martedì 21 luglio 2015

Considerazioni attuali su civiltà e barbarie...

Il clima sociopolitico che percepisco vedendo in tv, indica che l'emigrante viene a rubare il lavoro e lo segnala come una spia rossa, premonitore di rivolte sociali. Se è povero, giovane e non bianco, l'intruso, colui che è venuto da fuori, viene subito condannato per indigenza, inclinazione al caos, allo sporco o semplicemente per la pelle che indossa. Comunque in ogni caso anche se non è povero, né giovane, né scuro, merita comunque il MALVENUTO, perchè arrivando da noi è disposto a lavorare il doppio in cambio della metà. La paura della perdita del lavoro, del valore delle proprie abitazioni, di rischi veri e presunti di ogni genere, è uno dei timori più forti tra tutte le paure che ci abitano in questi tempi. Nulla di più facile che accusare il migrante quando si tratta di accusare qualcuno delle nostre preoccupazioni, della nostra disoccupazione, della diminuzione dei salari, dell'insicurezza pubblica, e di altre terribili disgrazie che potrebbero capitarci, compreso furti e violenze di ogni genere. Un tempo l'Europa disseminava nel sud del mondo soldati, prigionieri, contadini disoccupati, e morti di fame mercenari alla ricerca di avventure e soldi. Quei protagonisti delle avventure coloniali sono passati alla storia come agenti mandati da Dio. Era la Civiltà che si lanciava al riscatto della barbarie “degli incivili”. Adesso il viaggio avviene al contrario. Quelli che arrivano, o cercano di arrivare, se non muoiono durante il disumano tragitto, dal Sud al Nord, sono protagonisti delle sventure coloniali e vengono considerati come invasori messaggeri del Demonio (del male se preferite). La barbarie che si lancia all'assalto della civiltà.
Vito Dalò

19 commenti:

  1. Quindi in altre parole stai sostenendo una forma di capitalismo d'assalto in cui gli uomini sono bestie da soma ed è giusto lasciarli venire in Europa per poter far fare loro un lavoro pagandoli la metà?

    RispondiElimina
  2. Sì giusto hai capito perfettamente tutto

    RispondiElimina
  3. Non ha capito nulla, si sostiene che questi spostamenti sono i benvenuti per i trafficanti di esseri umani (mafiosi) e per chi, come accade a 30 chilometri da Gorizia, a Monfalcone, assume lavaratori in ditte d'appalto a paghe basse e ad estrema ricattabilità. Si noti che Finmeccanica è azienda a partecipazione statale. Dunque il capitalismo (perchè si chiama così e non con il termine edulcorato di "liberismo" che non significa nulla storicamente) sfrutta prima la guerra, poi le materie prime che rapina e poi fa i soldi con i traffici di uomini e con il loro lavoro a costo basso. In Grecia si frega il partenone, impone acquisti di armi e dà euro in cambio di sottomissione. Noi questa l'abbiamo chiamata "democrazia occidentale"

    RispondiElimina
  4. Ma non dica sciocchezze, il colonialismo euorpeo in Africa è finito da un pezzo. I Paesi africano sono ricchi e indipendenti da oltre 50 anni, ma iloro governanti sono solo tiranni sanguinari, corrotti fin nelle midolla, e sono loro che riducono il loro popolo in miseria, oltre al nuovo colonialismo islamico, che fa la stessa identica cosa.
    Lei ripete slogan vetusti e sembra non sappia che l' Islam, per esempio, pratica e consente lo schiavismo, quindi la compravendita di schiavi.
    I pesi del golfo ne importano interi cargo, forse lei non li ha mai visti, sbarcare dai voli diretti Kampala Abu Dhabi,
    o Nairobi Dubai, tutti in fila indiana,tutti maschi, scortati dalla polizia.
    Lei non è mai salito su un volo Jakarta Doha, o Katmandu DAmmam. Questi voli sono carghi di schiavi.
    Kenya, Filippine e Nepal hanno recentemente posto un bando ai loro cittadini per andare a lavorare in qs paesi come domestici, a causa dello sfruttamento e delle violenze alle quali vengono sottoposti.
    Sveglia||| Ah, la maggiorparte di questi traffici regolarmente legali sono gestiti dagli indiani, storici gestori dello schiavismo mediorientale da secoli.
    non lo sapeva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi capire che questi comunisti sono malati, si rifiutano di vedere la realtà, dovrebbero andare da un medico. Non puoi pensare di trattarli come persone normali o ragionevoli.

      Elimina
    2. infatti non siamo nè normali, nè ragionevoli e siamo pure contagiosi, per cui ti consiglierei di girare al largo da questo blog

      Elimina
    3. Siete normali,forse poco ragionevoli ,ma di sicuro non siete comunisti,consiglio all'anonimo delle 15.21 il tagliando annuale con annesso reset alla centralina.

      Elimina
  5. Effetti negativi di quello che c'è stato dopo il colonialismo, cioè il neo colonialismo di tipo economico e politico che ha appunto appoggiato tiranni sanguinari o lotte di popolazioni, come si legge in Congo. E se la situazione è così orrenda, perchè ci dovrebbero andare a lavorare gli afgani nei paesi del golfo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In certi contesti, la situazione è orrenda per chi viene dall africa e ha la pelle scura. Indiani e pakistani non si mescolano con i 'neri' perchè a loro volta li considerano schiavi. Anche gli asiatici hanno le loro caste. Gli immigrati dello srilanka non si abbassano mai a fare cose che gli indiani invece sono disposti a fare. e tra gl iindiani, i cristiani sono quelli più maltrattati e miserabili, a loro volta sovrastati dai musulmani. I più alti di grado e crudeli sono gli indù.Gli sbarramenti sociali ed etnici/confessionali sono rigidissimi.
      Nel golfo non esiste il concetto di richiesta di asilo, nè l immigrazione irregolare inmassa.

      L' Ialia invece non distingue. Polacchi o rumeni con somali e ghanesi, tutto va bene per raccogliere pomodori e cetrioli per le nostre insalate, a nero e in condizioni di schiavismo coatto, dove la fuga è impossibile. Pena lo stupro per le donne.
      Ma non vedrete mai balcanici tra angurie e melanzane, raramente filippini/latinos. non si abbassano.
      Con la complicità di soloni che ci ricordano che gli stranieri contribuiscono al Pil
      Ora però c'e' una novità. Si sta scoprendo che per lucrare non è necessario far lavorare gli stranieri. Basta avviare l'accoglienza coatta di profughi, benedetta dalle norme internazionali umanitarie. Si bypassano tutti i problemi di individuare posti di lavoro, quote, sindacalismo, controlli, ecc...Un bengodi senza uguali e senza limiti. In perfetto accordo con i trafficanti di esseri umani, che l' hanno ben capito, e guadagnano a palate. Un traffico garantito e sicuro, che frutta, appunto. più della droga.

      i veri profughi, le vere vittime delle guerre, sono altrove. Ma non interessano a nessuno perchè non rendono.

      Elimina
  6. in sintesi gli ex comunisti sono a favore dell'immigrazione selvaggia e incontrollata che provoca l'abbattimento dei salari e lo sfruttamento capitalista. Che idioti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per cortesia, non "ex", siamo ancora in attività.

      Elimina
    2. Che siete in attività è un fatto,che siete comunisti ho qualche dubbio.Senz'altro vi sapete cammuffare molto bene.

      Elimina
    3. I veri comunisti ormai non esistono più,restano i fancazzisti radical -chic da centro sociale con i soldini di papi,chiamarli comunisti è una bestemmia.Quando li vedo o li sento parlare vorrei essere pol-pot.

      Elimina
    4. Che luoghi comuni! Radical chic? Soldi di papi? Ma vedi che ripeti a pappagallo frasi fatte?

      Elimina
    5. Frasi fatte senz'altro ma che vi calzano a pennello

      Elimina
    6. Come no, soprattutto "con i soldi di papi"

      Elimina
  7. Il male dell'Europa e sopratutto dell'Africa è stata la fine del colonialismo.

    RispondiElimina
  8. Ma mi faccia il piacere!

    RispondiElimina
  9. Ma mi faccia il piacere!

    RispondiElimina