domenica 23 marzo 2014

Forum per Gorizia, una vivace forza culturale nel cuore del territorio goriziano

Foto
La sede del Forum Cultura per Gorizia, in Via Ascoli 10. Sulla sinistra la Sinagoga
Martedi' sera si terra' nella sede di Via Ascoli 10 l'assemblea annuale ordinaria del Forum per Gorizia. E' un appuntamento statutario, nel corso del quale vengono approvati i bilanci consuntivo e preventivo. Ma e' anche un'occasione per riflettere sulla vita del territorio goriziano, sulle prospettive del Forum per Gorizia, sui programmi in vista dei prossimi appuntamenti.
Il Forum nasce negli anni dell'amministrazione comunale Brancati, come strumento di collegamento fra le persone che volevano offrire un contributo critico e costruttivo a quella Giunta, nata sotto la stella delle grandi speranze e portata a repentino tramonto da oscuri giochetti di partito con i quali l'allora Ulivo aveva defenestrato - oggi si direbbe rottamato - clamorosamente il candidato naturale.
Alle elezioni del 2007, presentatosi con lista propria in una coalizione a cinque, ha condiviso con gli altri un risultato storico, con il candidato sindaco arrivato fino al 20%, per duecento voti escluso dal ballottaggio con Romoli, con ben sei candidati entrati in Consiglio Comunale e con un risultato di lista intorno al 9%. evidente la scelta dei cittadini, premianti le intuizioni di quella coalizione, molto penalizzanti le decisioni prese nei cubicoli della partitica locale.
I cinque anni di Consiglio hanno visto la dissoluzione della coalizione, ma i quattro "sopravissuti" hanno sostenuto un'opposizione civile, democratica, ma nello stesso tempo incisiva e forte, soprattutto in occasione di alcune "lotte", portate avanti con competenza e acume: le rette delle scuole dell'infanzia, i lavori pubblici goriziani, il "buco nero" (tuttora irrisolto!) di via Trento, le politiche della cultura, le ex case di confine, la valorizzazione del ruolo di Basaglia, le relazioni internazionali transfrontaliere, l'ospedale San Giovanni di Dio e tante tante altre. Senza dimenticare la grande azione per evitare - in tempi assolutamente possibili - lo scempio poi perpetuato per la costruzione degli ascensori sulla collina del Castello (da notare che il ritardo accumulato sulla tabella di marcia supera ormai i due anni, che i costi sono levitati, che il blocco da parte della Soprintendenza era assolutamente prevedibile, che non esistono tuttora previsioni di spesa mauntentiva e proiezioni costi/benefici), con i successi della raccolta delle firme, prima per la petizione, poi per l'indizione di un referendum consultivo inopinatamente "bocciato" da due dei tre "saggi" nominati dal Comune per l'occasione.
Le vicende piu' recenti sono ancora controverse; la partecipazione alle "Primarie" del Centro Sinistra, nel mese di novembre del 2011, e' stata da alcuni salutata come una doverosa e leale forma di collaborazione, da altri come l'inizio della fine: sta di fatto che il progetto politico del Forum interessava chi voleva un percorso politico innovativo e propositivo, l'inserimento in una coalizione guidata da partiti "storici" e composta da nuove "civiche" collaterali, sia pur con un candidato sindacogiovane e innovativo, ha finito con il portare la lista del Forum a una debacle senza precedenti, tutti esclusi dal Consiglio Comunale.
La scelta di andare avanti, sottolineando la necessita' di ricostruire un fondamento culturale all'azione politica, sembra essere stata illuminata e di fatto il Forum, dopo le "amministrative" del 2012, ha iniziato una "nuova vita", impegnativa ma foriera dei primi evidenti risultati. L'inaugurazione della nuova sede di Via Ascoli 10, lo scorso 6 settembre, ha avviato una serie di incontri con personalita' della cultura e della vita sociale goriziana. I primi risultati di tale azione e la prospettive per il prossimo futuro, saranno illustrate nella relazione consuntiva e programmatica, che sara' discussa all'inizio dell'assemblea di martedi'.
L'incontro e' pubblico e tutti possono partecipare, anche se, per ovvie ragioni, il diritto di voto su relazioni e bilanci sara' riservato ai soli soci.
Andrea Bellavite

7 commenti:

  1. Da una parte ho letto le 18 e da un'altra alle 20.30. a che ora c'è la riunione in cui voglio partecipare da "osservatore"? Aggiornatemi, grazie.
    Paolo Nanut, Standrez pri Gorici

    RispondiElimina
  2. E' alle 18, c'era uno sbaglio nell'elenco delle iniziative. Grazie della segnalazione!
    ab

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le 18 la vedo molto difficile che possa intervenire. Peccato. Paolo Nanut

      Elimina
  3. Eccomi qua di prima mattina a elaborare qualche riflessione su quanto detto ieri sera durante la pubblica assemblea. Innanzitutto è stata la prima volta che ho varcato la soglia della sede del Forum...Niente a confronto di quanto fece il pregiudicato tempo fa con la sede del PD. Voglio soffermarmi sulla questione politica. Sono d'accordo che il Forum di per se resti un laboratorio di idee culturali, di riflessione sulla vita cittadina ecc... ma giustamente è stato ribadito ieri sera da parte di chi è intervenuto, c'è bisogno anche di elaborare un progetto politico prima di tutto che poi già da solo inevitabilmente ne diventerà un soggetto. Già un paio di mesi fa sulle colonne de Il Piccolo avevo proposto l'idea di un "cantiere sinistro" per una Nuova Gorizia. Mi aspettavo qualche risposta a livello personale di qualcuno, ma nemmeno i miei allora compagni di partito hanno risposto all'appello. Dico compagni di allora, in quanto ho lasciato la barca perchè sono ancora convinto che i simboli contano ancora, oltre alle idee e dover vedere come i dirigenti del Prc li abbiano ammainati fa rabbia e tristezza. Ecco perchè alle prossime europee nella cabina elettorale se non vedrò nessun simbolo con la falce e martello non ritirerò la scheda per votare. Ma tornando al discorso politico per la nostra città qua il discorso cambia totalmente. So ben presente che una città come Gorizia in cui subiamo ancora l'immigrazione di moltissima gente in divisa che storicamente vota a destra, vincere è difficilissimo. Ma se ce l'abbiamo fatta una volta con Brancati questo dimostra che si può riuscire un'altra volta. E' chiaro che per la destra fare campagna elettorale è più facile, basta sventolare qualcosa di anti sloveno che subito fa proseliti...che schifo. Ma farsi promotori di qualche incontro fra forze di sinistra...dico di sinistra e in questo modo escludo sia il Pd che la SSK, su cui potrei aprire un dibattito che scatenerebbe una tempesta...In mene ne tece kri domobranc o moj Bog. Per capire cosa fare, cosa proporre per la città per attrarre l'elettorato goriziano intelligente. Poi capire ma solo nel corso dell'ultimo anno prima delle elezioni in che maniera presentarsi quali alleanze e soprattutto di candidare com sindaco. Ha ragione Andrea, di cui orgogliosamente vado sempre a ripetere che nel giugno del 2001 mi ha unito in matrimonio con Lucia, che l'ideale di candidato dovrebbe essere donna, di madre lingua slovena e goriziana. Adesso non ne vedo nessuna all'orizzonte e che una eventuale candidatura non debba passare per le primarie che ai tempi del Prc anch'io non la vedevo di buon occhio. Noi, proponiamo un programma e chi ci sta, prego si accomodi a discutere.
    Un'ultima annotazione, chi scrive sul blog per insultare ci metta la faccia firmandosi.
    Grazie, hvala.
    Paolo "Pavel" Nanut Standrez pri Gorici

    RispondiElimina
  4. Grazie del contributo. Sicuramente dobbiamo pensare ad una svolta amministrativa reale, cioè che vinca. Conciliare la necessità di vincere e le idee giuste non sarà facile, ma di sicuro è già da un po' che ci guardiamo intorno. Per quanto riguarda il resto che dici, ne parliamo quando vuoi: spesso il blog diventa una specie di trappolone, preparato da ignoti che cominciano ad insultare. Per cui purtroppo certe cose ce le dovremo dire nelle private stanze. adg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero, gli ignoranti sono sempre in agguato. Io sono sempre a disposizione nei limiti di tempo permettendo, Andrea sa come contattarmi.
      Paolo

      Elimina
  5. Il Forum è una realtà preziosa a Gorizia. Continuate così.

    RispondiElimina