del suo patrimonio culturale ed etnico, la distruzione del welfare e del lavoro. In cambio però ci danno uteri in affitto e nozze gay e immigrati che protestano perchè il cibo che diamo loro non è di loro gradimento. Follia totale.

      Elimina
    3. Per assicurazioni,istituti finanziari e di conseguenza per i politici loro lacchè,la salute deve diventare un bene di nicchia a disposizione di chi ha tanti soldi.I cosiddetti "poveri" pensino a lavorare,a farsi sfruttare,a consumare cibi spazzatura,e a crepare il più presto possibile tanto di ricambio umano c'e né in abbondanza.Forse uno dei motivi di questa grande ondata migratoria è proprio questo.

      Elimina
    4. Leggo di nozze gay e di uteri in affitto,ci sarebbe anche la questione della teoria grender che secondo alcuni "illuminati" deve essere insegnata "a forza "già dalle scuole elementari.Non mi metto a commentare anche perché in questo post non si parla di questo argomento,però sarebbe curioso fare un sondaggio tra le persone di fede musulmane presenti in Italia per vedere cosa ne pensano di questi argomenti.Che ne dite?

      Elimina
  12. Ma questi commenti che non c'entrano mai niente con gli argomenti trattati e sono frutto di follia, dobbiamo tenerceli sempre tutti? Raccolta differenziata mai?

    RispondiElimina
  13. Vabbè ormai ce lo dobbiamo tenere,è un po' come i film trash,fanno schifo però sono un cult,tutto sommato è anche divertente che tra tanti argomenti,non so ad esempio un sfida tra la putizza e la gubana entri in mezzo anche questo pazzoide tenendoci informati di eventuali stupri veri o presunti.Ormai è entrato a pieno titolo a far parte di questo blog.lasciamolo stare tanto non fa male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, in un blog democratico .... ci vuole anche l'opposizione!
      mauro

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  14. http://voxnews.info/2015/07/30/il-racconto-di-una-suora-tra-i-veri-profughi-cristiani-non-hanno-soldi-per-imbarcarsi/

    Testimonianza di una suora siriana: quelli che arrivano non sono veri profughi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letto.Alquanto interessante e in un certo senso inquietante.In tutti i paesi se vuoi essere accolto come profugo,devi avere un documento.In Italia negli ultimi mesi potrebbe(e sottolineo"potrebbe") essere arrivato un'intero battaglione di terroristi senza che nessuno se ne accorga.Per fortuna c'è Alfano.Garantisce lui,buaahahahaha...

      Elimina